Comune di Ferrara

sabato, 19 agosto 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Presentato il "Report sociale 2016 della Lipu" e l'attività del Giardino delle Capinere

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE - 1.272 gli animali raccolti da ferraresi e da abitanti di zone circostanti nel 2016 e affidate per le cure ai volontari

Presentato il "Report sociale 2016 della Lipu" e l'attività del Giardino delle Capinere

16-03-2017 / Giorno per giorno

Sono stati 1.272 gli animali raccolti da ferraresi e da abitanti di zone circostanti nel 2016 e affidati ai volontari del Centro di recupero di animali selvatici Giardino delle Capinere di Ferrara: di questi 456 sono stati liberati dopo le cure, quasi il 75% di quelli oggettivamente 'salvabili'. Ha preso il via con questi primi numeri la conferenza stampa odierna in residenza municipale per presentare il "Report sociale 2016 della Lipu" la sezione ferrarese della Lega italiana protezione uccelli che gestisce il centro di via Porta Catene 118.  

All'incontro con i giornalisti erano presenti l'assessora all'Ambiente Caterina Ferri, il delegato provinciale e vice presidente nazionale Lipu Lorenzo Borghi e il responsabile regionale per l'Emilia-Romagna del Servizio territoriale agricoltura sostenibile, caccia e pesca Renato Finco.

"Per raggiungere questi risultati - ha poi proseguito Lorenzo Borghi - sono state prestate 9.744 ore di lavoro da parte dei nostri volontari e dei nostri operatori. Nel corso dello scorso anno al Centro si sono recati 3.850 visitatori. Molti di loro sono giovanissimi delle scuole del territorio interessati alle iniziative di educazione ambientale del Giardino delle Capinere, altri sono turisti che hanno scelto il Centro come tappa del loro itinerario di visita nella nostra città". 

"A questo nuovo appuntamento con il bilancio annuale della Lipu - ha affermato l'assessora all'Ambiente Caterina Ferri ricordando il contributo comunale di 16mila euro all'associazione - ribadiamo il ringraziamento della città ai suoi volontari, attivi su questo progetto realizzato su un terreno comunale fin dal 1983. Un impegno costante, con una visione sociale e di inclusione, a favore sia della salvezza degli animali sia dell'educazione ambientale. Non dimentichiamo poi le capacità del Giardino di fare da attrazione turistica e il suo ruolo di presidio di una zona in passato protagonista di vicende poco felici".  

"Nel nostro territorio la Lipu sviluppa da sempre un percorso importante ai fini della crescita della cultura ambientale e per il nostro ecosistema. - ha ricordato Renato Finco - Il Giardino delle Capinere è uno dei tredici centri di recupero faunistico ai quali la Regione Emilia Romagna ha destinato un contributo complessivo di 300mila euro. Un segnale importante che ne conferma l'attenzione al territorio e all'ambiente".

Immagini scaricabili:

foto conferenza foto Tasso

Allegati scaricabili: