Comune di Ferrara

lunedì, 27 maggio 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "Le stanze di Gabriele Amadori", una cascata di colori in simbiosi con la musica

ASSESSORATO ALLA CULTURA - Inaugurazione mostra venerdì 17 maggio alle 18 a Palazzo Crema (via Cairoli 13) con un concerto del gruppo "Sax Four Fun" - DOCUMENTAZIONE E FOTO

"Le stanze di Gabriele Amadori", una cascata di colori in simbiosi con la musica

14-05-2019 / Giorno per giorno

Giovedì 16 maggio a Palazzo Crema (via Cairoli 13), si è tenuta la presentazione della mostra "Le stanze di Gabriele Amadori". Nato a Ferrara, Gabriele Amadori (scomparso nel 2015) è stato pittore, scenografo e light designer e ha mantenuto per tutta la vita forti legami con la città e la sua comunità artistica. All'incontro con i giornalisti sono intervenuti il Vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Ferrara e la moglie dell'artista Daniela Ferriani Amadori.

La mostra verrà inaugurata a Palazzo Crema - spazio espositivo a piano terra - venerdì 17 maggio alle 18 con un concerto jazz del gruppo "Sax Four Fun" e sarà visitabile fino al 2 giugno 2019 con i seguenti orari: dal lunedì al giovedì dalle 14 alle 19, il venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 19 (ingresso libero e gratuito).

 

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori) L'Associazione "Amici dei Musei e Monumenti Ferraresi" e l'Associazione Culturale "Gabriele Amadori" presentano la mostra "Le stanze di Gabriele Amadori" (17 maggio - 2 giugno 2019 a Spazio Crema, via Cairoli 13 - Ferrara)

Daniela Amadori, moglie dell'artista - pittore, scenografo e light designer - scomparso nel 2015, insieme a Lola Bonora, già Direttrice del Centro Video Arte di Palazzo dei Diamanti, e Massimo Marchetti, critico d'arte, presentano alla stampa e al pubblico la mostra "Le stanze di Gabriele Amadori".

Nato a Ferrara, Gabriele Amadori ha mantenuto per tutta la vita forti legami con la città e la sua comunità artistica. La mostra è composta da tele di grandi dimensioni realizzate da Amadori nel corso di concerti live con famosi musicisti contemporanei. Fin dal primo incontro con Demetrio Stratos e grazie alla sua affine ricerca di "cantare la voce per vedere il suono", Amadori ha infatti voluto rappresentare sulle sue tele questa sinestesia. Ma è durante le innumerevoli performance, presentate dalla seconda metà dagli anni '70, che l'artista riesce ad indagare in profondità la reciprocità tra immagine e suono, dando vita a dipinti di largo formato seguendo o dettando il ritmo di uno o più musicisti accanto a lui. Nelle sue "music action painting" Amadori converte le astrazioni musicali in materia, movimento, colore cangiante, strato su strato, realizzando un'esperienza che a molti sembrerebbe impossibile: la trasformazione apparentemente "spontanea" della tela sotto le pennellate che diventano movimento, le ondate melodiche accompagnate dai suoi gesti che danno forma ai sogni.

 

L'iniziativa è inserita nel programma culturale della Associazione Amici dei Musei e Monumenti Ferraresi. La mostra verrà inaugurata a Palazzo Crema, piano terra, venerdì 17 maggio alle ore 18 con il concerto del gruppo "Sax Four Fun" e sarà visitabile fino al 2 giugno con i seguenti orari di apertura: da lunedì a giovedì dalle ore 14 alle ore 19, venerdì, sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 19 (Ingresso libero e gratuito).

 

 

Per info e contatti: Fondazione Carife Palazzo Crema - via Cairoli 13, Ferrara
Tel 0532-205091 info@fondazionecarife.it www.spaziocrema.it

 

Links:

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: