Comune di Ferrara

giovedì, 21 settembre 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Antonioni e Bergman, a dieci anni dalla scomparsa

Antonioni e Bergman, a dieci anni dalla scomparsa

29-07-2017 / A parer mio

di Maria Cristina Nascosi

Una manciata di ore di distanza segnarono, 10 anni fa, lunedì 30 luglio 2007, la data della scomparsa di due sommi del cinema mondiale, il ‘nostro' Michelangelo Antonioni e lo svedese Ingmar Bergman.
Due perdite immani, incalcolabili, anche per la Storia della Cultura, in generale.
Accade spesso che le personalità di gran rilievo - me lo fece notare mio padre Elio, scomparso 7 anni fa, in questi giorni, con la sua saggezza di senex - abbiano ad andarsene quasi come Muse Geminae, ‘consci' di aver ‘fatto' ormai, la loro parte.
Tra loro non c'era - per quanto è dato sapere da biografi più o meno ufficiali - gran feeling: Bergman, in particolare, disse di Antonioni: "Ha fatto due capolavori ‘Blow up' e ‘La Notte', ma non vale la pena di annoiarsi con il resto...".
Certo un giudizio spietato, crudele nella sua sincerità di artista nordico, ma non dev'essere dispiaciuto - illazione? - al 'nostro' Michelangelo, persona di grande autenticità ed onestà, specie nell'esporre il suo credo cinematografico e in genere, 'umano'.
L'han dimostrato i suoi libri, i suoi film, le interviste fattegli negli anni e 'viste' in tv, ed ancor prima i suoi articoli: come tutti i grandi 'facitori di cinema, la Settima Arte', aveva iniziato come cine-critico su Cinema, la rivista di Ulrico Hoepli diretta da Vittorio Mussolini, uno dei figli del Duce. In quegli stessi anni Quaranta, Mussolini sceneggiatore e produttore cinematografico, sotto lo pseudonimo anagrammato di Tito Silvio Mursino, scrisse il soggetto di film quali 'Un pilota ritorna', sceneggiato da Michelangelo Antonioni e diretto da Roberto Rossellini.
Anche la Mostra Internazionale Cinematografica di Venezia, quest'anno alla sua 74a edizione, lo ricorderà, nella sezione Classici Restaurati, mostrando il suo capolavoro del 1964, 'Deserto Rosso', già restaurato anni fa dalla Cineteca Nazionale e mostrato a Ravenna - il luogo dove era stato girato - nel 1998.
Da non perdere, la sera del 30 luglio, l'omaggio dei mass media istituzionali nazionali a Michelangelo Antonioni per questo decennale di scomparsa alle 23 su Rai Storia.
Si tratterà di un tributo davvero corale in forma di un documentario arricchito da preziose perle d'archivio delle Teche Rai, con back-stage, dichiarazioni spontanee dei collaboratori ai giornalisti e rare interviste d'epoca ai suoi più stretti collaboratori ed amici quali: il suo primo grande musicista e glossatore musicale, Giovanni Fusco, poi lo scrittore e sceneggiatore Ennio Flaiano, suo grande collaboratore, la sua grande Musa, Monica Vitti ed ancora Marco Ferreri, Francesco Maselli, Gian Luigi Rondi, Tonino Guerra...
Da non perdere, per non dimenticare di ricordare, almeno per qualche ora, uno dei più grandi figli della straordinaria e unica città di Ferrara.

Immagini scaricabili:

Ingmar Bergman e Michelangelo Antonioni