Comune di Ferrara

lunedì, 22 maggio 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Laboratorio per mettere in rete le comunità di cittadini che progettano e realizzano azioni per migliorare la qualità di vita

URBAN CENTER - Giovedì 30 marzo alle 18 al centro Acquedotto (corso Isonzo 42) per 'Officina dei Saperi'

Laboratorio per mettere in rete le comunità di cittadini che progettano e realizzano azioni per migliorare la qualità di vita

20-03-2017 / Giorno per giorno

Sono stati illustrati ai giornalisti questa mattina, lunedì 20 marzo in residenza municipale, i contenuti e le modalità di svolgimento del laboratorio cittadino "Verso una rete tra le comunità di pratiche" in programma giovedì 30 marzo nell'ambito del progetto "Officina dei Saperi" al centro sociale Acquedotto di corso Isonzo 42. Obiettivo principale del laboratorio è far conoscere fra di loro le numerose e diverse realtà organizzate e spontanee del territorio comunale che si occupano dei beni pubblici e di migliorare, con proposte e azioni concrete, la qualità di vita della città.
All'incontro di presentazione sono intervenuti l'assessora all'Urbanistica e alla Rigenerazione urbana Roberta Fusari, l'assessore alla Contabilità e all'Economia solidale Luca Vaccari, la portavoce del sindaco Anna Rosa Fava, le referenti di èFerrara Urban Center - tra cui Ilenia Crema e Chiara Porretta - e alcuni portavoce dei comitati che aderiscono alla rete "Ferrara mia".

Proprio nella seduta del Consiglio comunale di oggi, lunedì 20 marzo 2017, verrà discusso e posto all'approvazione il nuovo "Regolamento comunale per la partecipazione nel governo e nella cura dei beni comuni" e delle relative "Linee guida operative per i primi due anni di sperimentazione (2017 2019)", redatti nel contesto del percorso partecipativo "Ferrara mia" che ha coinvolto cittadini e comitati spontanei attivi nel territorio.

LA SCHEDA - (a cura dell'Urban center èFerrara) Laboratorio cittadino "Verso una rete tra le comunità dio pratiche" giovedì 30 marzo alle 18, Centro Sociale Acquedotto (Corso Isonzo 42 - FE), nell'ambito del progetto "Officina dei Saperi".

OFFICINA DEI SAPERI è un progetto realizzato con i contributi del Bando Regionale per la promozione dei processi partecipativi, e grazie ad un co-finanziamento dell'Assessorato al Bilancio con il mandato specifico di studiare la sostenibilità economica delle micro-progettualità civiche dei cittadini attivi nel governo e cura dei beni comuni.

Il Laboratorio cittadino di giovedì 30 marzo, con inizio alle 18 nella sede del Centro Sociale Acquedotto di Corso Isonzo 42, è un momento pubblico pensato per riunire le diverse realtà del territorio che svolgono e promuovono iniziative di partecipazione civica, a partire da abitudini quotidiane e attività spontanee semplici ma che rispondono nel concreto agli interessi delle comunità. È un incontro aperto a tutti coloro che si mettono in gioco in prima persona, per puro senso civico, e che hanno a cuore il miglioramento della qualità di vita della città di Ferrara.

> Sito web di riferimento e questionario adesione/iscrizione:

http://www.urbancenterferrara.it/officina-dei-saperi-verso-rete-le-comunita-pratiche/

>> LA LETTERA ALLE ASSOCIAZIONI E A I COMITATI CITTADINI  

Abbiamo pensato al Laboratorio cittadino del 30 marzo come ad un momento pubblico per riunire le diverse realtà del territorio che svolgono e promuovono iniziative di partecipazione civica, a partire da abitudini di vita e attività spontanee semplici ma che rispondono nel concreto agli interessi delle comunità. È un incontro aperto a tutti coloro che si mettono in gioco in prima persona, per puro senso civico, e che hanno a cuore il miglioramento della nostra città: comunità di pratiche locali e cittadini singoli, associazioni, sport e volontariato, rappresentanti politici, attivisti civici e digitali...

Sono due anni che come Urban Center lavoriamo su questi temi, è tempo di presentarci alla città insieme alle comunità di pratiche locali e ai cittadini singoli che abbiamo conosciuto e con i quali siamo in rete, mostrare gli impatti concreti di questo lavoro collettivo nei territori, nelle comunità e nei regolamenti comunali.

Vorremmo foste in tanti il 30 marzo, ci piacerebbe riuscire ad arrivare anche ai più giovani e ai tanti abitanti delle frazioni per avere un ritratto quanto più rappresentativo del territorio ferrarese. Durante l'incontro cercheremo di capire come le persone che vivono a Ferrara sentono di partecipare nel concreto alla vita e alle scelte di questa città. Le riflessioni e le proposte che raccoglieremo saranno utili a delineare i temi strategici e prioritari per avviare un percorso di ripensamento e revisione collettiva delle forme contemporanee della partecipazione civica all'amministrazione locale, per chiudere entro il 2019 con impatti concreti nei regolamenti e negli strumenti comunali. Ora, più che mai abbiamo bisogno di essere in tanti, abbiamo bisogno del contributo di tutti!

Per cominciare a ragionare sui contenuti che andremo ad affrontare il 30 marzo abbiamo elaborato un QUESTIONARIO ON-LINE - https://goo.gl/forms/Qa5Hu5pIG58D8Efl1, non solo per raccogliere considerazioni utili da approfondire durante l'incontro, ma soprattutto per cercare di dare voce anche a coloro che non potranno essere presenti.

Programma dettagliato della serata:

- PRIMA PARTE, dalle 18.00 alle 20.00
- presentazione delle comunità di pratiche e cittadini singoli fino ad oggi intercettati (2014-2016) con il progetto Ferrara mia e degli impatti concreti nei territori, raccolta di nuove disponibilità e proposte per aprire la rete al territorio;
- costruzione di un quadro di riferimento sulle forme contemporanee locali di partecipazione popolare, raccolta di disponibilità per contribuire alla progettazione del percorso (2017-2019);

- presentazione di nuovi strumenti e regolamenti comunali nati a seguito del percorso partecipativo Ferrara mia: Carta dei Beni Comuni, Regolamento dei Beni Comuni, Regolamento cura e riconversione del verde pubblico, distribuzione di un Documento informativo sintetico per le pratiche spontanee di cittadinanza attiva;

- presentazione del progetto e intervento a cura del Sindaco, momento formativo a cura di Stefano Stortone, esperto di processi partecipativi.

 

- SECONDA PARTE, dalle 20.00 in poi
Momento conviviale libero con rinfresco per conoscersi e farsi conoscere, chiedere informazioni e fissare appuntamenti con éFerrara Urban Center e le altre realtà di cittadini attive nella Rete Ferrara Mia.

 

Immagini scaricabili: