Comune di Ferrara

venerdì, 26 maggio 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > La nuova determinazione dei valori venali per le aree fabbricabili ai fini IMU

URBANISTICA E TRIBUTI - Illustrata la delibera dagli ass. Fusari e Vaccari

La nuova determinazione dei valori venali per le aree fabbricabili ai fini IMU

07-03-2017 / Giorno per giorno

Si è tenuta questa mattina, martedì 7 marzo in residenza municipale, una conferenza stampa per presentare la delibera relativa alla 'revisione dei valori delle aree edificabili ai fini IMU'. Nel corso dell'incontro sonostati illustrate le modifiche del Regolamento dell'imposta municipale propria con l'aggiornamento della tabella dei valori venali delle aree fabbricabili del Comune di Ferrara e l'aggiornamento delle tabelle dei valori delle Monetizzazioni urbanistiche.

Sono intervenuti gli assessori alla Contabilità/Bilancio Luca Vaccari e all'Urbanistica Roberta Fusari, il dirigente comunale del Servizio Ufficio di Piano Antonio Barillari, la dirigente del Settore Finanze e Bilancio Piera Pellegrini e il responsabile Unità Organizzativa Imu-Tasi-Ici del Servizio comunale Servizi Tributari Enrico Scalambra.

All'incontro hanno partecipato anche i rappresentanti degli Ordini e Collegi professionali Architetti, Ingegneri e Geometri che hanno espresso soddisfazione per il percorso avviato in sinergia con l'Amministrazione comunale "andando a stimolare con questa azione un settore oggi in una fase delicata a causa della situazione economica generale".

La delibera, che oggi ha superato il vaglio della Giunta, verrà ora esaminata nella 1.a Commissione consiliare quindi approderà in Consiglio comunale per la definitiva discussione e approvazione entro la fine di questo mese. 

  

LA SCHEDA - Determinazione dei valori venali per le aree fabbricabili ai fini IMU

Nella seduta odierna (7mar2017) la Giunta comunale ha assunto una delibera - prossimamente all'esame della I Commissione poi del Consiglio comunale - nella quale vengono rideterminati i valori di riferimento per le aree fabbricabili, che costituiscono la base di calcolo dell'IMU.

A seguito dell'entrata in vigore dell'IMU, il Comune di Ferrara commissionava uno studio destinato ad assegnare un valore venale alle aree in questione, che venne assunto come riferimento per l'imposizione IMU a partire dall'1/1/2014. Per effetto della crisi di mercato, queste valutazioni risultano ormai eccessive, per cui su sollecitazione di alcuni consiglieri comunali e degli ordini professionali e alla luce degli strumenti urbanistici approvati, è stata costituita una Unità di Progetto, che ha effettuato una accurata revisione delle tabelle vigenti.

La nuova tabella contenente i valori di riferimento è il risultato dei lavori dell'Unità di Progetto ed è allegata alla delibera in oggetto, insieme alla relazione tecnica. La base di partenza è costituita dai valori forniti dall'Osservatorio del Mercato Immobiliare, rettificati per una serie di parametri sostanzialmente riconducibili alle capacità edificatorie, il valore così determinato viene rapportato al tipo di strumento urbanistico in cui è inserita l'area.

Ai fini IMU la riduzione media dei valori delle aree è pari all'11,8%, dato che ovviamente incorpora sensibili differenze tra le varie zone del territorio comunale.
Si stima che la riduzione di base imponibile non si traduca in una automatica diminuzione di gettito, ma venga compensata da versamenti allineati ai nuovi valori.
Da non trascurare, infine, la riduzione del potenziale contenzioso.

Questa modifica dei valori venali ai fini IMU comporterà un successivo aggiornamento dei valori di monetizzazione, che afferiscono agli oneri urbanistici. La Giunta Comunale potrà rivedere al ribasso le attuali tariffe di monetizzazione allineandole ai nuovi valori di riferimento; le riduzioni saranno consistenti, una media del 50% dei valori attuali, riducendo quindi l'onerosità degli interventi di trasformazione della città, così come richiesto dal Consiglio Comunale, e per favorire l'emersione dei tanti piccoli interventi (ad esempio il cambio d'uso) che talvolta vengono realizzati senza titolo edilizio. Maggior equità sul territorio e migliore controllo delle trasformazioni dell'esistente.

(A cura degli Assessorati comunali all'Urbanistica e alla Contabilità e Bilancio)

 

Immagini scaricabili: