Comune di Ferrara

lunedì, 17 dicembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Dal terremoto alla rinascita: la storia della Reno Valley a sei anni dal terremoto

SISMA DEL 2012 - Visita del sindaco e presidente della Provincia di Ferrara Tiziano Tagliani alle sedi produttive

Dal terremoto alla rinascita: la storia della Reno Valley a sei anni dal terremoto

28-05-2018 / Giorno per giorno

Dal terremoto alla rinascita: è la storia della Reno Valley, distretto ferrarese dove innovazione e ricerca fanno scuola. Aziende così sviluppate dal punto di vista della tecnologia da essere inserite nelle celebrazioni dei 6 anni dal sisma. Per questo motivo il sindaco e presidente della Provincia di Ferrara Tagliani, insieme ad associazioni di categoria e mondo cooperativo, ha visitato le sedi produttive di Elenos, Niagara, Cpr System e 22HBG: "Qui si progetta il futuro, dobbiamo attrezzare nuovi modelli culturali".

Da cratere del terremoto a culla emiliana dell'innovazione, nel giro di appena sei anni. C'è aria di rinascita nel distretto ferrarese che si è guadagnato il soprannome di ‘Reno Valley' (un richiamo alla più nota Sylicon Valley) per l'alto numero e qualità di imprese hi-tech. Applicazioni per device digitali, broadcast, strumentazioni per la ricerca scientifica, riciclo di materiali: questi i settori più in crescita nelle campagne tra Ferrara e Poggio Renatico, all'interno di capannoni che portano ancora impresse le ferite del sisma.

Aziende così sviluppate dal punto di vista della tecnologia da essere inserite - uniche in tutto il territorio provinciale - nelle celebrazioni ferraresi dei 6 anni dal sisma del 2012. Per questo motivo il sindaco e presidente della Provincia di Ferrara Tiziano Tagliani, insieme ad associazioni di categoria e mondo cooperativo, ha visitato le sedi produttive di Elenos, Niagara, Cpr System e 22HBG.

L'innovazione che cresce sotto i capannoni distrutti dal terremoto ha colpito notevolmente Tagliani, che ha già fissato altri incontri con gli imprenditori per capire come sfruttare, attraverso il miglioramento della logistica e la semplificazione burocratica, il patrimonio di know how già esistente e ottenere ricadute positive sul resto del territorio. La Reno Valley potrebbe quindi fare scuola d diventare un esempio, se non il traino, della Ferrara che verrà.

"C'è distanza tra l'eccellenza delle imprese che stiamo visitando e l'approccio tradizionale col sistema imprenditoriale - commenta Tagliani -. Qui si sta progettando il futuro e se vogliamo fare in modo che questa realtà diventi viva, vera, presente e in grado di consolidarsi sul territorio, bisogna che attrezziamo modelli culturali e organizzativi diversi da quelli usati tradizionalmente".