Comune di Ferrara

sabato, 21 luglio 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Visitando la casa di Biagio Rossetti, tra scuola e sostenibilità

AMBIENTE E SOSTENIBILITA' - Sabato 19 ottobre alle 16 visita guidata da Francesco Scafuri allo storico edificio

Visitando la casa di Biagio Rossetti, tra scuola e sostenibilità

14-10-2013 / Giorno per giorno

Per illustrare l'iniziativa "Visitando la casa di Biagio Rossetti tra scuola e sostenibilità", in programma sabato 19 ottobre alle 16 in via XX Settembre 152, si è tenuta lunedì 14 ottobre in residenza municipale, una conferenza stampa alla presenza dell'assessore Rossella Zadro, dal responsabile Ufficio Ricerche Storiche Francesco Scafuri, dei dirigenti dell'Istituzione scolastica Donatella Mauro e Mauro Vecchi, e delle operatrici del Ceas Centro Idea del Comune.

L'iniziativa, organizzata dall'Ufficio Ricerche Storiche e dal Centro Idea del Comune di Ferrara, prevede una visita guidata a cura di Francesco Scafuri alla scoperta della residenza di Biagio Rossetti, noto architetto della Corte Estense.
L'appuntamento sarà occasione per inaugurare la nuova sede del Centro di Educazione alla Sostenibilità IDEA, la cui attività è rivolta ai cittadini, in particolare alle scuole, grazie anche all'accreditamento Ceas nell'ambito della rete regionale Infeas, circuito formato da soggetti pubblici e privati del territorio regionale per promuovere, diffondere e coordinare le azioni di educazione alla sostenibilità.

Da tutti i partecipanti alla conferenza stampa è stata sottolineata l'importanza strategica di questo edificio storico, che oltre a contenere attività educative e di promozione della sostenibilità rivolte ai cittadini - la casa è già sede del centro di documentazione dell'Istituzione Servizi Educativi e Scolastici - sarà un importante tassello di un potenziale percorso turistico culturale nella zona medioevale della città estense. 

L'iniziativa è a cura dell'Assessorato all'Ambiente, Centro Idea, Assessorato all'Edilizia Monumentale, Ufficio Ricerche Storiche Istituzione Scolastica in collaborazione con l'Istituzione Servizi Educativi e Scolastici del Comune.

 

>> Programma di sabato 19 ottobre 2013 - Casa di Biagio Rossetti Via XX Settembre, 152 - Ferrara (in caso di pioggia l'iniziativa si terrà ugualmente all'interno della Casa di Biagio Rossetti)

 

ore 16

- Rossella Zadro assessore all'Ambiente del Comune di Ferrara
Saluti e presentazione della nuova sede del Centro Idea

- Mauro Vecchi, Donatella Mauro - dirigenti del Istituzione Scolastica Presentazione del Centro
di Documentazione Raccontinfanzia - Infanzia in Europa

- Francesco Scafuri, responsabile Ufficio Ricerche Storiche del Comune di Ferrara
Escursione culturale per scoprire la storia e i segreti di una dimora del Rinascimento

 

La casa di Biagio Rossetti ospita:

- Centro di Educazione Alla Sostenibilità IDEA dell'Assessorato all'Ambiente Tel. 0532 742624 - 0532 740692 Fax 0532 60789
idea@comune.fe.it www.comune.fe.it/idea

- Centro di Documentazione Raccontinfanzia dell'Istituzione Scolastica Tel. 0532 742332 Fax 0532 744042 raccontinfanzia@edu.comune.fe.it www.infanziaineuropa.eu/ http://servizi.comune.fe.it/index.phtml?id=198

 

CENNI STORICI - La casa di Biagio Rossetti, a cura di Francesco Scafuri


La casa fu costruita a partire dal 1490 dall'architetto di corte Biagio Rossetti (1447 ca.-1516), grande urbanista, nonché ingegnere civile e militare, ricordato universalmente come l'autore ed artefice principale dell'Addizione Erculea, il famoso piano regolatore ante litteram voluto da Ercole I d'Este. Rossetti fu impegnato altresì in una serie di cantieri come progettista, direttore dei lavori o imprenditore edile, tanto da essere considerato il più grande architetto ferrarese di tutti i tempi.
La sua abitazione, ultimata soltanto dopo il 1502, sorse sulla via della Ghiara (oggi via XX Settembre), una delle strade più importanti della città, a poca distanza dall'antico corso del Po di Ferrara. Pensata inizialmente da Biagio come una semplice "casetta" per sé e la sua famiglia, al termine dei lavori, grazie al suo ingegno, divenne una prestigiosa dimora. L'architetto coinvolse nell'impresa due tra i più valenti artisti attivi presso gli Estensi, Fino e Bernardino Marsili, i quali decorarono e affrescarono l'edificio sia esternamente che internamente. Al "tagliapietra" Gabriele Frisoni, straordinario collaboratore di Rossetti, vengono attribuiti invece i cotti decorativi del portale d'ingresso, dove sono raffigurati cavalli marini raffrontati, conchiglie, testine di putti ed altri elementi che ritornano anche negli archetti delle finestre. La casa, quindi, divenne un vero e proprio palazzo signorile, con muri esterni merlati e dipinti "a paesi", un bel giardino caratterizzato da alberi da frutto e siepi, un cortile e una loggia.
Lo storico fabbricato rimase di proprietà della famiglia Rossetti fino alla metà del Seicento, mentre dal secolo successivo iniziò la lenta decadenza dell'intero complesso, destinato in seguito a vari usi dai proprietari. Nel 1910-11 l'edificio venne restaurato a cura dell'associazione Ferrariae Decus, che decise di conservare gran parte della facciata; nell'occasione, tuttavia, la cornice di coronamento realizzata nel Settecento, fu sostituita da un cornicione di modello rinascimentale, tipico in Ferrara tra la fine del XV e i primi del XVI secolo. La casa fu acquistata dal Comune nel 1974, quindi di nuovo restaurata, mentre dal 1998 e fino a qualche anno fa ha ospitato il Musarc (Museo dell'Architettura). Oggi è la sede prestigiosa di uffici comunali.
Gli studiosi assegnano alla dimora quattrocentesca un ruolo importante nell'ambito dello sviluppo dell'architettura a Ferrara; basti pensare al disegno architettonico del prospetto principale, tutto in mattoni, caratterizzato tra l'altro dalle "finestre binate" sormontate da archivolti in cotto, elementi che verranno ripresi nell'architettura ferrarese anche negli anni e nei secoli successivi. La facciata rinascimentale assume, inoltre, una particolare valenza urbanistica se la si mette in rapporto con la via Caprera, che sta di fronte; quest'ultima strada rappresenta una sorta di lungo cannocchiale urbanistico, in fondo al quale si staglia il prospetto principale della casa di Rossetti, visibile per successivi quadri prospettici mano a mano che l'osservatore si avvicina allo storico edificio. Con la sua abitazione, poi, il Rossetti introduce nella città estense uno schema planimetrico di derivazione veneta, che ancora si può riconoscere visitando le varie stanze, nonostante le trasformazioni operate nel tempo.
Ecco perché, passeggiando davanti all'abitazione rossettiana, nel cortile o negli ambienti interni, ancora oggi si viene rapiti da una piacevole suggestione, complice l'atmosfera d'altri tempi, tranquilla e raccolta, che vi si respira.

 

>> LE SCHEDE

IL CENTRO IDEA - Collocato nel palazzo storico "Casa di Biagio Rossetti" nel cuore di Ferrara, all'interno delle antiche mura, il Centro IDEA gode di una posizione facilmente raggiungibile sia a piedi che in bicicletta. All'interno del palazzo occupa il piano nobile ed è dotato di due grandi uffici e di una biblioteca tematica con annessa sala riunioni e punto di consultazione. Una sala conferenze attrezzata, uno spazio espositivo e un giardino esterno completano le dotazioni del Centro permettendo un utilizzo multifunzionale della struttura. Il Centro di Educazione alla Sostenibilità IDEA aspira ad educare, rendere competenti e motivare le persone, affinché accolgano cambiamenti positivi nel loro modo di vivere e lavorare.
Questa visione è condivisa anche dall'Amministrazione di cui fa parte: il Comune di Ferrara, che ha certificato il suo Sistema di gestione ambientale secondo la norma ISO 14001:04 ed ha aderito al "Patto dei Sindaci" impegnandosi a realizzare il Piano di Azione per l'Energia Sostenibile. Il Centro IDEA col proprio lavoro e le proprie attività vuole rappresentare un esempio concreto di sostenibilità. "Coltiviamo idee e persone. E in un mondo sempre più incerto, ci proponiamo di fornire messaggi positivi e soluzioni pratiche per un cambiamento dinamico e creativo.
Nel perseguire questi obiettivi, accogliamo le famiglie e le scuole, professionisti e gruppi locali, o semplicemente chiunque abbia un interesse in quello che facciamo."

LA SOSTENIBILITA' - Non significa solamente vivere "green". Significa anche praticare e promuovere processi decisionali nei quali fattori economici, sociali e ambientali siano bilanciati nella direzione di un'utilità collettiva. Le realtà dei cambiamenti climatici, la siccità, la diminuzione delle risorse, gli sprechi di energia, i conflitti e le ingiustizie sociali stanno diventando sempre più pressanti. Tutti noi possiamo prendere la decisione di vivere in un modo migliore, più verde, più felice e più giusto.
La sostenibilità è sociale, quando si garantisce una società forte, sana e giusta per le comunità attuali e future. La sostenibilità è economica, quando i costi ambientali e sociali ricadono su coloro che li causano, e le risorse sono distribuite equamente ed efficientemente. La sostenibilità è ambientale, quando si rispettano e proteggono i limiti del nostro pianeta, l'ambiente, le risorse e la biodiversità.
Agendo in modo più sostenibile, basato sulla coscienza, l'equità e la comprensione, possiamo sviluppare un mondo per il quale le generazioni future ci ringrazieranno. Si può iniziare da qui. Il nostro obiettivo è quello di aprire le orecchie, gli occhi e le menti e, ci auguriamo, di invogliare tutti noi ad agire in modo diverso.

COSA FACCIAMO

- Educare alla sostenibilità
Ogni anno il Centro IDEA propone un'offerta formativa rivolta al mondo della scuola che raccoglie varie iniziative: percorsi di promozione della mobilità sostenibile, del risparmio ed uso sostenibile delle risorse, della conservazione della biodiversità. Per coinvolgere attivamente i partecipanti utilizziamo metodologie come i giochi di ruolo, i laboratori creativi, la progettazione partecipata.
- Progettare e lavorare assieme
Sviluppiamo e gestiamo progetti educativi locali e comunitari nel campo della sostenibilità, in sinergia con tutta l'Amministrazione, i soggetti del territorio, la Regione Emilia Romagna e la sua rete INFEAS.

- Comunicare
Coinvolgiamo la cittadinanza locale e le scuole in manifestazioni che si svolgono annualmente e che rappresentano un filo conduttore nella comunicazione della sostenibilità: un albero in regalo da accudire e crescere per imparare il valore della biodiversità e dell'essere responsabili, una sporta in dono per non consumare plastica e risorse, pulire assieme un parco per sviluppare la cittadinanza, progettare un giardino perché ognuno sa fare qualcosa e così viene tutto meglio. Azioni consapevoli per sviluppare fiducia e coscienza.

- Numeri e ambiente
Il Centro IDEA sviluppa azioni che coinvolgono tutta l'Amministrazione attraverso la contabilità ambientale e l'utilizzo di indicatori di sostenibilità. Si occupa di elaborazione, approvazione e divulgazione del Bilancio Ambientale e del censimento dei dati ambientali necessari all'adesione ad indagini nazionali ed internazionali sul tema della sostenibilità. Coinvolge uffici e servizi nel complesso compito di trovare azioni e progetti per abbassare l'impatto su risorse, ambiente, società e territorio.

- Libri e nuovi orizzonti
"Niente come la lettura può dischiudere in modo imprevedibile la vista di nuovi orizzonti" (T. De Mauro). La biblioteca del Centro IDEA, che contiene testi, documenti e riviste sul tema della sostenibilità e dell'ambiente ha questo compito, stimolare nel lettore nuove consapevolezze, attraverso la conoscenza e le emozioni che i libri sanno dare. I libri sono consultabili e disponibili al prestito presso la nostra sede. L'elenco dei testi è accessibile nel Catalogo del Polo Unificato Ferrarese all'indirizzo: http://opac.unife.it
Comune di Ferrara e sostenibilità
Il personale del Centro IDEA è attivo e di sostegno alle attività trasversali dell'Ente, quali la Certificazione ISO14001:04, il Patto dei Sindaci, la sostenibilità degli eventi culturali, gli acquisti verdi, le candidature del'Ente ai premi sul tema sostenibilità.


Il Centro Idea ha sede in Via XX Settembre 152, presso la prestigiosa palazzina "Casa di Biagio Rossetti". Situata nel quartiere San Giorgio, la si può raggiungere comodamente in bicicletta dal centro storico o prendendo la linea 2 dell'autobus; in automobile da via Ravenna si attraversa il Ponte di San Giorgio e procedendo in Via Porta Romana si arriva in via XX Settembre.

Centro IDEA - Assessorato all'Ambiente Comune di Ferrara
Via XX Settembre, 152 - 44121 Ferrara
Tel. 0532 742624 0532 740692 Fax 0532 60789
e-mail: idea@comune.fe.it www.comune.fe.it/idea

 

La rete INFEAS e il Centro Idea
Il sistema regionale INFEAS è un'organizzazione a rete che coinvolge, in un modello di collaborazione attiva, soggetti pubblici e privati del territorio regionale per promuovere, diffondere e coordinare le azioni di educazione alla sostenibilità. Dal 3 agosto 2012 la Rete dei Centri di Educazione Ambientale è stata riorganizzata e sono stati accreditati i Centri di Educazione Alla Sostenibilità (CEAS), che presentano caratteristiche tali da garantire qualità e continuità alle proprie azioni educative e comunicative nei diversi settori legati alla sostenibilità (ambiente, agricoltura, cittadinanza, mobilità, salute, ecc.). Sono stati riconosciuti 37 Centri in 4 diverse tipologie: CEAS Multicentri per l'educazione alla sostenibilità nelle aree urbane (istituiti dai Comuni capoluogo, CEAS Intercomunali per l'educazione alla sostenibilità istituiti da Associazioni e Unioni di Comuni), CEAS Aree Protette (istituiti dalle Macroaree Parchi e biodiversità) e CEAS Eccellenze del sistema regionale. Il Centro IDEA, precedentemente accreditato nella rete INFEA dalla Legge 15 del 1996 è stato riconosciuto, con la nuova legge regionale 27 del 2009, secondo criteri e indicatori di qualità come "CEAS Multicentro Urbano per l'Educazione alla Sostenibilità". Il CEAS Centro IDEA fa parte dell'Assessorato all'Ambiente del Comune di Ferrara. Come Multicentro nasce dall'esigenza e con l'obiettivo di coordinare e integrare una pluralità di risorse pubbliche e di collaborare, tramite accordi, con le forme associative e i soggetti privati operanti nel campo dell'educazione, della comunicazione e della partecipazione alla sostenibilità nelle aree urbane (come mobilità, salute, sicurezza, verde pubblico, ecc); ha l'obiettivo di supportare le politiche di sostenibilità e le specifiche problematiche delle aree urbane attraverso un insieme di strumenti, metodologie, iniziative e programmi educativi, formativi, comunicativi, partecipativi, offrendo servizi che coinvolgono la cittadinanza, le scuole, le categorie sociali ed economiche e la stessa pubblica amministrazione.

 

 

Immagini scaricabili:

visitando_casa_rossetti.jpg rossetti1 rossetti2 rossetti3

Allegati scaricabili: