Comune di Ferrara

martedì, 25 settembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Illustrazione della delibera relativa al "Regolamento Comunale per la disciplina della Tariffa Rifiuti Corrispettiva

CONFERENZA STAMPA - Lunedì 12 marzo alle 12 nella sala di Giunta della residenza municipale (piazza Municipio 2) - DOCUMENTAZIONE

Illustrazione della delibera relativa al "Regolamento Comunale per la disciplina della Tariffa Rifiuti Corrispettiva

12-03-2018 / Giorno per giorno

Nella foto un momento della conferenza stampa di illustrazione della delibera relativa al "Regolamento Comunale per la disciplina della Tariffa Rifiuti Corrispettiva" tenuta in residenza municipale lunedì 12 marzo 2018 dal sindaco Tiziano Tagliani, dall'assessora all'Ambiente Caterina Ferri e dal dirigente del Servizio Ambiente Alessio Stabellini.

>> Tutta la DOCUMENTAZIONE è scaricabile in fondo alla pagina (schede, audio, tabelle)    

- - - - - - - - - - - - - - 

[Da Cronacacomune del 9 marzo 2018] - Lunedì 12 marzo alle 12, nella sala di Giunta della residenza municipale (piazza Municipio 2), avrà luogo una conferenza stampa per illustrare la delibera relativa al "Regolamento Comunale per la disciplina della Tariffa Rifiuti Corrispettiva ai sensi della legge n. 147/2013".

All'incontro con i giornalisti interverranno: il sindaco Tiziano Tagliani. l'assessora comunale all'Ambiente Caterina Ferri, il dirigente Servizio Ambiente Alessio Stabellini

- - - - - - - - - - - - - -  

LA SCHEDA - REGOLAMENTO COMUNALE TARIFFA CORRISPETTIVA PUNTUALE (a cura dell'assessorato all'Ambiente)

Il regolamento prevede una parte iniziale che definisce le disposizioni generali (definizioni, soggetti passivi, locali tariffabili etc.), una seconda parte che contiene i criteri di definizione della tariffa e le riduzioni previste, e un'ultima parte che regola il sistema dei controlli e della riscossione.

Il regolamento prevede (artt. 17 e 18), riportando quali documenti vanno presentati, riduzioni per utenze domestiche e non in caso di:

  • Inferiori livelli di prestazione nel servizio di raccolta porta a porta

  • Conferimenti presso i Centri di Raccolta per le utenze domestiche; avvio autonomo a riciclo per le utenze non domestiche

  • Utilizzo di pannolini e/o presidi medico-sanitari (per le famiglie, le case di cura, gli asili nido, i micronido, le case famiglia e similari)

  • Compostaggio individuale e di comunità

In particolare, per le famiglie che utilizzano pannolini e/o presidi medico-sanitari, è prevista una franchigia di 7.680 litri aggiuntivi gratuiti (256 scuotamenti da 30 lt. in calotta o 192 esp. in pattumella da 40 lt.), mentre per le utenze non domestiche l'agevolazione è pari 4.680 litri per ogni soggetto avente diritto. Per le attività che offrono nella propria struttura un servizio organizzato di nursery è prevista inoltre una "franchigia" di 600 litri/anno.

La tariffa applicata alle utenze non domestiche che svolgono attività giornaliere rimane invariata nonostante l'introduzione della tariffa puntuale.

Esclusivamente per le utenze non domestiche, sono mantenute le riduzioni per attività di prevenzione nella produzione di rifiuti, devoluzione di beni alimentari e non (Last minute market) e per le aziende certificate Ecolabel.

Assume particolare rilievo l'inserimento dell'art. 26 - Indennizzi. Questo articolo è stato introdotto ex novo, è l'unico caso dei Comuni gestiti da Hera, e prevede indennizzi agli utenti nel caso in cui il Gestore non rispetti gli standard di qualità rappresentati da:

     a) effettuazione delle rettifiche di fatturazione entro 50 giorni;

     b) risposte ai reclami entro 30 giorni dalla richiesta.

E' stata incrementata la riduzione del valore economico della quota variabile dal 7,5% al 30% per le attività agrituristiche insediate fuori dal centro urbano di Ferrara, così come definito dall'ISTAT, che effettuano il compostaggio individuale.

Tutte le altre osservazioni presentate dalle associazioni di categoria che non sono materia del Regolamento in approvazione, saranno discusse e affrontate nell'ambito dell'Osservatorio rifiuti, previsto all'art. 28. Questo strumento, dotato di un budget di 150mila euro, consentirà di monitorare l'andamento del servizio per le utenze non domestiche, e di intervenire in caso di squilibri non dipendenti dal comportamento delle imprese.

 

Links:

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: