Comune di Ferrara

sabato, 19 agosto 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > 'Smart cities' e tecnologie innovative al servizio delle città

CONVEGNO CITTA' INTELLIGENTI - Lunedì 3 marzo alle 10.45 nella residenza comunale (piazza Municipio 2 - FE) presentazione del Progetto CLARA

'Smart cities' e tecnologie innovative al servizio delle città

28-02-2014 / Giorno per giorno

Lunedì 3 marzo (dalle 10.45), nella sala del Consiglio comunale di Ferrara (piazza Municipio 2), i sindaci, tecnici e operatori delle città e delle aziende coinvolte, insieme al Rettore e a docenti dell'Università di Ferrara, si sono dati appuntamento per la presentazione pubblica del progetto CLARA (CLoud plAtform and smart underground imaging for natural Risk Assessment)

Il progetto, che ha ottenuto il finanziamento del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, è finalizzato allo sviluppo di sensori, tecnologie e sistemi innovativi per la diagnostica non invasiva del sottosuolo per la mitigazione del rischio sismico e idrogeologico e individua come tre casi di studio i territori comunali di Ferrara, Matera ed Enna. Si tratta di una grande opportunità che prevede per Ferrara, come per le altre realtà territoriali partner del progetto, la redazione di un piano di prevenzione del rischio sismico e di salvaguardia di beni architettonici e monumentali.

>> I lavori del convegno sono stati trasmessi in diretta streming audio attraverso la pagina internet "Consiglioweb" (file audio scaricabile nella sezione 'archivio')<<

 

Nelle immagini alcuni momenti del convegno svoltosi questa mattina, lunedì 3 marzo 2014, nella sala del Consiglio comunale di Ferrara

"Il progetto CLARA è un'iniziativa di respiro nazionale - ha affermato durante il convegno l'assessora all'Ambiente Rossella Zadro - infatti potremo realizzare le azioni messe in campo grazie alla vincita di un bando nazionale istituito dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Ferrara e Matera hanno deciso di unire esperienze e progetti riguardanti la tematica 'Sicurezza del Territorio' e questa scelta sinergica di grande valore culturale ha permesso al progetto di aggiudicarsi la seconda posizione nella categoria. Il tema centrale di questa iniziativa riguarda la valutazione dei rischi sismici e idrogeologici presenti sul territorio che verranno analizzati con metodo sistematico e con l'ausilio di una forte componente tecnologica che farà da collante a tutto il meccanismo di ricerca. L'avvento e la costruzione di una 'smart city' ferrarese adattata alle nuove esigenze del territorio ha l'intento di creare, attraverso una serie di azioni coordinate, la conoscenza e l'informazione dei cittadini riguardo le tematiche ambientali e i rischi connessi. Il cittadino informato dovrà diventare anche un valido supporto e un buon alleato dell'Amministrazione comunale per l'interpretazione dei segnali di rischio esistenti".

Il sindaco Tiziano Tagliani ha affermato a questo proposito nel corso del dibattito "che la cittadinanza, per essere parte integrante e attiva del meccanismo, ha bisogno di riappropriarsi della storia sociale che la accompagna e sta alla base di tutto. Dobbiamo prendere coscienza della realtà di ieri ma soprattutto di quella attuale per essere pronti ad agire in situazioni che non ci sono familiari. Il Comune ha già intrapreso attività e percorsi che consentiranno alla rete informativa di crescere e ampliarsi sempre di più; laboratori ed esercitazioni fatte nelle scuole ne sono un esempio pratico. A supportare il ricco sistema informativo che prevede una collaborazione diretta e democratica tra Stato, Enti e cittadini, la segnalazione e la diffusione delle notizie deve essere semplice e immediata. Clausola fondamentale: un linguaggio accessibile, chiaro, alla portata di tutti".

Il rettore dell'Università di Ferrara Pasquale Nappi, in apertura dei lavori, ha sottolineato che "il maggior punto di forza di questa nuova progettualità è la stretta collaborazione fra tutti i partner, ovvero privati, enti di ricerca ed enti pubblici. Diverse realtà come aziende e istituzioni, dislocate su tutto il territorio nazionale, hanno l'obbiettivo di convergere nella stessa direzione di ricerca per raggiungere quelle politiche e quelle azioni in grado di migliorare la vita delle comunità di riferimento. L'unione delle forze può portare a risultati scientifici mai raggiunti, ecco perchè puntiamo tutto sulle sinergie".

 

>> DOCUMENTAZONE SCARICABILE (in fondo alla pagina)

 

IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO 'Smart cities' e tecnologie innovative al servizio delle città - Ferrara, Matera ed Enna città laboratorio per una migliore qualità di vita

Lunedì 3 marzo 2014 - Sala del consiglio comunale di Ferrara - Piazza Municipio 2 - FE

 

ore 10.45 Saluti e introduzione

Rossella Zadro, Assessore all'Ambiente e alle Relazioni Internazionali del Comune di Ferrara; Pasquale Nappi, Rettore dell'Università di Ferrara

 

Le opportunità del progetto CLARA - CLoud plAtform and smart underground imaging for natural Risk Assessment

Partenariato Pubblico e Privato tra enti di ricerca, università, imprese ed enti locali

- Presentazione: Carmela Cornacchia, IMAA-CNR.

- Interventi di: Giovanni Santarato, Università di Ferrara; Francesco Castelli, Università Kore di Enna; Marco Mucciarelli, OGS di Trieste; Fabio Volpe, e-Geos; Enrico Stancampiano, Sinergis ATI Under Cities; Roberto Gueli, Consorzio Etna Hitech.

Modera: Vincenzo Lapenna, IMAA-CNR

 

Sicurezza del territorio: il ruolo dei cittadini

Tiziano Tagliani, Sindaco del Comune di Ferrara

Salvatore Adduce, Sindaco del Comune di Matera

Graziella Morreale, Direttore Generale della Provincia Regionale di Enna

Modera: Federico Pedrocchi, Radio 24 - il Sole 24 Ore

 

La chiusura dei lavori è prevista per le ore 13

 

 

LA SCHEDA DEL BANDO E DEL PROGETTO C.LA.R.A.

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR) ha finanziato il 19 febbraio 2014 i progetti selezionati sul Bando Nazionale "Smart Cities and Communities" (D.D. n. 391/Ric del 5 luglio 2012). Il Progetto "CLARA - CLoud plAtform and smart underground imaging for natural Risk Assessment", finalizzato allo sviluppo di sensori, tecnologie e sistemi innovativi per la diagnostica non invasiva del sottosuolo per la mitigazione del rischio sismico e idrogeologico in aree urbane, è una delle due proposte selezionate per tematica "Sicurezza del Territorio".

 

Questo risultato è particolarmente significativo poiché il bando MIUR è stato molto competitivo. La Commissione di valutazione, strutturata in 16 panel tematici, formata da 35 esperti, ha lavorato in sessioni a distanza per poter beneficiare, in tutte le fasi, del contributo continuativo e necessario dei 17 membri internazionali selezionati nell'ambito dell'albo esperti della Commissione Europea. Le proposte sono state sottoposte a una rigorosa valutazione comparata, che ha portato alla formulazione del giudizio per ogni singolo progetto di ricerca.

 

Il progetto CLARA finanziato dal MIUR per un importo complessivo di circa 12 milioni di euro vede quale promotore un partenariato misto pubblico-privato costituito da Centri di Ricerca (Consiglio Nazionale delle Ricerche (IMAA-ISTC-IREA), Osservatorio Geofisico Sperimentale di Trieste), Università (Università di Ferrara, Università La Sapienza di Roma, Università di Catania, Università Kore di Enna), grandi imprese (tra le quali e-Geos, Meridionale Impianti, Sidercem, IDS, Gruppo HERA) e PMI (Consorzio Etna Hitech, Tecnoin, Sinergis, altre) con forte propensione all'innovazione ed un sistema di stakeholders (Comune di Ferrara, Comune di Matera, Protezione Civile della Regione Sicilia e Provincia di Enna) capace di esprimere una domanda "Intelligente" e con forti contenuti tecnologici.

 

Il progetto individua tre casi di studio su cui sperimentare e promuovere l'utilizzo di un sistema innovato integrato per la gestione dei rischi naturali in ambiente urbano e periurbano: uno nella Città di Ferrara, interessata a redigere un adeguato piano per prevenzione del rischio sismico e di salvaguardia di beni architettonici e monumentali, uno nella Città di Matera, interessata allo studio del sottosuolo urbano nel centro storico dei Sassi ed il terzo nell'area della Provincia di Enna per la mitigazione del rischio idrogeologico.

 

L'obiettivo principale del progetto è la mitigazione degli effetti dei dissesti idrogeologici e sismici, che interessano i centri abitati, mediante l'acquisizione di una maggiore conoscenza del territorio. Cambiamenti climatici e progressiva antropizzazione del suolo, infatti, hanno reso le nostre città sempre più vulnerabili alle calamità naturali. CLARA sperimenterà nuove tecnologie osservative (in-situ e remote) ed ICT per il rafforzamento delle capacità sociali per affrontare i rischi naturali in ambiente urbano.

 

CLARA svilupperà smart technology diffuse che consentano la gestione e la condivisione di informazioni complesse, quali le basi di dati relative alla reale esistenza e consistenza dei livelli di pericolosità dei fenomeni idrogeologici e sismici e di vulnerabilità delle risorse esposte nelle aree urbanizzate, adottando i paradigmi open-government ed open-data, anche per il coinvolgimento attivo della popolazione alla percezione, comunicazione e mitigazione dei rischi naturali, per lo sviluppo di comunità resilienti agli effetti dei cambiamenti climatici e per una consapevole partecipazione pubblica alle politiche ambientali.

 

CLARA pone al centro l'esploratore urbano: l'uomo in mobilità ed in perenne connessione ad internet che i dispositivi a realtà aumentata non solo rendono sempre informato di ciò che avviene attorno a lui, ma che gli permettono anche di condividere in tempo reale quanto dai lui osservato.

 

L'efficacia dei risultati della ricerca verranno verificati e dimostrati in un contesto urbano attraverso dei Living Labs come strumento all'interno di interventi coerenti con la strategia delle Smart Cities. La proposta adotta un approccio sistemico per realizzazione di un infrastruttura open per la rappresentazione di dati spaziali (SDI) e per la caratterizzazione delle principali proprietà fisiche di suolo e sottosuolo basato sulla piena integrazione delle più moderne tecnologie geofisiche di esplorazione del sottosuolo (es. tomografia sismica attiva e passiva, tomografia a microonde, tomografia di resistività), sensoristica avanzata (es. fiber optics, MEMS, sciami UAV) e tecnologie ICT (es: open Cloud, spatio temporal reasoning, web-gis, web-services, web-sensors) per la visualizzazione e la modellazione di dati geologici e geofisici del sottosuolo.

 

 

 (Notizia pubblicata su Cronacacomune.il il 26-2-2014)

 

Links:

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: