Comune di Ferrara

mercoledì, 20 settembre 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nota dell'assessora Chiara Sapigni* in merito all'assegnazione delle case popolari

Nota dell'assessora Chiara Sapigni* in merito all'assegnazione delle case popolari

01-09-2017 / Punti di vista

La questione dell'assegnazione delle case popolari è spesso al centro del dibattito politico e viene utilizzata focalizzando l'attenzione sugli stranieri considerati coloro che ricevono in assegnazione le case che spetterebbero di diritto agli italiani. L'articolo del consigliere Regionale Alan Fabbri di Sabato 26 Agosto pubblicato sul Resto del Carlino e di altre testate nazionali oltre che di una lettera di un lettore anche nelle pagine di oggi, ci fornisce l'occasione di fare un po' di chiarezza sulla graduatoria e sull'assegnazione delle case popolari nel Comune di Ferrara.
Per offrire una corretta informazione riguardo all'attuale situazione del nostro territorio in seguito riportiamo qualche dato, che ci permetta anche un adeguato confronto tra il comune di Ferrara e quello di Bondeno:
· Ferrara ha 133.478 residenti, Bondeno 14.674.

· Ferrara ha 12.720 (9,53%) residenti stranieri, Bondeno 1.505 (10,26%) al 01/01/2016.

È evidente che la percentuale di Bondeno non è molto diversa da quella del Comune di Ferrara.
Dall'ultima indagine statistica sulla condizione di vita delle famiglie risultano proprietarie dell'alloggio il 72,2% delle famiglie. La proprietà è uno degli elementi di esclusione per le richieste di case popolari (Dati consultabili su : http://www.provincia.fe.it/statistiche oppure http://servizi.comune.fe.it/7842/le-condizioni-di-vita-a-ferrara-nel-2015 ).
I requisiti che occorrono per entrare nelle graduatorie ERP sono stati deliberati dalla Regione Emilia Romagna e dalla Legge Bossi Fini (durante il governo Berlusconi) la quale stabilisce per gli stranieri il diritto di accedere, in condizioni di parità con i cittadini italiani, agli alloggi di edilizia residenziale pubblica se titolari di carta di soggiorno e se regolarmente soggiornanti in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitino una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo. (art 40, comma 6) Un altro requisito recentemente aggiunto dalla Regione, a cui però il Consigliere Fabbri non accenna, è la residenza continuativa o l'attività lavorativa stabile ed esclusiva o principale nell'ambito territoriale regionale da almeno 3 anni e, inoltre, è prevista la residenza o attività lavorativa nel Comune di Ferrara. Ecco quindi che già nei requisiti la Regione ha inserito, senza fare discriminazioni di razza (vietate dalla nostra Costituzione), un radicamento nel territorio.
Poi ci sono le condizioni di punteggio che possono essere definite dal Consiglio Comunale. A Ferrara è stata inserita la condizione di punteggio della "storicità" della domanda in graduatoria che dà valore al periodo di tempo in cui si è rimasti in graduatoria senza avere un'assegnazione dell'alloggio; si è previsto un particolare punteggio per le "giovani coppie" (ben 15 punti) per favorire le famiglie di nuova formazione; si sono attribuiti 25 punti a chi ha avuto lo sfratto. Inoltre Ferrara è l'unico Comune della Provincia rilascia contributi sul canone per chi è in emergenza (fino a un max di 200 euro mensili) o fornisce un alloggio di emergenza abitativa. Si sono attribuiti 25 punti a coloro che si trovano in condizioni di particolare fragilità sociale attestata dai Servizi socio sanitari.
Ciò premesso, a oggi questi sono i dati dei nuclei familiari in ERP nel Comune di Ferrara:
Su un totale di 2921 nuclei titolari di alloggi di ERP :
· 2469 sono titolari italiani (84,5%);

· 48 sono titolari stranieri comunitari

· 404 sono titolari stranieri extracomunitari (Totale stranieri comunitari e non 15,5%)

Il Comune di Ferrara non ha trascurato i cittadini italiani, poiché ha previsto misure a essi prevalentemente destinate nell'ambito delle politiche abitative:
· l'edilizia residenziale sociale (ERS) ampliata con n. 43 alloggi in Via Gustavo Bianchi per la codetta fascia "grigia" della popolazione (chi è troppo povero per il mercato privato ma troppo ricco per le case popolari);

· il fondo per l'affitto, sostenuto anche con contributi comunali;

· il fondo per la morosità incolpevole, finanziato sia dallo Stato ma anche dal Comune con risorse proprie;

· l'agenzia per la casa, per favorire - con risorse di denaro - l'incontro tra locatori ed inquilini;

· il sostegno all'emergenza abitativa, che è stato disciplinato da apposito Regolamento, a favore di coloro che sono in situazione di sfratto o che hanno l'immobile pignorato.

· il punteggio a favore dei nuclei monogenitoriali, senza distinzione di sesso per favorire anche i padri separati, con figli minori;

· il comodato gratuito ad un'Associazione ONLUS un alloggio per l'attuazione di un progetto per la realizzazione di un programma specificatamente rivolto agli uomini separati che si trovano ad affrontare situazioni difragilità economica, con ripercussioni negative anche sul ruolo genitoriale nel caso di presenza di figli minori.

Ci sembra che il quadro sia un po' diverso da quello prospettato da Alan Fabbri che semplicisticamente sostiene che a Bondeno gli alloggi vanno agli italiani e a Ferrara no, anche perché la complessità del fenomeno nei due comuni è difficilmente confrontabile dato l'esiguo numero di alloggi ERP del comune di Bondeno che ne ha 182, contro i 3.400 circa di Ferrara.
Passiamo anche a fornire qualche dato sull'ultima graduatoria, la 28°, con la quale sono stati assegnati 72 alloggi. Nella 28° graduatoria, già conclusa
- i nuclei erano 465 di cui il 47% italiani ed il 53% stranieri
- le assegnazioni sono state 72 di cui il 57% a famiglie italiane e il 43% a famiglie straniere: quindi le famiglie italiane hanno avuto, proporzionalmente rispetto le presenze in graduatoria, più assegnazioni delle famiglie straniere.
- durante le assegnazioni con la 28° graduatoria di tutti i nuclei famigliari che sono stati chiamati per l'assegnazione dell'alloggio ERP, 18 hanno rinunciato: su 18 nuclei rinunciatari il 72% sono nuclei Italiani e il 28% sono stranieri.

Nella 29° graduatoria, già pubblicata (che non ha ricevuto nessun ricorso né da italiani, né da stranieri)
- i nuclei in graduatoria sono 590 di cui il 49% italiani ed il 51% stranieri
- le assegnazioni saranno effettuati dopo idonei controlli e dopo aver verificato la disponibilità di alloggi idonei al tipo di nucleo familiare: sarà nostra cura rendere trasparenti anche le prossime assegnazioni che faremo con questa graduatoria che, con la costante verifica dei requisiti, darà l'esito dell'applicazione dei regolamenti.

In conclusione risulta smentito dai fatti e dai numeri l'assunto che le case popolari a Ferrara vanno solo assegnate agli stranieri. Al contrario le politiche abitative sono uno strumento fondamentale, insieme con altri, per sostenere tutte le famiglie ad iniziare da quelle con maggiori difficoltà, senza discriminazioni per quanto riguarda la cittadinanza. Sta di fatto comunque che la presenza degli stranieri in ERP non può essere impedita poiché le norme stesse, (compresa il cd Legge Bossi-Fini), consentono agli stranieri in regola con i requisiti della stessa legge di accedere ai servizi sociali in condizione di parità con gli italiani.

*assessora alla Sanità, Servizi alla Persona, Politiche Familiari del Comune di Ferrara