Comune di Ferrara

lunedì, 19 febbraio 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Il Comune e la chiusura del S.Anna

Il Comune e la chiusura del S.Anna

27-06-2011 / Punti di vista

di Valentino Tavolazzi *

In sei firmarono la condanna a morte del Sant'Anna. Era l'11.1.2000 quando il sindaco Sateriale, il presidente della Provincia Dall'Acqua, i due direttori delle aziende sanitarie Colli e Montaguti (inviato a Ferrara allo scopo), l'assessore regionale alla sanità Bissoni ed il rettore Conconi, siglarono il protocollo d'intesa (allegato), senza consultare i cittadini, nè il consiglio comunale di Ferrara. Quel documento costituisce lo spartiacque tra il primo progetto di Cona, concepito come integrazione del Sant'Anna con 450 posti letto ed il maxi ospedale da 900 posti letto, con 18 sale operatorie, invece delle 7 iniziali, le emergenze e la facoltà di Medicina (ferrara.comune.fe.it/attach/sindaco/docs/cronologia_cona.doc.). Dunque prima di Sateriale e Tagliani (1999), il nuovo ospedale di Cona doveva integrare il Sant'Anna, sul modello di Modena (Policlinico e Baggiovara) e come tuttora propongono Progetto per Ferrara ed i quasi 14500 cittadini del referendum autogestito.
Alla lettera l. pag 3 del protocollo d'intesa si legge "la soluzione che viene ritenuta più idonea alle richieste di razionalizzazione dell'esistente e di ottimizzazione degli scenari futuri concernenti l'intero sistema ospedaliero provinciale ferrarese e che trova concordi unanimemente i firmatari del presente accordo, prevede che sia superata l'ipotesi di mantenere in vita contemporaneamente 2 strutture ripetitive; che sia completata la struttura nell'area prescelta per il nuovo polo di Cona, capace di contenere ogni attività necessaria ad una struttura ospedaliera di alta specializzazione (III° livello)". Il documento di sette pagine non si limita a sancire in politichese la chiusura del Sant'Anna, ma stabilisce anche il trasferimento della facoltà di medicina a Cona, tanto del primo triennio didattico, quanto di quello clinico.
Sateriale era sindaco dal giugno 1999, affiancato dal vicesindaco Tiziano Tagliani. Loro, non altri, hanno deciso di firmare quel protocollo che condannava il Sant'Anna, in nome e per conto del Comune di Ferrara. Il consiglio comunale non aveva deliberato nulla al riguardo. Sateriale, Tagliani e la giunta, insieme ai partiti della maggioranza che li sostenevano, portano solidalmente la responsabilità politica di quella decisione, di fronte ai cittadini ferraresi.
Ci si domanda con quale coraggio l'avvocato Tagliani, nel consiglio unificato del 14.6.11 su Cona, abbia strillato la sua estraneità alla decisione di chiudere il Sant'Anna! E con quale onestà intellettuale egli abbia tentato di coinvolgermi nella vergognosa vicenda politica, ben sapendo che fui assunto 4 mesi dopo la scelta sciagurata (16.4.00).
La verità è che l'avvocato Tagliani, dopo aver fatto quella scelta da vicesindaco, si occupa alacremente della vicenda da almeno dodici anni, in posizioni rilevanti in Comune (1999-05), come Presidente della Commissione Politiche Sociali e per la Salute della Regione (2005-09), infine come sindaco della città (2009-oggi). E con quale risultato? Il nuovo ospedale, in costruzione da 20 anni, è incompleto, obsoleto, lontano dalla città e tuttora non fruibile, mentre il caro Sant'Anna è stato colpevolmente lasciato cadere a pezzi, privando un'intera generazione di ferraresi della minima assistenza sanitaria degna di un paese civile.

* - consigliere comunale Progetto per Ferrara

protocollo_intesa_cona_gen2000.pdf