Comune di Ferrara

mercoledì, 26 settembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > La Vècia, la Befana di putìn frarés...

La Vècia, la Befana di putìn frarés...

04-01-2018 / A parer mio

di Maria Cristina Nascosi Sandri

Dopo Al Bón An in Frarés un póch ingórd che ci è stato regalato, simbolicamente, dal suo Autore, Luigi Vincenzi detto Gigi, maestro elementare e poeta in ‘tutte le lingue dialettali ferraresi' ricordato, pochi giorni fa su queste pagine, la Vècia, la nostra cara Befana, viene di seguito ricordata con un'operetta di tanti anni fa, scritta dal suo carissimo zio materno, il colonnello Nino Tagliani, pure scrittore e poeta, che per Gigi fu, a propria volta, maestro di vita e di cultura delle radici.

Fanghét era lo scutmai (lo pseudonimo) di Tagliani con il quale amava firmare le sue sillogi poetiche pubblicate nel tempo.
La prima era stata Bidún, urtìgh e campanèli, del 1969, seguìta da Sfuracèli, del 1976. Al 1978 risale La fiéra di sdazz, l'antologia a quattro mani che volle stendere assieme al nipote Luigi Vincenzi, mentre nel 1985 aveva dato alle stampe l'ultima, Al granadèl.
Sempre del 1978 è La pèrtga dal lóv, la raccolta di poesie dialettali ferraresi da cui è tratta La Vècia, la lirica sull'Epifania che segue: autentica 'epifania', se si passa il calembour, antesignana, nelle argute e vivaci asserzioni, di un mondo quanto mai (o, meglio, ancora ?) attuale, purtroppo...

 

LA VÈCIA
di Nino Tagliani detto Fanghét

La Vècia, che i putìn i a sémpar sptà
al sié da Znar, rivàda in granadèl,
truvànd tuti i camìn, cla nòt, smurzzà,
la ss'è dmandàda: Cuss è mai 'stal cvèl,
forse chissà, par causa dl'inflazión
i pansarà c'an porta più carbón!

E sse anch la legna l'è dvantàda cara,
cus vót che al ssia davanti a di putìn
che in tut al mónd mò spezialmént a Frara
quand iss dasmìssia i guarda s'al camìn,
anch sse magari tant birbún i è stà,
sse i ssò calzzit i è vód o cucunà.

A ssón dacòrd, purtrop, che il tradizzión
i sèrav póch a métar su i fasó
però, sse par truvar 'na soluzzión
a tut i nòstar guai dal dì d'inquó
sla festa di putìn ass fa un marcà,
pensè mo zént indóv a ssén rivà.
LA BEFANA*

La Befana, da sempre attesa dai bimbi
il sei gennaio, giunta su di una scopa,
trovando tutti i camini, quella notte, spenti,
si è chiesta: Ma che cosa è mai questo,
chissà forse, per via dell'inflazione
penseranno che non porti più carbone!

E se anche la legna è diventata cara,
cosa vuoi che sia per dei bimbi
che in tutto il mondo (ma specialmente a Ferrara)
quando si svegliano guardano su per il camino,
anche se, magari, son stati tanto birichini,
se i loro calzini son vuoti o colmi.

Son d'accordo, purtroppo, che le tradizioni
servon poco a metter su la pentola
però, se per trovare una soluzione
a tutti i nostri guai del giorno d'oggi
or si mercanteggia sulla festa dei bimbi,
pensate un po', gente, dove siam arrivati.

* (Trad. m.c.n.s)