Comune di Ferrara

lunedì, 18 dicembre 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Comunicazione sulle modalità di utilizzo delle aree di sosta per le persone in possesso di contrassegno CUDE

CONFERENZA STAMPA - Venerdì 1 dicembre 2017 alle 12 nella sede di Palazzo Municipale (Ufficio Benessere ambientale) - DOCUMENTAZIONE E FOTO

Comunicazione sulle modalità di utilizzo delle aree di sosta per le persone in possesso di contrassegno CUDE

01-12-2017 / Giorno per giorno

Il responsabile dell'Ufficio Benessere ambientale del Comune di Ferrara Fausto Bertoncelli incontrerà i giornalisti oggi, venerdì 1 dicembre 2017 alle 12 nella sede di Palazzo Municipale (Ufficio Benessere ambientale - corridoio lato sala Arengo) per fare una comunicazione sulle modalità di utilizzo delle aree di sosta per le persone in possesso di contrassegno CUDE (Contrassegno Unificato Disabili Europeo). 

>> DOCUMENENTAZIONE a cura dell'Ufficio Benessere Ambientale del Comune di Ferrara  

L'Ufficio Benessere Ambientale del Comune di Ferrara, aperto nel 2013, è nato per volontà delle associazioni di categoria delle persone disabili.

Il metodo di lavoro non si pone come limite il rispetto delle norme, ma le considera come punto di partenza. Le indicazioni e suggerimenti che fornisce vanno oltre alla normativa.

Ferrara è una tra le città che sta facendo tanto per la mobilità delle persone disabili a 360 gradi (mobilità e trasporto, opere pubbliche, commercio, manifestazioni, edilizia privata e pubblica).

Per quanto riguarda i parcheggi Centro Storico (Kennedy) e il parcheggio San Guglielmo di via Palestro, unici parcheggi gestiti con sbarre, si è condiviso con le associazioni di categoria di rendere accessibili le casse, mantenendo anche una parte di parcheggi CUDE all'interno a pagamento, aumentando i parcheggi disabili nelle zone blu (Baluardi e altre vie) più vicini ai punti di interesse collettivo. Altre casse accessibili sono state realizzate in via Kennedy, via Bologna e via Baluardi, quindi in via Palestro, via De Pisis e Piazzetta Boldini.

Per il parcheggio Kennedy ne abbiamo 6 vicino all'uscita pedonale e complanare a via Kennedy dalla palazzina, 1 vicino all'ingresso della pizzeria Archibugio e tre in prossimità dell'uscita di via Kennedy, a compensazione ne abbiamo fatte realizzare 7 in più fuori in prossimità ai punti di interesse, 3 di fronte all'uscita di via Kennedy uno in via Bologna di fronte a porta Paola e 5 in via baluardi angolo San Romano (gli utenti sono informati dai cartelli posti all'ingresso dei parcheggi che sono a pagamento e di quelli gratuiti che si trovano all'esterno).

Ci sono numerose normative e sentenze che a volte generano solo confusione. Spesso nelle progettazioni e nelle scelte, si rispetta la normativa ma quello che si realizza è discriminatorio pertanto sanzionabile e non legittimo rispetto alla convenzione Onu per il diritto delle persone disabili (pendenza rampa e posizione rampa ingressi secondari, uso servoscala, parcheggi distanti dai punti di interesse collettivo ecc).

L'Ufficio, lavorando in stretto contatto con le associazioni di categoria delle persone disabili, ha condiviso l'attivazione di un gruppo whatsapp e una pagina Facebook "Ferrara Accessibile" dove chiunque può scrivere e pubblicare e segnalare criticità.

Associazioni, tecnici liberi professionisti, e tante persone che hanno necessità di chiarimenti o suggerimenti si rivolgono sempre più spesso all'Ufficio benessere ambientale. Siamo e rimaniamo a disposizione di tutti, anche per spiegare le scelte fatte.

Mi sarei aspettato sui mezzi di informazione un intervento che denunciasse l'utilizzo improprio del CUDE da parte di familiari o cosiddetti furbetti che parcheggiano in assenza di contrassegno. Oppure una segnalazione se vi sono in circolazione persone che hanno un contrassegno disabili definitivo senza averne titolo. Vorrei ricordare che il contrassegno deve essere rilasciato a persone con deambulazione sensibilmente ridotta (i CUDE possono essere temporanei o permanenti)

Questo ufficio in accordo con le associazioni, Ferrara Tua, ha iniziato a effettuare controlli incrociati di macchine parcheggiate con esposto il CUDE in vie e parcheggi del centro storico.

 

> SITUAZIONE PARCHEGGI A FE:

CENTRO STORICO N. 822 di cui:

n. 10 posti interni CUDE a pagamento

n. 7 posti esterni CUDE gratuiti (Kennedy, Via Bologna, Via Baluardi)

SAN GUGLIELMO N. 53 posti

n. 2 posti interni CUDE a pagamento

n. 5 posti esterni CUDE gratuiti (Via Palestro, Via De Pisis, Piazza Boldini)

STRISCIE BLU PARCHEGGI N. 2307

In questi i titolari di CUDE possono parcheggiare senza pagare

(da verifiche fatte e richieste dall'ufficio benessere ambientale, su queste aree parcheggiano quotidianamente otre 100 autovetture con esposto il CUDE (il 5% dei parcheggi è occupato da disabili).

INFORMATIVA AI TITOLARI DI CUDE:

  • Ufficio permessi al momento del rilascio del nuovo e del rinnovo del contrassegno rilascia un vademecum per il corretto uso del CUDE

  • All'ingresso dei parcheggi è presento un cartello ben visibile dove si informa che il parcheggio è a pagamento anche per i disabili e dove si trovano i posti gratuiti

>> SITUAZIONE AREE CUDE EXTRA PARCHEGGI

Le aree CUDE presenti sul territorio del Comune di Ferrara al 22/8/2016, sono le seguenti:

Complessive:

  • n. 830 Totali

  • n. 562 Totali generiche

  • n. 268 Totali personalizzate

Entro Mura (ex circ. 1)

  • n. 397 Totali entro mura

  • n. 200 Generiche entro mura

  • n. 197 Personalizzate entro mura

In mancanza di un software che consenta di georefferenziare le aree CUDE, attualmente è impossibile trovare il numero esatto delle concessioni rilasciate per aree omogenee.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - 

CONTROLLI DA PARTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E AUSILIARI DEL TRAFFICO

 

  1. sanzioni per sosta vietata sugli spazi "generici" riservati ai titolari di CUDE (art. 158 comma 2 lett. g e comma 5)

  • dal 01-01-2015 al 31-12-2015 = n. 356

  • dal 01-01-2016 al 30-06-2016 = n. 200

  1. sanzioni per sosta vietata sugli spazi "assegnati" ai titolari di CUDE ovvero uso improprio dell'autorizzazione per invalidi (art. 188 comma 1 e comma 4)

  • dal 01-01-2015 al 31-12-2015 = n. 124

  • dal 01-01-2016 al 30-06-2016 = n. 53

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - 

Normativa di riferimento per che parcheggia su aree riservate in assenza di CUDE e sanzioni.

 

L'art. 381 del DPR 16 dicembre 1992, n. 495 riconosce la normativa riguardante il parcheggio disabili. Nello specifico viene prevista, per le persone invalide con capacità di deambulazione ridotta e per i non vendenti, la possibilità di ottenere il Contrassegno Invalidi, che consente ai suoi possessori di parcheggiare negli appositi spazi e di circolare nelle zone a traffico limitato (ZTL). Perché sia valido il contrassegno deve essere sposto in maniera visibile sul cruscotto. Il contrassegno è valido per i parcheggi disabili di tutto il territorio nazionale e viene rilasciato dal Comune di appartenenza.

In questo caso potrebbe incorrere nella multa prevista dall'art 158 del codice della strada. L'importo può oscillare tra gli € 85,00 e i 168,00, ma in genere viene applicato il costo minimo.

Inoltre, vengono decurtati 2 punti della patente, e in casi estremi ci può anche essere la rimozione del veicolo dal luogo di sosta non consentita, con conseguente addebito delle spese per il carro attrezzi.

Reclusione fino a un anno se si utilizza il contrassegno altrui procurando a sé o ad altri un vantaggio.

Reclusione da 2 mesi a un anno se si utilizza un contrassegno falso.

Reclusione da 2 mesi a un anno se si espone un contrassegno fotocopiato.

 

Immagini scaricabili: