Comune di Ferrara

lunedì, 20 novembre 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > MyFe Card aumenta le vendite. Maisto: 'Confermata la capacità attrattiva della città'

ASSESSORATO A CULTURA E TURISMO - Positivo il bilancio del Tavolo tecnico per il turismo ferrarese

MyFe Card aumenta le vendite. Maisto: 'Confermata la capacità attrattiva della città'

13-07-2017 / Giorno per giorno

(A cura dell'Assessorato alla Cultura e al Turismo)
Nella mattinata di mercoledì 12 luglio si è svolto il tavolo tecnico per il turismo ferrarese, appuntamento trimestrale nel quale l'assessore alla Cultura e al Turismo congiuntamente con il direttore della Camera di Commercio, accolgono gli operatori privati del comparto turistico per delineare insieme le priorità della strategia di promozione commerciale della città. In questa sede l'amministrazione ha voluto presentare alcuni dati relativi ai flussi turistici e alla vendita dei titoli d'ingressi ai musei. 

«È stata la pagella delle città pubblicata da "Milano Finanza", lo scorso 1 luglio - esordisce il vicesindaco e assessore a Cultura e Turismo Massimo Maisto - a indicare Ferrara tra le dieci realtà più attrattive d'Italia, e tra i domini di analisi individuati per misurarne la capacità di esprimere valore, c'erano i bilanci comunali, le condizioni socio-economiche, il livello dei servizi e dei trasporti, lo sviluppo delle imprese, il mercato del lavoro, l'intensità degli spostamenti dei suoi abitanti. Tutti indicatori che consentono un'offerta turistica completa».

Un focus particolare è stato dedicato alla MyFe Card, la tessera che dà l'accesso a tutti i musei della rete, con sconti e agevolazioni negli esercizi commerciali che aderiscono e sui mezzi di trasporto convenzionati. «Da gennaio a giugno 2017  - spiega Maisto - le vendite della MyFe Card hanno superato del 5% i risultati dello scorso anno sia nel Castello Estense, il baluardo del patrimonio cittadino storico e architettonico, sia nella Palazzina Marfisa d'Este, monumento che identifica i musei meno valorizzati dai tour operator, ma per questo non meno preziosi e da promuovere. Il trend di crescita costante dimostra che la card si è affermata quale strumento turistico indispensabile per Ferrara, città d'arte e di cultura». A quattro anni del lancio della Card e nonostante i buoni risultati delle vendite, si è voluto proporre una campagna promozionale totalmente rinnovata nella grafica. Pertanto sono state create sei cartoline che illustrano elementi simbolo della città, interpretando le personificazioni di bellezza, grandezza, sacro, profano, arte, spettacolo. L'obiettivo di questa campagna è quello di mostrarsi al turista con semplicità e originalità, e proporre nuove suggestioni.

«Oggi MyFe Card entra in una fase nuova, concepita per mettere sempre più in sinergia il settore pubblico con quello privato: l'amministrazione intende dare più spazio e più slancio agli imprenditori e agli esercenti locali. L'amministrazione intende - spiega il vicesindaco -  bandire una manifestazione d'interesse per coinvolgere gli esercenti del centro storico come primi testimoni della Card e nello specifico verrà chiesto loro di proporre delle modalità di agevolazione dedicata ai possessori della MyFe Card. In questo modo entreranno a far parte di specifiche campagne di promozione e marketing finanziate dall'amministrazione».

Seguendo la filosofia di ampliare lo spettro delle opportunità per il turista, si è scelto di dare spazio a due musei afferenti al Polo Museale, Casa Romei e il Museo Archeologico, in vista di un loro sempre più stretto coinvolgimento in una dinamica di potenziamento dell'offerta culturale ferrarese. Grazie alla convezione tra Comune di Ferrara e Polo museale dell'Emilia-Romagna, con una parte del ricavato dalle vendite della MyFe Card si è elaborato altresì un piano di comunicazione accattivante, coordinato e organico, finalizzato alla promozione di due musei statali ferraresi.

Lo sviluppo di questa campagna ha individuato come strumenti d'azione: un "pacchetto" di cartoline, pieghevoli, segnalibri e due filmati video, destinati a far conoscere i propri tesori a un pubblico sempre più ampio e differenziato. Il linguaggio scelto è innovativo e immediato grazie alla divulgazione sul web, mentre allo stesso tempo rimane coerente al prodotto turistico museale.

Immagini scaricabili:

Le varie tipologie di MyFe card