Comune di Ferrara

venerdì, 19 ottobre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Il 26 dicembre giovedì senz'auto per contrastare l'emergenza polveri sottili

AMBIENTE E MOBILITA' - Divieto di circolazione nel centro abitato dalle 9 alle 14

Il 26 dicembre giovedì senz'auto per contrastare l'emergenza polveri sottili

23-12-2013 / In primo piano

A fronte del perdurare di elevati livelli di polveri sottili nell'aria, il Comune di Ferrara adotta un provvedimento straordinario di limitazione della viabilità per il prossimo giovedì 26 dicembre. L'area cittadina interessata dal divieto di circolazione sarà la stessa dei consueti giovedì senz'auto, ossia il centro abitato di Ferrara (delimitato dalla specifica segnaletica), con l'esclusione delle ‘strade corridoio', e il provvedimento varrà per tutti i veicoli, esclusi, fra gli altri, quelli elettrici, a metano, gpl o ibridi, e quelli a benzina o diesel conformi alle direttive Euro 4 o Euro 5, nonché i diesel dotati di filtro antiparticolato (del quale risulti annotazione sulla carta di circolazione). Ulteriori deroghe riguarderanno inoltre le vetture con almeno tre persone a bordo se omologate per quattro o più posti e con almeno due persone se omologate per due posti, oltre ai veicoli condivisi (car sharing) e ai ciclomotori e motocicli omologati Euro 2 e Euro 3. I provvedimenti non si applicheranno inoltre agli autoveicoli per trasporti specifici e autoveicoli per uso speciale, così come definiti dall'art. 54 del Codice della Strada.
Altre deroghe per particolari categorie di veicoli sono elencate nell'ordinanza di adozione dei provvedimenti (in allegato).
La misura è stata decisa sulla base dei dati rilevati negli ultimi giorni da Arpa che evidenziano un costante e prolungato superamento del valore limite della concentrazione di Pm10 giornaliero in tutto il territorio regionale e in considerazione delle previsioni meteorologiche che fanno presumere il proseguire della tendenza anche nei prossimi giorni. L'Accordo di programma regionale per la Qualità dell'aria prevede infatti la possibilità di attivazione, da parte dei Comuni firmatari, di misure emergenziali in relazione alla mobilità e agli impianti civili di riscaldamento, nel caso del perdurare di situazioni di sforamento dei valori limite di PM10 fissati dalle normative.

 

Immagini scaricabili:

liberiamolaria_logo.jpg

Allegati scaricabili: