Comune di Ferrara

martedì, 18 dicembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "A una Dòna frarésa": l’augurio in poesia dialettale ferrarese

"A una Dòna frarésa": l’augurio in poesia dialettale ferrarese

08-03-2018 / A parer mio

di Maria Cristina Nascosi Sandri

La poesia in lingua dialettale che piace proporre, a seguire, "A una Dòna frarésa", è un omaggio a tutte le donne per una giornata tutta particolare come l'8 marzo ed è opera del maestro Corrado Celada, scomparso, splendido novantacinquenne, a luglio 2016 - per oltre cinquant'anni, primo mandolino della prestigiosa e unica orchestra a plettro "Gino Neri " che quest'anno compirà 120 anni, una vera gloria "tota nostra".
È la chiosa ideale della silloge in lingua dialettale ferrarese "Con il ssévul e il bugànzz - Pòesii e zzirudèli frarési", opera del musicista e pubblicata nel 2003, curata da chi scrive nell'ambito della collana libraria di Ar.pa.dia, l'Archivio Padano dei Dialetti del Comune di Ferrara.
Oltre alla musica, la musicalità, in una persona dotata di una sensibilità come quella del maestro, è innata, quasi sottintesa, costantemente presente anche nelle sue liriche più lievi o, ancor più, nelle sue incisive "zzirudèli" che raccontano di un tempo ferrarese - ma pure universale - che ormai non è più: un'armonia ricreata anche grazie all'uso accurato, la ricerca, frutto di un rovello della mente continuo, incessante, instancabile, di termini dialettali che ormai nessuno sa più né, tantomeno, ricorda e usa. Un autore, fra i grandi nostri, gran signore e ammiratore delle donne, i cui scritti son da non dimenticare di ricordare "Cóm a dzcurévan", come parlavamo...

A una Dòna frarésa
L'è un pèzz che a pénss ad fàrat un regàl,
mò an savrév brìsa còssa:
una lirica, un sunét, un madrigàl
o sól una mimósa?

Ognùn ad 'sti quèi chì par ti i sarév indégn,
par quést an agh pénss gnanch, ad tóram chi 'st'impégn:
gh'è sta sól l'Alighiér che l'ha fat 'na gran curnìs,
purtànd Matèlda da Beatrice, in Paradìs.

Mò ti t'ié bén più in su ad chill dònn angelicàt,
essénd, oltre che Musa, al fiór più delicàt
che su la nostra Tèra al ss'sia inradisà,
par dàram cla fiducia'ch m'avéva abandunà.

Perciò, ssón mi adèss che at dmand un regàl;
a ssò ch'a ssón sfazzà, mò brìsa avért'n a mal.
Déntr'int la memòria dal tò gran zzarvèl,
scrìvagh al mié nóm, quand a sarò andà in zziél.

Se dòp pò t'al scanssèli, o t'an m'avrà più in mént,
't sarà l'istéss la Dòna 'ch m'ha fat murìr cuntént.

Ad una Donna di Ferrara
È tanto che penso di farti un regalo,
ma non saprei quale:
una lirica, un sonetto, un madrigale
o solo una mimosa?

Ognuna di queste cose per te sarebbe indegna,
per cui non penso proprio di prendermi quest'impegno:
solo l'Alighieri riuscì nell'intento,
portando Matilde da Beatrice, in Paradiso.

Ma tu sei ben più di quelle donne angelicate,
essendo, oltreché Musa, il fior più delicato
che sia nato sulla nostra terra,
per ridarmi quella fiducia che m'aveva abbandonato.

Perciò, son io ora a chiederti un regalo;
so d'esser sfacciato, ma non avertene a male.
Nella memoria del tuo gran cervello,
scrivi il mio nome, quando me ne sarò andato in cielo.

Se poi lo cancellerai, o mi scorderai,
sarai comunque la Donna che m'ha fatto morir contento. (trad. mcns)

Immagini scaricabili:

Corrado Celada (foto FrancoSandri, Airf)