Comune di Ferrara

giovedì, 18 aprile 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > 'Gli enigmi di Camilla Faà' svelati da Cinzia Montagna

BIBLIOTECA ARIOSTEA - Mercoledì 27 marzo 2019 alle 17 presentazione libro in via Scienze

'Gli enigmi di Camilla Faà' svelati da Cinzia Montagna

26-03-2019 / Giorno per giorno

Cerca di dare risposta a una serie di enigmi legati alla figura di Camilla Faà, contessa di Bruno, il libro di Cinzia Montagna dal titolo 'È tornato il cane nero' che mercoledì 27 marzo 2019 alle 17 sarà presentato nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via delle Scienze 17, Ferrara). Nel corso dell'incontro dialogherà con l'autrice Nicoletta Zucchini del Gruppo Scrittori Ferraresi.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori
A due anni da "Nec ferro nec igne - Nel segno di Camilla" di Cinzia Montagna, il Circolo Culturale "I Marchesi del Monferrato" propone un aggiornamento su quanto accaduto dopo la pubblicazione del primo libro dedicato a Camilla Faà, contessa di Bruno (1599 - 1662). Il titolo "E' tornato il cane nero" si riferisce all'elemento più clamoroso conseguente alla pubblicazione del 2012: il restauro del ritratto di Camilla, condotto nel 2013, ha svelato l'esistenza di un cane nero dipinto accanto alla contessina. Il cane fu nascosto da interventi pittorici dei quali non è stato ancora possibile ricostruire sinora né la motivazione né la datazione. E' questo uno degli enigmi che trovano sviluppo nel libro scritto dalla Montagna, oltre all'esistenza di due ritratti di bambini, l'uno conservato a Bruno e l'altro a Torino, del tutto simili come posa e abbigliamento ma diversi per caratteristiche somatiche. E ancora: quante sono realmente le sepolture del Chiostro del Corpus Domini di Ferrara, dove la tomba di Camilla è posta accanto a quella di Lucrezia Borgia? La contessina morì davvero nel 1662 oppure la data è il risultato di un'errata interpretazione dell'epigrafe fatta incidere dalle nipoti in sua memoria? Perché la rivale di Camilla, Caterina De' Medici, la vera moglie del Duca Ferdinando Gonzaga, ebbe così a cuore la sorte del suo figliastro, Giacinto, nato da Camilla e Ferdinando? Il romanzo cerca di rispondere a tali interrogativi, senza però dimenticare il filo conduttore che dà nome alla Collana: Gridonia, il piccolo petauro dello zucchero che è l'animaletto da compagnia della voce narrante, torna anche in questo romanzo, lasciando però i lettori con il fiato sospeso sino alle ultime pagine.

Cinzia Montagna è giornalista e lavora in ambito enogastronomico. E' laureata in Teoria e Storia della Storiografia presso l'Università degli Studi di Pavia sulle tecniche narrative storiche e d'invenzione. Fra le sue pubblicazioni di tema storico e saggistico, l'aggiornamento e completamento del volume di L.Mastropietro, Santa Giuletta, storia, popolazione ed economia, Oi Petres, Pavia, 1990; Osasco, un paese, una storia - Comune di Osasco, dicembre 2004; Mario Campagnoli, l'uomo, la Dc e la Coldiretti, Casteggio, settembre 2005; Terre Pavesi, Provincia di Pavia, Ed. Sangiorgio - Genova, luglio 2005; Oltrepò, dove le vigne e le colline disegnano il cielo in Marketing Culturale - Valorizzazione di istituzioni culturali - Strategie di Promozione del Territorio, Franco Angeli Ed., Milano 2006. Suoi numerosi racconti di fantascienza sociale pubblicati in "Futuro Europa" - Rassegna Europea di SF, Perseo, Bologna.

 

Il calendario completo degli eventi e delle attività culturali, aperti liberamente a tutti gli interessati, in programma nelle biblioteche e archivi del Comune di Ferrara su: http://archibiblio.comune.fe.it

Immagini scaricabili:

27-marzo-Montagna.jpg