Comune di Ferrara

lunedì, 17 giugno 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Cresce la fruizione del trasporto pubblico locale nel 2018

TRASPORTO PUBBLICO - Illustrati i dati in Comune da ass. Modonesi e dirigenti AMI Ferrara

Cresce la fruizione del trasporto pubblico locale nel 2018

19-03-2019 / Giorno per giorno

Si è svolta martedì 19 marzo 2019, nella sala degli Arazzi della residenza municipale di Ferrara, la conferenza stampa di presentazione dei principali risultati dell'indagine 'saliti e discesi' relativa ai passeggeri delle linee urbane nell'anno 2018, realizzata da Ami Ferrara.

Assieme all'amministratore unico di Ami Ferrara Giuseppe Ruzziconi e al direttore Lucio Catozzo, sono intervenuti l'assessore ai Lavori pubblici e Mobilità del Comune di Ferrara Aldo Modonesi, il presidente del Comitato utenti del trasporto pubblico Gianni Govoni e Antonio Fiorini (Ami Ferrara).

"Sono risultati molto positivi - ha commentato l'ass. Modonesi - che sottolineano come le scelte fatte in questi ultimi anni, mettendo in campi più chilometri, più incentivi e più opportunità per i cittadini, abbiano avuto effetti concreti sulla fruibilità del trasporto pubblico nel nostro territorio".  

LA SCHEDA (a cura di AMI Ferrara) - Indagine "saliti-discesi" linee urbane Ferrara 19 marzo 2019

Il Comune di Ferrara e l'Agenzia della Mobilità presentano i dati dell'indagine saliti discesi sulle linee urbane. L'indagine è stata eseguita in tre giornate (giovedì 22, domenica 25 e lunedì 26 novembre 2018) su tutte le corse delle linee urbane e dei "supplementari" scolastici.

Tramite l'impiego di 60 rilevatori sono stati contati i passeggeri saliti e discesi in tutte le fermate urbane. La mole di dati disponibili è rilevante: in sede di conferenza sono stati illustrati i più significativi.

L'indagine viene effettuata con cadenza biennale fin dall'anno 2004 e pertanto si dispone di un'ampia serie storica di dati dettagliati sul servizio la cui conoscenza è preziosa per orientare al meglio le decisioni sulla rete del trasporto pubblico locale e l'offerta di servizio. L'indagine viene effettuata sempre nello stesso periodo dell'anno tra fine novembre e inizio dicembre. La scelta di mantenere rigidamente il periodo di rilevazione consente di avere risultati parziali, perché non universali, tuttavia omogenei e indicativi di tendenza.

La tendenza rilevata, in questa ultima indagine, fornisce alcune indicazioni di carattere generale:

  • dopo l'intervento riorganizzativo avvenuto sulla rete urbana alcuni anni fa (2012/2013 a seguito del "Patto regionale per il TPL" come risposta ai pesanti tagli -circa 350.000 km - dovuti a minori trasferimenti statali), e dopo un primo oggettivo disorientamento degli utenti il servizio, pur in presenza di minori chilometri offerti al pubblico, ha in ogni caso recuperato gradimento da parte dell'utenza;

  • la stabilizzazione della rete accompagnata da qualche aggiustamento incrementale (linea7- modifica percorso Malborghetto di via Scalambra, linea 11- nuovo capolinea a ex Dazio e Corti di Medoro, inserimento Navetta Stazione ferroviaria Fiera per studenti biotecnologia) indica una tendenza alla crescita dei passeggeri in tutte le giornate;

  • l'incremento dei passeggeri trascina anche una maggiore efficienza dal punto di vista della saturazione di carico dei mezzi per singola corsa;

  • l'aumento dei passeggeri non è confrontabile con il dato dei ricavi da traffico in quanto nel corso del 2018 sono state introdotte migliorie importanti per gli usuali utilizzatori del treno e dei bus urbani: Mi Muovo, allargamento zona Ferrara, abbonamenti gratuiti per i/le ragazzi/e del Comune nati nel 2005

Queste alcune considerazioni, documentate dalle tabelle allegate (scaricabili in fondo alla pagina - file PDF).

Tabella 1: andamento generale dei passeggeri.

Il dato complessivo dei passeggeri trasportati (servizio urbano ed extraurbano) per il periodo 2003-2017, calcolati secondo i coefficienti regionali, riprende a crescere, passando dai 12.040.000 del 2011 ai 13.107.000 del 2017. L'utilizzo dei coefficienti regionali, basati su stime di utilizzo per ciascun titolo di viaggio venduto, uguali negli anni e per tutte le aziende e le agenzie dell'Emilia-Romagna, ha il pregio della comparabilità nel tempo degli andamenti, ma non sempre fotografa un reale utilizzo del bus.

Tabella 2: venendo più strettamente all'indagine saliti-discesi sul servizio urbano, si evidenzia che tra i 26/27 mila cittadini utilizzano il bus in città in un giorno feriale medio, un valore sostanzialmente costante negli anni precedenti, e che tende a crescere nell'ultima rilevazione.

Il dato "passeggeri medi per corsa" evidenzia un discreto incremento tra l'anno 2016 e il 2018: evidentemente a fronte della riduzione di corse causata dai minori trasferimenti regionali e statali e dalle conseguenti "rimodulazioni" di servizio, il numero di passeggeri trasportati non è diminuito nella stessa misura. Ciò testimonia del fatto che si è operato sul servizio incidendo sulle corse e sulle linee che avevano meno utenti.

Tabelle 3 e 4: le linee portanti si confermano la 11 e la 6, sia come passeggeri trasportati (efficacia) che come passeggeri per corsa (efficienza).

Tabelle 5 e 6: sulle 533 corse effettuate e rilevate, soltanto 5 il lunedì 26/11, 3 il giovedì 22/11 e 1 la domenica 25/11 non hanno nessun passeggero e quelle con meno di 6 utenti sono soltanto il 5,25% del totale.

Tabella 7: dati linea 15 Stazione FS - Fiera UNIFE

 

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: