Comune di Ferrara

giovedì, 17 agosto 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Patrimonio comunale: nuove alienazioni e acquisizioni non onerose; lavori allo stadio; progetto di riduzione degli sprechi alimentari; partecipazione nel governo dei beni comuni

GIUNTA COMUNALE - Le principali delibere approvate nella seduta del 20 dicembre 2016

Patrimonio comunale: nuove alienazioni e acquisizioni non onerose; lavori allo stadio; progetto di riduzione degli sprechi alimentari; partecipazione nel governo dei beni comuni

20-12-2016 / Giorno per giorno

Queste le principali delibere approvate nella riunione della Giunta comunale di martedì 20 dicembre:

Assessorato al Commercio, Semplificazione Amministrativa, Servizi Informatici, Patrimonio, assessore Roberto Serra
Il Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni di immobili comunali per il triennio 2017-19
Sarà allegato al Bilancio comunale di previsione 2017 il Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni degli immobili di proprietà del Comune di Ferrara predisposto dal Servizio Patrimonio per il triennio 2017-2019. Il Piano, approvato oggi dalla Giunta e presto al vaglio del Consiglio, è stato redatto sulla base di una ricognizione che ha portato a individuare i beni immobili non funzionali all'attività istituzionale dell'Amministrazione e quindi disponibili per azioni di alienazione o valorizzazione, mirate sia a migliorare la contabilità comunale che a finanziare nuove spese di investimento.
Tra gli immobili inseriti nelle previsioni di vendita per il 2017 figurano anche l'ex Pesa pubblica di via Bologna, un fabbricato in via Mentessi, un fabbricato e la relativa area di pertinenza a Marrara e un'ex autorimessa in via Spartaco, oltre a diversi terreni.

Dal Comune di Ferrara la richiesta di acquisizione di alcuni immobili demaniali
Sono sedici gli immobili, tra aree ed edifici, di proprietà dello Stato e situati nel territorio comunale, per i quali il Comune di Ferrara intende presentare all'Agenzia del Demanio richiesta di acquisizione a titolo non oneroso. A consentire l'operazione è stata la riapertura dei termini, nel 2016, per l'invio di nuove richieste di acquisizione di beni demaniali da parte di enti locali, nell'ambito del processo di attuazione del 'federalismo demaniale' promosso dalla legge 42 del 2009.
Tra gli immobili oggetto delle richieste di acquisizione figurano: la nuda proprietà di un appartamento in via Ravenna; un'area appartenente al complesso fieristico, la cui acquisizione è finalizzata alla ricomposizione fondiaria della parte comunale; aree appartenenti al complesso cimiteriale di Marrara, la cui acquisizione consentirebbe la ricomposizione fondiaria della parte comunale del cespite, anche nell'ottica di un possibile futuro ampliamento del cimitero; un'area adiacente la Chiesa di Montalbano, da cedere poi alla Parrocchia; l'area dell'ex canale idrico adiacente il complesso immobiliare ex Amga di via Bologna (da aggiungere poi a valorizzazione del complesso in fase di alienazione); una serie di aree, oltre a porzioni di un canale verosimilmente dismesso, adiacenti le antiche mura della città; l'impianto sportivo del Palazzo delle Palestre, attualmente di proprietà di Coni Servizi S.p.A. (interessata a renderne possibile il trasferimento attraverso il federalismo demaniale); e, infine, un immobile in via Comacchio comprendente 2 laboratori, aree scoperte e aree di accesso.
In caso di approvazione delle richieste da parte dell'Agenzia del Demanio, queste dovranno poi essere sottoposte al Consiglio Comunale che dovrà esprimersi in merito all'acquisizione o meno degli immobili.
Già nel 2013 il Comune aveva presentato richiesta di acquisizione di alcuni immobili demaniali ottenendo il via libera al trasferimento per un appartamento in via Boiardo, da inserire nel patrimonio di edilizia residenziale pubblica, e per due terreni: uno in zona via Palmirano, che il Comune aveva concesso in diritto d'uso al Ministero della Difesa per l'addestramento delle truppe militari e ora non più in uso, e il secondo denominato 'ex Polveriera Porta Mare' nell'area delle mura cittadine.

Concessione trentennale a Snam Rete Gas di aree comunali attraversate da metanodotti
Avrà durata trentennale la nuova concessione da parte del Comune di Ferrara a Snam Rete Gas spa di aree appartenenti al Demanio e al Patrimonio indisponibile del Comune, sulle quali ricadono i tracciati dei metanodotti, lungo il Canale Boicelli.
Il canone concessorio annuo di 780 euro sarà corrisposto in una soluzione unica e anticipata (per una somma di 23.400 euro) per tutta la durata della concessione.

 

Assessorato ai Lavori Pubblici e Mobilità, Sicurezza Urbana, Protezione civile, assessore Aldo Modonesi:
Allo Stadio Mazza lavori urgenti per l'eliminazione di infiltrazioni
Consentiranno di risolvere il problema delle infiltrazioni nella copertura della curva ovest dello Stadio comunale Paolo Mazza i lavori urgenti che, con autorizzazione della Giunta comunale, saranno eseguiti a cura della Società Spal 2013 srl. L'intervento, su progetto della stessa Società, approvato dal Comune, sarà realizzato nel rispetto della convenzione di concessione in uso dell'impianto sportivo, che in determinati casi consente alla società conduttrice di realizzare interventi allo stadio in sostituzione della proprietà. Per l'esecuzione dei lavori, che prevedono, tra l'altro, la realizzazione di un nuovo canale di gronda, il Comune erogherà alla Società sportiva la somma di 20mila euro.

 

Assessorato all'Ambiente, Lavoro, Attività Produttive, Sviluppo Territoriale, assessore Caterina Ferri:
Il Comune di Ferrara partner di un progetto europeo per la riduzione degli sprechi alimentari

Si propone di migliorare le politiche locali per la riduzione degli sprechi alimentari il progetto europeo 'EcoFood4Waste' cui anche il Comune di Ferrara parteciperà in qualità di partner, assieme ad altri enti e istituti regionali e locali di stati membri dell'Unione europea. Inserito nel Programma di cooperazione internazionale Interreg-Ue - Priorità 4, il progetto ha ottenuto, nelle scorse settimane, l'ok al finanziamento da parte del Comitato di Monitoraggio del Programma stesso, con l'assegnazione al Comune di Ferrara di una quota di 159mila euro per lo svolgimento delle attività previste.
"Obiettivo generale del progetto è - nello specifico - quello di migliorare gli strumenti di programmazione delle policy locali integrandole con azioni di sostegno all'uso efficiente delle risorse, tramite la promozione di eco-innovazione per la riduzione dello spreco alimentare e la promozione della conoscenza del rapporto tra cibo e risorse".
Il progetto avrà durata di quattro anni e si articolerà in due fasi: la prima, della durata di 2 anni (2017 - 2018), prevede una analisi a livello internazionale volta ad identificare e a trasferire buone pratiche all'interno dei contesti territoriali, percorso di trasferimento supportato da un Gruppo di Stakeholder Locale, appositamente individuato, con cui si condivideranno necessità territoriali e i risultati delle attività svolte a livello transnazionale anche mediante pilot actions; la seconda fase, della durata di altri 2 anni (2019 - 2020), sarà dedicata al monitoraggio dell'implementazione delle azioni previste dai piani d'azione delle città partner. Capofila del progetto è l'International Centre for Advanced Agronomic-Studies Mediterranean Agronomic Institute di Montpellier (CIHEAM-IAMM) - (FR) e partner, oltre al Comune di Ferrara, sono: la Regione della Wielkopolska (PL), la Regione della Macedonia Occidentale (GR), la Regione della Ostrobothnia (FI), la Regione della Provenza - Costa Azzurra (FR), la Contea del Devon (UK), e l'Agenzia Rifiuti Catalana (ES). Nell'ambito del progetto il Comune di Ferrara sarà da un lato fornitore di buone pratiche e dall'altro beneficiario del processo di apprendimento interregionale.

 

Assessorato all'Urbanistica, Edilizia, Rigenerazione Urbana, assessore Roberta Fusari:
Approvato il nuovo "Regolamento per la partecipazione nel governo e nella cura dei beni comuni"

Principi fondamentali nel governo dei beni comuni sono la cura condivisa e la partecipazione dei cittadini nei processi decisionali. A sancirlo è il nuovo "Regolamento comunale per la partecipazione nel governo e nella cura dei beni comuni" che è stato approvato oggi dalla Giunta. Il documento è frutto del percorso partecipativo 'Ferrara mia, persone e luoghi non comuni' che è stato condotto nei mesi scorsi dall'Urban Center del Comune di Ferrara, con il coinvolgimento di numerosi cittadini in incontri di discussione pubblica e attività di ascolto e confronto.
Oggetto del Regolamento è la disciplina delle relazioni tra l'amministrazione e la cittadinanza sul tema del governo partecipato dei beni comuni, nonché delle metodologie di ascolto e confronto per la presentazione di progetti e la raccolta di suggerimenti e istanze.
Tre gli ambiti di azione individuati dal Regolamento: la promozione di una costante attività su campo di ascolto, analisi e ricognizione, coerentemente con il principio guida individuato dalla Carta dei Beni Comuni; l'identificazione delle procedure e degli strumenti amministrativi per supportare le iniziative promosse dai cittadini singoli o da gruppi, differenziati in funzione del grado di complessità dell'azione proposta (attività spontanee, comunicazione, sottoscrizione di un Patto); e l'incentivazione del libero scambio e della condivisione di saperi, idee e relazioni attraverso un sistema pubblico di informazione e di comunicazione.
E' prevista una fase di sperimentazione del Regolamento della durata di due anni dalla sua entrata in vigore, durante i quali il Gruppo di lavoro dovrà valutare i benefici concretamente apportati allo sviluppo della cura e gestione dei beni comuni e suggerire eventuali modifiche alle disposizioni regolamentari e all'organizzazione amministrativa. A tal proposito, nel contesto del percorso Partecipativo, sono state redatte anche le 'Linee guida operative per i primi due anni di sperimentazione (2017-2019)' approvate anch'esse oggi in Giunta.

 

Assessorato al Decentramento e Sport, assessore Simone Merli:
Sostegno ad associazioni e contrade per attività sociali e culturali

Ammonta a 16.800 euro la somma dei contributi comunali destinati a contrade e associazioni di volontariato del territorio a sostegno di attività volte a favorire la cultura, lo sport, l'integrazione, la formazione e la socializzazione, attraverso laboratori, spettacoli, tornei ed iniziative varie.
Destinatari delle erogazioni sono in particolare: l'Associazione di volontariato onlus Dalla Terra alla luna (1.500 euro), a parziale sostegno della realizzazione di un laboratorio di cucina e pasticceria rivolto a minori con disturbi dello spettro autistico; l'associazione Anffas onlus di Ferrara (1.500 euro) per la realizzazione di progetti di integrazione nella società, nella scuola e nel lavoro, delle persone disabili ed a supporto delle famiglie degli stessi; l'Associazione Amici del Carnevale di Ravalle (800 euro) a parziale sostegno delle spese per la realizzazione del Carnevale a Ravalle; le Contrade di San Paolo, San Giovanni, San Giacomo, Santo Spirito, San Giorgio, Santa Maria in Vado e San Luca e l'Associazione Culturale San Benedetto (per un totale di 13.000 euro) a parziale sostegno delle attività sportive, culturali, storiche svolte nel 2016, a favore del territorio e dei suoi residenti per mantenere viva la memoria storica, l'aggregazione, l'integrazione, l'associazionismo.
Altri 1.500 euro andranno all'associazione di volontariato onlus Lo Specchio per iniziative ed attività volte a favorire l'inclusione sociale, lavorativa e sportiva di ragazzi con disabilità.

 

Assessorato alla Sanità, Servizi alla Persona, Politiche Familiari, assessore Chiara Sapigni:
Ad Acer fondi per la gestione del progetto 'Grattacielo sicuro'

Ammonta a 12.400 euro l'erogazione destinata dal Comune ad Acer Ferrara per la gestione, nell'anno 2016, del progetto 'Grattacielo sicuro' finalizzato all'affitto e all'acquisto di alloggi e locali all'interno del grattacielo, oggetto di una convenzione sottoscritta dai due enti nel 2008.

Un contributo per l'assistenza veterinaria ai gatti delle colonie feline
E' di mille euro il contributo comunale destinato all'Associazione Gata di Ferrara a sollievo delle spese sostenute nel corso del 2016 per l'assistenza veterinaria ai gatti delle colonie feline del territorio comunale.

 

Assessorato alla Cultura, Turismo, Giovani e Personale, vicesindaco Massimo Maisto:
Un contributo all'associazione culturale Occhiaperti.net

E' di mille euro il contributo comunale destinato all'associazione culturale Occhiaperti.net per la realizzazione dell'incontro pubblico dal titolo 'C'è bufala e bufala: come difendersi dalla false notizie che compaiono sul web" che si è svolto il 15 ottobre scorso nella sede del teatro FerraraOff.


Le delibere approvate nel corso delle sedute della Giunta comunale vengono pubblicate nei giorni successivi, con le modalità e nei termini di legge, sulle pagine internet dell'Albo Pretorio on line del Comune di Ferrara all'indirizzo http://www.comune.fe.it/index.phtml?id=1818