Comune di Ferrara

sabato, 20 aprile 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Dopo il sisma anche la Chiesa della Madonnina e la Torre dell'Orologio si avviano a recuperare solidità e sicurezza

LAVORI PUBBLICI - Nei prossimi giorni la partenza dei cantieri in via Formignana e in corso Porta Reno

Dopo il sisma anche la Chiesa della Madonnina e la Torre dell'Orologio si avviano a recuperare solidità e sicurezza

13-03-2019 / Giorno per giorno

Due nuovi capitoli nel lungo libro delle ristrutturazioni post sisma di beni monumentali ferraresi stanno per aprirsi nei prossimi giorni. Si tratta dei lavori di riparazione e miglioramento strutturale della Chiesa di Santa Maria della Visitazione, detta della Madonnina, e della sua canonica (in via Formignana) e di quelli alla Torre dell'Orologio (in corso Porta Reno).

Tutti i dettagli dei due interventi sono stati illustrati stamani alla stampa dall'assessore comunale ai Lavori pubblici Aldo Modonesi e dalla dirigente del Servizio comunale Beni Monumentali Natascia Frasson, alla presenza di progettisti e tecnici comunali e delle imprese coinvolte.

"Si tratta - ha precisato Modonesi - dei penultimi interventi post sisma previsti dall'Amministrazione comunale di Ferrara entro la fine della legislatura; altri due, quelli alla Cappella Revedin e alla chiesa di Santa Maria della Consolazione, dovrebbero infine partire nel mese di maggio. In questi sette anni dopo il sisma il Comune di Ferrara si è occupato di una mole di interventi di recupero di edifici per oltre 50 milioni di euro, facendo in più occasioni anche da supporto ad altri soggetti locali, il tutto con performance importanti per le quali occorre ringraziare i progettisti e i tecnici dell'Amministrazione. Oltre il 70% delle opere previste risulta infatti concluso o appaltato e l'obiettivo di uscita di Ferrara dal cratere entro il 2019 può quindi dirsi realistico. In diverse occasioni poi non ci siamo limitati semplicemente a rendere le strutture più sicure, ma abbiamo colto l'occasione per una loro rifunzionalizzazione come nel caso della palazzina ex Mof, di Casa Niccolini e ora della Torre dell'orologio, destinata a diventare la nuova sede dell'Ente Palio".

"Il 18 marzo - ha spiegato Natascia Frasson - avranno inizio i lavori, della durata prevista di circa un anno, alla chiesa della Madonnina che ha subito molti danni dal sisma e che sarà consolidata in tutte le sue strutture portanti, in elevazione, copertura e nelle volte. I lavori all'ex convento riguarderanno invece il coperto e gli impalcati. L'impresa che si è aggiudicata l'appalto, la Versab Restauri, ha inoltre dato la propria disponibilità a sistemare anche il sagrato come intervento di miglioria al progetto. La spesa complessiva sarà di oltre un milione e 88mila euro di cui 666mila euro finanziati dalla Regione e il resto dal Comune. In partenza il 25 marzo o al più tardi l'1 aprile, è invece l'intervento di riparazione della Torre dell'orologio, che avrà una durata di 6 mesi e che prevede opere di consolidamento degli impalcati e rifacimento di pavimenti e impianti. Vista la posizione della torre, la ditta esecutrice, la Albieri srl, dovrà  in questo caso fare i conti con le diverse esigenze legate alla circolazione stradale e alla presenza di attività commerciali fisse e del mercato del venerdì. Il costo complessivo di oltre 414mila euro sarà sostenuto per 226mila euro con fondi regionali e per la quota restante con risorse comunali".

In allegato le schede tecniche dei due interventi

Immagini scaricabili della chiesa della Madonnina (facciata, interni e canonica), della Torre dell'orologio e della presentazione alla stampa degli interventi (con Aldo Modonesi, Natascia Frasson e Rina Scicchitano - direttore lavori Torre orologio)

Immagini scaricabili:

Chiesa Madonnina_facciata.jpg Chiesa Madonnina_interno 1.jpg Chiesa Madonnina_interno 2.jpg Chiesa Madonnina_canonica.jpg torre orologio 13mar2019.jpg

Allegati scaricabili: