Comune di Ferrara

mercoledì, 12 dicembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Un protocollo per l'erogazione del microcredito alle piccole imprese ferraresi

ASSESSORATO ATTIVITA' PRODUTTIVE E LAVORO - Firmato da Comune e Cofiter

Un protocollo per l'erogazione del microcredito alle piccole imprese ferraresi

12-09-2016 / Giorno per giorno

Comune di Ferrara e Cofiter (Confidi Terziario Emilia Romagna) hanno sottoscritto questa mattina, lunedì 12 settembre in residenza municipale, un Protocollo d'intesa per supportare l'imprenditorialità locale attraverso l'erogazione diretta di microcredito. All'incontro, svoltosi alla presenza degli organi di informazione locale, sono intervenuti il sindaco Tiziano Tagliani, l'assessora al Lavoro, Ambiente e Sviluppo Territoriale Caterina Ferri, il presidente Cofiter Marco Amelio, il direttore generale Cofiter Marco Barbero, il direttore tecnico della Sipro Silvia Pulvirenti e il direttore generale Carice Ivan Damiano.

 

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori)

Sottoscritto il Protocollo d'intesa tra Comune di Ferrara e Cofiter Microcredito alle piccole attività

Un protocollo d'intesa per supportare l'imprenditorialità locale attraverso l'erogazione diretta di microcredito. È quello sottoscritto stamattina, lunedì 12 settembre, in Municipio, tra il Comune di Ferrara e Cofiter (Confidi Terziario Emilia Romagna), con sede a Bologna, per sostenere l'avvio, lo sviluppo e la crescita di piccole e medie attività, che rappresentano il tessuto produttivo fondamentale del territorio. Della durata di un anno, rinnovabile, vede il coinvolgimento di Sipro, l'Agenzia per lo sviluppo provinciale, che fungerà da soggetto operativo per conto del Comune, e della Cassa di Risparmio di Cento, che attraverso una convenzione stipulata con Cofiter garantirà il parziale abbattimento di alcune spese a carico delle aziende.

L'operazione: fino a 25 mila euro l'importo erogato da Cofiter (grazie ad accordo siglato col Fondo Centrale di Garanzia), 72 mesi la durata del finanziamento. Finalità: acquisto di beni e servizi, retribuzione nuovi dipendenti, corsi di formazione. Destinatarie sono le imprese con non più di 5 dipendenti e i titolari di partita Iva da non più di 5 anni. E quanti, in generale, a fronte di un valido progetto, hanno oggi difficoltà ad accedere a finanziamenti tradizionali. Quindi giovani, donne, espulsi dal mondo del lavoro, che vogliono rimettersi in gioco trasformandosi da ex dipendenti a imprenditori. L'importante è che si tratti di attività capaci di portare ricchezza sul territorio, anche in termini occupazionali. Non trascurabile dunque la valenza sociale.

«Compito degli Enti locali - il commento del sindaco, Tiziano Tagliani - è favorire le relazioni tese a creare occasioni per supportare le imprese che vogliono lanciarsi nel mercato. E crescere». Nel dettaglio è entrata l'assessore competente, Caterina Ferri, che ha spiegato come il protocollo sia stato pensato «per sostenere l'iniziativa imprenditoriale di persone fragili, che hanno magari idee e competenze ma non le risorse per partire. Rientra appieno tra le finalità di Lavoro per Ferrara, attuazione locale del Patto per il lavoro regionale». E nella mission di Cofiter, che con oltre 30mila soci e una consolidata collaborazione con le reti Confcommercio e Confesercenti, come hanno rilevato rileva il Presidente, Marco Amelio, e il Direttore Generale, Marco Barbero, «ha già sostenuto nel 2014 operazioni di microcredito con il Fei (Fondo Europeo per gli investimenti), supportando un centinaio di attività, una ventina delle quali sul territorio ferrarese». E ha recentemente sottoscritto un accordo con Aster (Consorzio regionale per l'innovazione e la ricerca industriale) «con specifico riferimento alla nascita e al consolidamento di start up».

«Noi - il commento di Silvia Pulvirenti, direttore tecnico Sipro - mettiamo a disposizione la rete degli Sportelli Sipromuove ideata per aumentare la diffusione delle informazioni e la capacità delle imprese di accedere alle opportunità di finanza pubblica oggi disponibili sul territorio». La chiosa è stata del Direttore Generale Carice, Ivan Damiano, che dopo aver posto l'accento su fatto che «le piccole imprese sono le più difficili da valutare ma sono oggi sempre di più quelle che nascono piccole e diventano grandi», ha sottolineato come il protocollo sia espressione «di una collaborazione pubblico-privato» fondamentale per il rilancio della territorialità. Info http://www.cofiter.it/servizi/trasparenza.php.

Le domande potranno essere inoltrate a Sipro da martedì 13 settembre.

Info e contatti: tel. 0532/243484 - email: anna.fregnan@siproferrara.com

 

 

Immagini scaricabili: