Comune di Ferrara

martedì, 27 giugno 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Un esempio per tutti

Un esempio per tutti

27-06-2006 / Punti di vista

Continuiamo a restare fedeli al principio per cui, finché non c'è una sentenza del giudice, nessuno può essere considerato colpevole di alcunché. E crediamo che, in attesa del giudizio definitivo, ogni imputato o indagato debba essere considerato innocente. Continuiamo a sostenere il diritto di ciascuno alla propria autodifesa, anche col silenzio. Ma l'incidente probatorio che si è svolto qualche giorno fa sulla tragica morte di Federico Aldrovandi merita qualche riflessione.
Non spetta a noi esprimere opinioni sui contenuti di quella testimonianza. Vogliamo anzi, almeno per ora, prescinderne totalmente. Sentiamo però il dovere di ringraziare quella signora camerunense per aver trovato il coraggio di portare la sua voce al magistrato: pur non essendo cittadina italiana, pur non essendo residente stabile nella nostra città, pur avendo un permesso di soggiorno che scade fra qualche mese. A maggior ragione se le cose che ha riferito aiuteranno i magistrati a ricostruire la verità sugli ultimi minuti di vita di Federico Aldrovandi. In ogni caso, quella signora ha reso un esempio di responsabilità civile che dovremmo, come cittadini, avere tutti, sempre: specie nelle circostanze difficili, quando sono in gioco i diritti degli altri e la nostra personale coscienza.
Sono trascorsi molti mesi difficili e oscuri dalla morte di Federico, ma l'indagine giudiziaria oggi sembra essersi avviata su di un normale percorso di ricerca della verità. E' stato quindi giusto riporre la fiducia della nostra comunità nell'operare della magistratura ferrarese.
Nei giorni scorsi i giornali ci hanno informato che il Gip non ha riscontrato, nel comportamento della stampa, il reato di "oltraggio a corpo dello Stato". Un'accusa molto discussa dalle associazioni (anche nazionali) dei giornalisti, perché apparsa come volontà di limitare l'esercizio del dovere di cronaca.
Anche questo è un fatto positivo: un passo avanti per ripristinare quel reciproco rispetto delle altrui funzioni che negli ultimi mesi si è spesso offuscato.