Comune di Ferrara

giovedì, 15 novembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Conservatorio: al via il nuovo anno accademico

GIOVANI E FORMAZIONE - Presentate le attività didattiche, iniziative aperte alla città e interventi di ristrutturazione

Conservatorio: al via il nuovo anno accademico

09-11-2018 / Giorno per giorno

Il nuovo anno accademico del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara è stato presentato giovedì 8 novembre nella sede di largo Antonioni. All'incontro sono intervenuti il vicesindaco e assessore alla Cultura Massimo Maisto, il direttore e il presidente del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara Fernando Scafati e Francesco Colaiacovo

LA SCHEDA a cura degli organizzatori - Prende avvio il nuovo anno accademico del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara e già tante iniziative sono in programma. Lo scorso anno accademico si è chiuso con 205 eventi prodotti nell'anno accademico 2017/18 dall'istituto di alta formazione con sede in largo Antonioni. Oggi saranno presentati i primi eventi della produzione artistica pensati per arricchire il panorama culturale della città, coinvolgendo prestigiose realtà già ampiamente radicate sul territorio. Saranno inoltre esposti gli interventi volti a migliorare la qualità dell'edificio e verranno resi noti i nuovi bandi, i progetti e le collaborazioni che coinvolgeranno nei prossimi mesi il Conservatorio Frescobaldi di Ferrara.

GLI INTERVENTI. Durante l'anno il Conservatorio Frescobaldi di Ferrara ha avviato diversi interventi sull'edificio per migliorarne le prestazioni e per adeguarsi alle esigenze di studenti e docenti. L'intervento di correzione acustica, con interventi d'insonorizzazione nelle aule della sede, è stato pari a circa 90mila euro (compresa la progettazione, la sicurezza, le indagini effettuate da Unife, i lavori edili, il condizionamento degli ambienti e la direzione dei lavori). La volontà, inoltre, è stata quella di procedere per il superamento delle barriere architettoniche e per migliorare la condizione climatica del pianoterra. A tali fini verrà realizzata una bussola all'ingresso principale del Conservatorio, per la quale sono stati impegnati 32.000 euro.

I NUOVI BANDI.
Il Conservatorio Frescobaldi di Ferrara parteciperà a due diversi bandi ministeriali che, se vincenti, daranno la possibilità di realizzare due importanti interventi che riguardano l'ascensore e l'Auditorium. Questo è possibile secondo la normativa del decreto legge n. 104 del 2013, convertito in legge n. 128/2013 e modificato dalla legge 107 del 2015, in tema di interventi per l'edilizia delle Istituzioni AFAM, l'Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica che raggruppa tutte le istituzioni della formazione superiore italiana il cui scopo è la formazione nei settori dell'arte della musica, della danza e del teatro. Il bando è stato emanato in aprile dal precedente Governo sulla base della legge del 2015 che prevedeva un intervento straordinario per la ristrutturazione, il miglioramento, la messa in sicurezza e la migliore efficienza energetica, quindi la manutenzione, degli immobili delle Istituzioni AFAM.
Le linee di finanziamento rientrano in due tipologie: quelle dei finanziamenti diretti per i piani economici inferiori al milione di euro (dove rientra nel caso del Conservatorio l'ascensore) e quelli dei finanziamenti con mutuo per piani economici superiori al milione di euro (valevole per l'Auditorium). Il Conservatorio Frescobaldi parteciperà a entrambe le possibilità di finanziamento. Se accolto il finanziamento per l'ascensore è previsto nel 2019, mentre il mutuo di 26 anni per l'Auditorium sarà erogato nel 2020.
Per quanto riguarda la richiesta di finanziamento per l'ascensore e le opere connesse a questa tipologia d'intervento, inviata proprio in questi giorni, il Conservatorio ha già sostenuto la spesa per il progetto definitivo, costato 22.348,14 euro. Il costo complessivo dell'intervento, se finanziato, sarà pari a 679.656 euro. Sulla richiesta di finanziamento tramite mutuo per la ristrutturazione dell'Auditorium, del valore di 2 milioni di euro, il Conservatorio di Ferrara ha già approvato il progetto esecutivo, per il quale ha speso oltre 100.000 euro.

SEDE E SUCCURSALE.
Tra le delibere d'indirizzo della Giunta Comunale, inoltre, c'è anche la questione della sede della succursale del Conservatorio, dopo la mancanza della sede all'ex convento dei Teatini (via Bersaglieri del Po). "L'impegno della Giunta - specifica il Presidente del Conservatorio Francesco Colaiacovo - è per noi fondamentale: quest'anno finirà ancora in emergenza, si spera che presto si possa operare per dare nuova sede alla succursale a Palazzo dei Bagni Ducali" in viale Alfonso I d'Este.

TRA NOVITÀ E CONFERME.
Il Conservatorio Frescobaldi di Ferrara continua a puntare sulla valorizzazione della musica antica e del jazz, oltre che sulla formazione continua con diverse masterclass, invitando come docenti ospiti e musicisti di fama nazionale e internazionale. Continuano inoltre le attività diffuse sul territorio e le preziose collaborazioni con le istituzioni cittadine: il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, Ferrara Musica e Teatro Comunale ‘Claudio Abbado' di Ferrara, Museo di Casa Romei, Palazzo Bonacossi e i Musei Civici di Arte Antica, l'Università di Ferrara, Spazio Crema, Spazio Grisù e Factory Grisù, Pinacoteca Nazionale e Gallerie Estensi, Castello Estense, Musijam, Sonika, Casa Cini, l'Azienda Ospedaliera AouFe, in particolare per la collaborazione con il reparto del Prof. Basaglia per i corsi di Musicoterapia.
Le novità quest'anno riguardano anche le docenze, in seguito alle numerose richieste: la cattedra di Canto Jazz entra in organico (e non più a contratto) così come quella di Musica da Camera.

LE PRODUZIONI.
L'anno accademico appena trascorso si è chiuso con più di 200 produzioni artistiche, la gran parte destinate alla città. Il nuovo anno in musica inaugura con una serie di importanti appuntamenti.
Il primo in calendario sarà venerdì 9 novembre alle 18.30 a Palazzo Bonacossi con l'Ensemble di Musica antica del Conservatorio Frescobaldi, nell'ambito del Convegno internazionale di musicologia Modes, Church Tones, Tonality promosso dal Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Ferrara. Con ‘C'è modo e modo! E moderiamo i toni... Percorso musicale alla ricerca della Tonalità', il Conservatorio Frescobaldi propone composizioni contrappuntistiche del primo 1600 fino ai brani con basso continuo del 1700, dando suono a parte di quel processo evolutivo, iniziato nella seconda metà del Cinquecento, che ha prodotto una parte significativa dei grandi capolavori musicali noti ancora oggi.
Sabato 10 novembre due saranno gli appuntamenti. Nel pomeriggio è previsto l'ultimo evento di Ferrara PianoDuo Festival, rassegna in collaborazione con Ferrara Musica, con il concerto a ingresso gratuito degli allievi del Conservatorio Frescobaldi alle 17 al Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara. Musiche di Wolfgang Amadeus Mozart (Concerto in la maggiore K. 414) e Felix Mendelssohn (Concerto n. 1 in sol minore op. 25).
Sempre sabato 10 novembre alle 20.30 al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara andrà in scena ‘Il Pastor Fido' di Giovan Battista Guarini, allestimento scenico con intermezzi musicali a cura dell'Ensemble rinascimentale del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara. La serata è inserita all'interno delle iniziative di SOGNO O SON DESTE, progetto di cultura figurativa realizzato con il sostegno di Fondazione di Modena, Fondazione Carife, Fondazione di Vignola e Bper Banca. Il Pastor Fido è l'esito di Feudoarmonico, progetto teatrale e musicale a cura del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio, che quest'anno ha deciso di realizzare l'allestimento dell'opera guarinesca secondo la prassi rappresentativa cinquecentesca, con madrigali su testi desunti dall'opera stessa di Monteverdi, D'India e Luzzaschi. Studiando la gestualità teatrale antica, attraverso gli insegnamenti del docente e direttore artistico Alberto Allegrezza e della docente di canto rinascimentale Gloria Banditelli, Feudoarmonico ripropone testi e prassi sceniche della fine del Cinquecento di area ferrarese.
Il "Pastor Fido" (Venezia 1602) è un dramma pastorale, divenuto famoso all'epoca per la bellezza di alcune sue pagine di altissima poesia. L'opera di Giovan Battista Guarini, infatti, definirà gli stilemi di un genere nuovo, definito tragicommedia o pastorale. Gli esiti di questa innovazione furono clamorosi: non soltanto il genere si diffuse da Ferrara in tutta Europa, ma l'ambientazione mitologica divenne il pretesto di un preciso programma estetico che esigeva la cornice di una favola pastorale per poter proporre una recitazione interamente cantata, dando così l'impulso alla nascita del dramma per musica.
Infine una bella anticipazione di dicembre: torna in città In Corde, festival della chitarra giunto alla XII edizione e che quest'anno viaggerà in Regione dal 5 al 9 dicembre guidato dal suono delle sue cento chitarre. L'edizione 2018 si intitola ‘Stille Nacht 1818-2018' e intende omaggiare la celebre composizione natalizia di Franz Xaver Gruber (1787-1863) di cui ricorre quest'anno il bicentenario della prima esecuzione. Venerdì 7 dicembre alle 17 l'appuntamento a Ferrara è al Ridotto del Teatro Comunale, in collaborazione con Ferrara Musica, dove brani popolari come Happy Xmas (War Is Over) di John Lennon, alcuni spirituals e il popolare canto natalizio Los peces en el rio per voci bianche e strumenti verranno liberamente accostati a un classico del repertorio colto quale il Concerto op.8 n.6 ‘Fatto per la notte di Natale' di Arcangelo Corelli e al famosissimo ‘Quanno nascette ninno', versione originale in napoletano di Tu scendi dalle stelle composto da Alfonso Maria de' Liguori nel 1754. Infine Stille Nacht nella versione originale per voci e chitarra. Tra gli interpreti il coro gospel e l'ensemble di archi del Conservatorio di Ferrara, Ocarine Ensemble Budrio e il Coro di voci bianche Leopold Mozart dell'Accademia musicale Venezze di Rovigo.

Nella foto - scaricabile in fondo alla pagina - il direttore del Conservatorio Scafati con il presidente Colaiacovo e il vicesindaco Massimo Maisto alla presentazione del nuovo anno accademico del Conservatorio di Ferrara

Immagini scaricabili:

Conservatorio di Ferrara: il direttore Scafati, il presidente Colaiacovo e il vicesindaco Massimo Maisto alla presentazione del nuovo anno accademico Il presidente del Conservatorio Colaiacovo, il direttore Scafati e il vice sindaco Massimo Maisto insieme ai dirigenti e ai presidenti di alcune realtà che collaborano con il Conservatorio