Comune di Ferrara

mercoledì, 21 agosto 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > 'Il rischio geologico in Italia e nel Ferrarese', se ne parla in una tavola rotonda

MUSEO CIVICO STORIA NATURALE - Giovedì 29 gennaio alle 16 alla sala conferenze di via De Pisis 24

'Il rischio geologico in Italia e nel Ferrarese', se ne parla in una tavola rotonda

27-01-2015 / Giorno per giorno

"Il rischio geologico in Italia e nel Ferrarese davanti al cambiamento climatico" è il tema della tavola rotonda in programma giovedì 29 gennaio alle 16 alla sala conferenze del Museo civico di Storia Naturale (via De Pisis 24). Al momento di confronto interverranno: Massimo Coltorti (Università di Ferrara e Commissione Nazionale Grandi Rischi),  Roberto Riccelli (Protezione Civile, Comune di Ferrara), Antonio Scaglioni (Geologo libero professionista, Modena),  Giovanni Santarato (Fisico, docente di Geofisica Applicata all'Univ. di Ferrara), Antonella Sileo (Ordine dei Geologi dell'Emilia Romagna); modererà Carla Corazza (Biologa - Ricercatrice del Museo di Storia Naturale). L'iniziativa è organizzata dall'Associazione Naturalisti Ferraresi.


LA SCHEDA (a cura degli organizzatori) - Da un po' di tempo, in occasione di eventi geologici o anche solo precipitazionali, si verificano dei grandi disastri. Nelle ore immediatamente successive tutti sono d'accordo che non si fa abbastanza prevenzione, ma dopo pochi giorni il problema viene dimenticato. Ormai ci si sta addirittura adeguando a questo andazzo, stanno anche nascendo delle imprese specializzate a rimettere a posto (quel che è possibile) dopo la sciagura. Tutto questo però, oltre a fare vittime, impoverisce il Paese. In realtà il problema è a monte, bisogna organizzare bene il territorio, ottimizzare le risorse e le competenze, ed evitare che quello che si fa sia sbagliato.
Anche nel Ferrarese i rischi geologici non mancano: sismicità, liquefazione delle sabbie, subsidenza, allagamenti da fiume, da mare e da canali, rischio geotecnico.
Ci sono, ad esempio, dei rischi connessi allo sfruttamento geotermico dei pozzi di Casaglia?
Avremo poi modo, in incontri successivi, di approfondire anche altri temi. Questo ciclo di incontri si occuperà di territorio, sia perché si tratta di un bene esauribile, sia perché questo bene comune dovrebbe essere tenuto in primaria considerazione se si vuol seriamente riorganizzare il nostro futuro.