Comune di Ferrara

venerdì, 21 settembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Il 'Ferrara International Piano Festival' prosegue con Eva Gevorgyan e Martina Consonni

PALAZZO COSTABILI - Domenica 8 e lunedì 9 luglio alle 21 nel loggiato dello spazio museale di via XX Settembre 122

Il 'Ferrara International Piano Festival' prosegue con Eva Gevorgyan e Martina Consonni

06-07-2018 / Giorno per giorno

(Comunicazione a cura degli organizzatori)

Domenica 8 luglio alle 21 Eva Gevorgyan

Concerto numero tre per Ferrara International Piano Festival, la rassegna promossa e organizzata a Palazzo Costabili dal pianista Simone Ferraresi. Domenica 8 luglio alle 21 il loggiato di via XX Settembre 122 ospiterà la prima delle due vincitrici dell'edizione 2017, la quattordicenne russa Eva Gevorgyan affermata in numerosi concorsi internazionali per giovani pianisti e fresca vincitrice del Cleveland International Piano Competition. La serata offrirà un saggio completo del suo magnifico talento, percorrendo un po' tutta la letteratura per tastiera: la Toccata in Sol maggiore BWV 916 di Bach, il brillantissimo Rondò a Capriccio di Beethoven, un bel po' di Romanticismo affidato ad un'antologia di Pezzi Fantastici di Schumann, ad un Etude-Tableaux di Rachmaninov e a tanto Liszt: pezzi di alto virtuosismo come la celeberrima Campanella, dagli Studi trascendentali, la Rapsodia ungherese n. 12 e la Parafrasi sul Rigoletto, trascinante sintesi dello spirito dell'opera di Verdi. In coda al recital troverà spazio l'inusuale Boston e Ragtime dalla Suite 1922 di Hindemith.

Anche Eva Georgyan suonerà sul pianoforte gran coda messo a disposizione dalla fabbrica di pianoforti Fazioli di Sacile, reputata in tutto il mondo, che garantisce la massima qualità di strumenti per tutti i corsi e concerti di Ferrara Piano Festival. Anche per il concerto di domenica la direzione ha disposto l'apertura continuata fino alle 20.30 del Museo Archeologico Nazionale, dove sarà possibile seguire un percorso tematico dedicato alla musica greca dal titolo "Di Spina e della musica perduta".

 

Lunedì 9 luglio alle 21 Martina Consonni

Tutto Chopin con Martina Consonni a Ferrara International Piano Festival. Lunedì 9 luglio alle 21 il loggiato del Museo di Spina ospiterà l'ultimo dei quattro recital previsti, dedicandolo all'autore romantico per antonomasia della letteratura pianistica. La Terza Sonata, la Polacca Eroica, la Prima e la Quarta Ballata, sono solo alcuni dei brani di straordinario impegno che la ventenne pianista comasca proporrà al pubblico, riassumendovi i tanti atteggiamenti compositivi, il mondo espressivo e la genialità assoluta di Fryderyk Chopin, grande inventore del suono del pianoforte dell'Ottocento.

Martina Consonni studia pianoforte dall'età di sei anni e si è diplomata a soli quattordici con Claudia Boz riportando il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio Vittadini di Pavia. Ha vinto oltre sessanta competizioni nazionali ed internazionali, e alterna un'attività concertistica intensa e qualificata come solista e componente di formazioni cameristiche, all'approfondimento del repertorio con docenti di fama assoluta, frequentando in particolare l'Accademia Pianistica di Imola con Franco Scala e Enrico Pace.

Anche per il concerto di lunedì la direzione ha disposto l'apertura continuata fino alle 20.30 del Museo Archeologico Nazionale, dove sarà possibile seguire un percorso tematico dedicato alla musica greca dal titolo "Di Spina e della musica perduta".

 

Il Festival si congederà dal pubblico ferrarese mercoledì 11 luglio alle 18.30 con il saggio degli allievi della masterclass di Christopher Elton (Royal Academy di Londra), sempre nel magnifico cortile di via XX Settembre 122. 

 

 

Immagini scaricabili:

Eva-Gevorgyan.jpg Martina Consonni 2.jpg