Comune di Ferrara

domenica, 24 marzo 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Disposizioni per tutelare i cittadini nel segno del rispetto e della convivenza civile

POLIZIA MUNICIPALE - Illustrato ai giornalisti il nuovo regolamento di Polizia Urbana. A metà febbraio l'approdo in Consiglio

Disposizioni per tutelare i cittadini nel segno del rispetto e della convivenza civile

01-02-2012 / Giorno per giorno

Il sindaco Tiziano Tagliani e la comandante della Polizia Municipale Laura Trentini hanno illustrato ai giornalisti questa mattina il testo del nuovo Regolamento di Polizia Urbana recentemente vagliato dalla Giunta, che sarà discusso e posto in votazione in Consiglio Comunale a metà febbraio. All'incontro hanno partecipato anche l'assessore comunale Deanna Marescotti e l'ispettore di Polizia Municipale Flaviano Contra.
Dopo il passaggio all'esame dei diversi Consigli circoscrizionali e della I Commissione consiliare, per la raccolta di suggerimenti e proposte, il nuovo Regolamento di Polizia urbana del Comune di Ferrara è stato ratificato della Giunta la settimana scorsa. L'iter proseguirà ora con un ulteriore esame da parte della stessa I Commissione consiliare, cui seguirà l'approdo in Consiglio comunale a metà febbraio per il via libera definitivo. Le sanzioni pecuniarie applicabili in caso di violazione delle norme in esso contenute saranno invece definite da una seconda delibera, che passerà al vaglio della Giunta nel corso della prossima riunione e comunque prima della discussione in Consiglio. Numerosi e diversi sono gli ambiti presi in considerazione dalle nuove disposizioni, tutte mirate a tutelare l'ordine pubblico e a contribuire alla sicurezza dei cittadini, nonché a garantire il decoro urbano e il rispetto della quiete pubblica. I contenuti del testo, che sostituirà quello approvato nel 1984.

DOCUMENTAZIONE (file scaricabili)
> confstampa_reg_polizia_urbana_1feb12_indice.doc
> confstampa_reg_polizia_urbana_1feb12_testo.doc
> confstampa_reg_polizia_urbana_1feb12_note.doc
> confstampa_reg_pol_municipale_1feb12_cronologia.xls

LA SCHEDA (a cura della Polizia Municipale)

- Perché un nuovo regolamento di Polizia Urbana
Il R.P.U. disciplina i comportamenti e le attività comunque influenti sulla vita della comunità cittadina, al fine di salvaguardare la convivenza civile, la sicurezza dei cittadini e la più ampia fruibilità dei beni comuni;
presidia il civile consorzio, attende alla tutela di un ordinato e decoroso svolgimento della vita cittadina, contribuendo alla sicurezza della popolazione ed al buon andamento della vita sociale educando alla convivenza e alla tolleranza mediante azioni volte a diffondere la cultura della legalità e lo sviluppo di una coscienza civile; essa attende, altresì, alla tutela del demanio comunale;

Il Regolamento di Polizia Urbana attualmente in vigore è stato approvato con Delibera consigliare n.28604/84 e il tempo trascorso ha determinato la necessità di adeguare lo strumento normativo alle diverse esigenze della città intese non solo come previsione di norme nuove che nel comune sentire abbiano assunto la necessità di essere vietate e sanzionate, ma anche come eliminazione di norme che sono state via via contemplate da altre leggi o dai molteplici regolamenti comunali che, nel tempo, hanno disciplinato singole materie già contenute in quello di Polizia Urbana;

- L'iter del Regolamento
Il cronoprogramma presentato inizialmente e che mirava all'approvazione del regolamento entro il 2011, ha subito alcune modifiche giustificate dalla volontà di totale condivisione del testo con la cittadinanza che si esprime attraverso le proprie rappresentanze consiliari e circoscrizionali.
Oltre ad alcune osservazioni del Sindaco, si sono espressi gli Assessori, nella Giunta del 6 settembre 2011; alcuni Dirigenti ; i Consiglieri comunali nella I Commissione Consiliare riunitasi il 15 novembre 2011; i Consigli circoscrizionali riunitisi rispettivamente in data 16 novembre2011 - Circoscrizione 1, 14 novembre2011 - Circoscrizione 2, 28 novembre 2011 - Circoscrizione 3, 29 novembre 2011 Circoscrizione 4.
Le osservazioni e richieste di modifica possono essere così riassunte:
da parte dei Dirigenti n.6
da parte della Circoscrizione 1 n. 14
da parte della Circoscrizione 2 sostanziale condivisione del testo,nessun rilievo
da parte della Circoscrizione 3 n.4
da parte della Circoscrizione 4 n.4
Partito Democratico n.11
Infine approvazione con modifiche della Giunta in data 24 gennaio 2012
Il cronoprogramma attuale prevede l'approvazione del regolamento nel mese di febbraio 2012.

- Cosa Cambia
Sostanziale snellimento del testo: da 90 articoli si passa a 45, grazie all'eliminazione di molte norme già collocate in altri regolamento comunali o leggi nazionali e regionali.
Particolare attenzione è stata dedicata alla sicurezza delle persone - sgombero neve e ghiaccio -; al decoro - imbrattamento dei muri, mostra delle vetrine, coinvolgimento dei cittadini nella pulizia dei luoghi privati ecc.
Alcune novità introdotte: art.5 co.3 uso dei barbecue; art.14 co.3 scolo in strada dei condizionatori; art.20 sosta abbandono di velocipedi in luoghi non contemplati dal cds.; art.21 commi 2 manutenzione infissi e decoro dei fabbricati; art 22 pulizia degli edifici imbrattati a carico dei trasgressori; art.24 co.2 articolo totalmente riformulato relativamente agli obblighi di pulizia a carico dei privati; art.25 decoro delle vetrine; art.27 distribuzione dei volantini; art.32 divieto di campeggio; art.36 adeguamento delle attività rumorose agli orari della legge e delibera di giunta regionale; art.39 rispetto al quale si veda anche l'opposta previsione contenuta nel nuovo regolamento del commercio sulle aree pubbliche; art.40 esposizione esterna della merce; art. 44 istituto della diffida a carico della P.M.

Le osservazioni presentate sono state in gran parte recepite; ricordiamo in particolare: modifica circa il divieto di lancio delle palle di neve, sul quantitativo delle scorte di materie infiammabili, sui sedili nelle aiuole, sugli orari delle attività musicali.