Comune di Ferrara

mercoledì, 21 agosto 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Ferrara per un fine settimana capitale del karate europeo e mondiale

ASSESSORATO ALLO SPORT - Venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 maggio al Pala HiltonPharma (piazzale Atleti azzurri d'Italia)

Ferrara per un fine settimana capitale del karate europeo e mondiale

02-05-2017 / Giorno per giorno

(Resoconto a cura degli organizzatori)

Sono stati oltre 800 gli atleti in gara per il Meeting Europeo Ragazzi, la kermesse del Karate FIKTA dedicato ai giovani che si è tenuto a Ferrara dal 5 al 7 maggio 2017.
Dopo il successo del mondiale per club, che ha visto nel primo weekend del mese  la partecipazione di 119 società provenienti da 15 nazioni e 1.132 atleti, è un karate dal sapore olimpico quello che, domenica 7 maggio al Pala Hilton Pharma, ha salutato felicemente l'edizione numero otto del Meeting Europeo Ragazzi, la manifestazione che la Fikta dedica, ogni due anni, alle giovani leve dai 10 ai 16 anni da cintura verde a cintura nera.
E grande, ancora una volta, il successo di questa manifestazione, voluta dalla Fikta e dagli organizzatori ferraresi, Gabriele e Federica Achilli, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Comune e dall'Associazione stampa di Ferrara.
E i numero non hanno tradito le aspettative: un quadrangolare fra Italia, Germania, Svizzera e Slovenia 824 fra bambini e ragazzi, di entrambi i sessi, schierati sui sei tatami predisposti sul parquet del palasport estense, con 54 squadre e 662 atleti i ritti per le prove di kata individuale.
Importante il supporto dell'amministrazione comunale di Ferrara, in una manifestazione che, insieme al mondiale per clubs ha visto i suoi natali oltre un anno e mezzo fa e che ha incontrato le giuste sinergie con gli importanti partner dell'evento come McDonald's Ferrara, il gruppo Orsatti, con Orsatti Cortevecchia 33' Orsatti Pampapato e Congress, Copma e Zuffellato Computes. "Un successo preannunciato - conclude il presidente della Fikta il ferrarese a Gabriele Achilli - perché siamo andati vantati sul ritmo del mondiale per clubs e abbiamo ottenuto numeri da record anche in questa edizione. Ed è una cosa senza precedenti. Di questo devo ringraziare l'amministrazione comunale e l'assessore allo sport Simone Merli che ha sempre creduto in questo evento, per noi fiore all'occhiello del tradizionale e nello sport giovanile".
Alla premiazione erano presenti il presidente del Coni provinciale Luciana Boschetti Pareschi e il dirigente del servizio sport del comune di Ferrara Fausto Molinari.
E anche gli atleti ferraresi del Furinkazan, fucina di campioni, si sono confermati al vertice della classifica con la giovane Sara Faggioli che, nelle cinture blu Fascia B, ha conquistato la medaglia d'oro nel Meeting Europeo Ragazzi bissando così il titolo della passata edizione. E si laurea campionessa europea anche Lucia Di Foggia nelle cinture nere Fascia B
(Nella foto - scaricabile in fondo alla pagina in formato jpg - le campionesse Lucia Di Foggia e Sara Faggioli del Furinkazan medaglie d'oro al Meeting Europeo Ragazzi della Fikta)

(Da CronacaComune del 2 maggio 2017) Nella mattinata di martedì 2 maggio nella residenza municipale sono stati presentati alla stampa il 13° Campionato del mondo di karate per Club-Memorial Daniele Lazzarini e l'8° Meeting Europeo Ragazzi di karate tradizionale Fikta, iniziative che saranno proposte da Fikta (Federazione italiana karate tradizionale e discipline affini) in collaborazione con la rivista "Samurai" venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 maggio al Pala HiltonPharma di Ferrara (piazzale Atleti Azzurri d'Italia 1)

All'incontro con i giornalisti sono intervenuti l'assessore comunale allo Sport Simone Merli, il presidente nazionale della Fikta Gabriele Achilli, l'editore della rivista "Samurai" Giacomo Spartaco Bertoletti insieme a rappresentanti dei principali sponsor. La manifestazione gode, fra gli altri, del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Comune di Ferrara.

(Comunicato a cura degli organizzatori)

Ferrara, 5-6-7 maggio 2017, Pala Hilton Pharma (iazzale Atleti Azzurri d'Italia 1)

13° CAMPIONATO DEL MONDO DI KARATE PER CLUB-1° Memorial Daniele Lazzarini

e 8° MEETING EUROPEO RAGAZZI FIKTA-7° Campionato Europeo Cadetti

La grande kermesse del karate approda quest'anno nella città degli Estensi, Ferrara, che per tre giorni, diventerà la capitale indiscussa del karate europeo e mondiale. Un weekend all'insegna del karate con tutti e di tutti, a prescindere da ogni sigla federale. Tutti saranno i benvenuti.

La scelta di Ferrara è frutto dell'amicizia e dei rapporti di collaborazione più che trentennali fra l'editore della rivista "Samurai", giornalista, consigliere Glgs/Ussi (Gruppo lombardo giornalisti sportivi/Unione stampa sportiva italiana) Giacomo Spartaco Bertoletti e il presidente nazionale della Fikta Gabriele Achilli, nonché della location, il palasport di Ferrara, che ben si adatta alle esigenze di riunire insieme due manifestazioni di grande livello come il Mondiale per Club e il Meeting Europeo Ragazzi.

Tre giorni di grande karate, tre giorni di gare per piccoli e grandi, bambini e adulti, dai 5 ai 70 anni, dove ognuno può conquistare una medaglia. Ma quella più importante sarà quella dell'amicizia e della fratellanza fra tutte le nazioni presenti, Italia in prima fila, per fare del karate un simbolo di unità. E proprio i bambini, infatti, verranno chiamati a cimentarsi in un concorso di disegno che ha come tema il "Karate alle Olimpiadi", perché anche questa antica arte marziale finalmente è diventata sport a 5 cerchi.

I saluti
Giacomo Spartaco Bertoletti, editore della rivista"Samurai", giornalista e consigliere Glgs/Ussi (Gruppo lombardo giornalisti sportivi/Unione stampa sportiva italiana) commenta: «Non c'è bisogno di decantare una città d'arte come Ferrara, gioiello degli Estensi e con essi la prima "prova" di una Europa unita voluta da Ercole d'Este (1431-1505).
Lo sport è cultura. Promuoviamo al meglio la cultura nello sport e questo 13° Campionato del mondo di karate per club, intitolato a un personaggio come Daniele Lazzarini, che ha fatto storia a sé nelle arti marziali, è la conseguenza di un grande lavoro di promozione che il presidente Fikta (Federazione italiana karate tradizionale) Gabriele Achilli ha fatto in questa città. Ricordare la figura di Daniele Lazzarini potrebbe farci cadere in prolisse considerazioni. Vorrei citare alcuni punti salienti che vanno dalla Pasqua del Budo ai Trofeo Topolino, gli stage con il maestro TaijiKase (1929/2004). Un plauso, di più un elogio, alla città di Ferrara che è sempre attenta ai vari avvenimenti che fanno dello sport, l'incontro per concedere il tempo alla scoperta di questa roccaforte della cultura. A tutti i partecipanti un caloroso benvenuto a Ferrara».

Gabriele Achilli, presidente nazionale Fikta, vice presidente europeo Etkf, consigliere e vice presidente mondiale Uwk (United World Karate) spiega: «Il Meeting europeo ragazzi, nonché campionato Europeo giovanile, è una manifestazione che sa unire elementi ludici e tecnici insieme. Essa rappresenta, infatti, una sorta di passaggio propedeutico per chi aspira a entrare nella nazionale ed è, al tempo stesso, un anello di congiunzione con il 'Trofeo Topolino', la più grande manifestazione ludico-sportiva che la Fikta, dopo i Giochi Primavera e il trofeo nazionale Kenshin Bobo, dedica ai bambini dai 6 ai 14 anni, coinvolgendo ogni volta oltre 3000 piccoli atleti (ricordiamo che Ferrara ha ospitato ben 9 edizioni realizzate in collaborazione con la The Walt Disney Company spa).
Nel ringraziare fin da ora tutti coloro che ci aiuteranno per la felice realizzazione di questo unico, importante e bellissimo appuntamento giovanile targato Fikta e Ferrara, nonché il mondiale per club, desidero ricordare che questo evento, il meeting, continuerà ad avere una cadenza biennale per dare l'opportunità alle nuove leve di prepararsi tecnicamente. Già, perché questa gara è una parata internazionale di giovani talenti che nell'immediato futuro potranno far parte della nazionale della proprio paese.
E un pensiero corre veloce verso il karate alle Olimpiadi. Un sogno diventato realtà a cui anche la Fikta, nel suo piccolo, ha contribuito a realizzare. Ma il Meeting sarà anche una celebrazione della scuola, non solo italiana, ma anche delle diverse nazioni partecipanti, del maestro Hiroshi Shirai che si prodiga da 50 anni nella diffusione del vero Karate tradizionale.
L'impegno organizzativo è molto consistente, sostenuto dal lodevole e disinteressato volontariato di allievi e genitori della società estense Furinkazan karate club, asd affiliata alla Fikta. Non dimentichiamo il notevole impegno lavorativo della Segreteria Generale Fikta di Milano che ha raccolto tutte le iscrizioni e il materiale per il tesseramento degli atleti che con questo nuovo documento, creato apposta per la manifestazione e che racchiude il loro curriculum sportivo, potranno registrare il proprio progresso tecnico attraverso questo importante evento.
Grande è il lavoro che sta dietro a una macchina organizzativa così ampia e questo importante appuntamento vedrà impegnati ragazzi provenienti da tutto il mondo e, pertanto, auguro a tutti gli atleti coinvolti di fare tesoro di questa grande occasione di crescita tecnica e personale. Sono convinto che l'attività sportiva possa rappresentare per i nostri ragazzi sì una occasione di movimento e attività fisica, ma ancor più una fondamentale occasione educativa. Individuare un obiettivo e assumersi l'impegno di raggiungerlo comporta l'affrontare un percorso formativo che i giovani hanno troppo poco la possibilità di sperimentare.
La pratica e lo studio del karate tradizionale favoriscono lo sviluppo di una consapevolezza di sé e di quell'autocontrollo che purtroppo, ci dicono le cronache di ogni giorno, dobbiamo tutti impegnarci ad accrescere nei nostri ragazzi che sono, in parte, gli atleti che rappresentano le nazioni partecipanti a questo Campionato.
Il Karate ITKF, messo a punto dal maestro Hidetaka Nishiyama, trova nel maestro Hiroshi Shirai la sua naturale, chiara ed elevata espressione nei contenuti tecnici e morali.
E sarà una festa internazionale del karate tradizionale, una testimonianza appassionata dell'arte marziale come momento di socializzazione e ricerca di stili di vita più favorevoli, rispettosi, salubri, gioiosi e in armonia con noi stessi: sarà una giornata di intenso lavoro anche per arbitri e presidenti di giuria, nonché per i coach e gli allenatori.
Un doveroso ringraziamento lo dobbiamo alle Autorità, alle Forze dell'Ordine, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri che, insieme all'Amministrazione Comunale di Ferrara e all'Associazione Stampa di Ferrara ci hanno concesso anche quest'anno il patrocinio, insieme all'assessore allo sport del comune di Ferrara Simone Merli.Ringrazio tutti gli sponsor - McDonald's Ferrara, Orsatti Group e Congress, Orsatti Cortevecchia 33, Orsatti Pampapato, Copma, Zuffellato Computers - i media partner - Il Resto del Carlino, la Nuova Ferrara, Estense.com, Telestense, Samurai senza dimenticare Rai3 Regionale - partner indispensabili, che hanno reso possibile la realizzazione di questo grande evento ludico-sportivo, ma soprattutto di una festa dedicata ai giovani e a uno sport ancora 'pulito' come è il karate tradizionale: il karate non è violenza, ma è un'arte marziale fondata sul rispetto reciproco e sul mutuo aiuto, sulla crescita fisica, culturale e interiore dei nostri ragazzi, i giovani che saranno i portabandiera della Fikta nel prossimo futuro.
Sempre i giovani in primo piano, gli agonisti del domani, i futuri portacolori della nostra nazionale azzurra che continua imperterrita a mietere allori e da tutti rispettata e ammirata. Il mio pensiero è sempre quello di un futuro migliore, l'altra faccia della medaglia, fatto di pace, serenità, uguaglianza fra i popoli.
Un ringraziamento anche alla dirigenza Pallacanestro Ferrara, a tutto il personale del Palasport e all'amico Alfredo Soriani. Un sentito e doveroso ringraziamento lo devo all'editore di Samurai nonché all'amico Giacomo Spartaco Bertoletti, vera anima del Mondiale per Clubs, quest'anno "Memorial Daniele Lazzarini", (in 12 anni abbiamo visto partecipare al campionato del mondo per club oltre 12.000 atleti: ma quanto è grande questo karate?) che da tredici lunghi anni dedica questa grande  manifestazione al mondo del karate, ai suoi atleti e soprattutto ai suoi club, vera e propria fucina di talenti, con maestri e istruttori sempre impegnati in prima linea a far sì che il karate, tutto insieme e senza sigle, venga praticato nella sua essenza più intera, ovvero, nel rispetto dell'avversario, delle regole e del prossimo. Oss!».

 

13° Campionato del Mondo per Club - Ferrara, venerdì 5 e sabato 6 maggio 2017

I NUMERI

Sono attesi all'ombra del Castello Estense oltre 1200 atleti, bambini, ragazzi e adulti di entrambi i sessi, che prenderanno parte alle competizioni di kata e di kumite, individuale e a squadre con una speciale classifica riservata ai club.

LE NAZIONI PARTECIPANTI

Insieme all'Italia per il mondiale hanno chiesto di poter partecipare, a tutt'oggi, oltre agli atleti di casa quelli provenienti da: Algeria, India (3 team), Nigeria, Pakistan, Kazakhstan, Nepal (2 team), Bangladesh, Austria, Olanda, Georgia, Russia e Svizzera.

Potranno partecipare tutti i Club/Associazioni sportive con numero illimitato di atleti, iscritti a qualsiasi federazione/ente/associazione nazionale o internazionale di ogni paese, e praticanti qualsiasi stile di karate. Il Mondiale è quindi indistintamente aperto a tutti.

 

LE FEDERAZIONI PARTECIPANTI

- FIKTA (Federazione Italiana Karate Tradizionale e discipline Affini) 

-  FIK (Federazione Italiana Karate)

- FESIK  (Federazione Sportiva Italiana Karate)

-  FIAM  (Federazione Italiana Arti Marziali)

-  UWKF (United World Karate Federation)

I PATROCINI

Presidenza del Consiglio dei Ministri, Comune di Ferrara, Associazione Stampa Ferrara, Samurai, la Nuova Ferrara, estense.com, Telestense

 

SPONSOR E MEDIA PARTNER

McDonald's Ferrara, Orsatti Group e Congress, Orsatti Cortevecchia 33, Orsatti Pampapato, Copma, ZuffellatoComputers, GedisEidcola Milano, Cassano STore (Martial Point, Asso di Coppe, Cassano Premiazioni), Samurai, Sportivo, la Nuova Ferrara, il Resto del Carlino, Estense.com, Telestense

 

PROGRAMMA 13° Campionato del mondo per Clubs - Memorial Daniele Lazzarini

Venerdì 5 maggio

Ore 13.00-16.00 Gara di Kata Individuale Cadetti A-B, Juniores, Seniores, Veterani

Ore 16.00-19.00 A seguire Gara di Kata a Squadre (tutte le categorie previste)

Ore 17.30 -19.30 Gara di Kata Individuale Speranze, Esordienti

Ore 19.30-20.00 Gara di Kumite Individuale "Nihon" (tutte le categorie)

Premiazioni dei Club (classifica kata)

 

Sabato 6 maggio

Ore 08.30-11.00 Gara di Kumite Individuale "Shobu Sanbon" Maschile e "ShobuIppon" Femminile

Ore 11.00-13.00 Gara di Kumite Individuale "Shobu Sanbon" Femminile e "ShobuIppon" Maschile

Ore 13.00-14.30 Gara di Kumite a Squadre (cadetti e assoluti)

Ore 14-20 Gara kata individuale Bambini e ragazzi

Ore 19.30 Premiazioni dei Club (classifica kumite)

Classi di età e gare:

Bambini (fino a 7 anni) Kata

Ragazzi (8-9 anni) Kata

Speranze (10-11 anni) Kata

Esordienti (12-13 anni) Kata-Kumite Nihon

Cadetti A (14-15 anni) Kata-Kumite Sanbon           

Cadetti B (16-17 anni) Kata-Kumite Sanbon

Junior (18-20 anni) Kata-Kumite Sanbon/Ippon

Senior (21-35 anni) Kata-Kumite Sanbon/Ippon

Veterani (+36 anni) Kata-Kumite Sanbon/Ippon

Gli atleti vengono classificati per età in base al giorno/mese e anno di nascita

 

KATA INDIVIDUALE

La gara si svolge con suddivisione dei partecipanti per stile praticato, ossia nei seguenti principali: Shotokan (con annesso Shotokai, Fudokan, etc.); ShitoRyu (con annesso Sankukai, altre scuole di area, etc.); GojuRyu (con annesse scuole derivate o di area); WadoRyu (con annesso ShorinRyu e altre scuole di area).

Tutti i partecipanti oltre che nelle predette classi di età e stili, nonché tra maschi e femmine, gareggeranno nelle seguenti categorie di grado: cinture  Bianche-Gialle; cinture  Arancio-verdi, cinture  Blu-Marron, cinture Nere.

La scelta dei kata è libera, ma in ogni prova si deve eseguire un kata diverso (limitatamente ai partecipanti fino a cintura arancio può essere ripetuto uno stesso kata in più prove). In caso di spareggio si dovrà eseguire un kata diverso dai precedenti.

 

KUMITE INDIVIDUALE

Tutti i partecipanti dovranno essere muniti di proprie protezioni regolamentari (in base al regolamento di gara scelto). La gara si svolgerà con due regolamenti arbitrali distinti: Sportivo (Shobu Sanbon e, per le classi giovanili previste, ShobuNihon) e Tradizionale (ShobuIppon). Lo Shobu Sanbon e lo ShobuIppon rappresentano due gare distinte, per cui gli atleti possono scegliere l'una o l'altra, o entrambe. La scelta del regolamento arbitrale dovrà essere precisata all'atto dell'iscrizione.

La durata degli incontri di ShobuNihon sarà di un minuto e mezzo, mentre quelli di Shobu Sanbon e Ippon sarà di due minuti.

I partecipanti gareggeranno suddivisi per le classi di età previste, senza suddivisione per grado (il grado minimo per partecipare alla gara di ShobuIppon è la cintura marron), con le seguenti categorie di peso.

Shobu Sanbon

Cadetti A Maschile       -52 -57 -63 -70 +70 Kg.

Cadetti A Femminile           -45 -50 -55 +55 Kg.

Cadetti B Maschile       -60 -65 -70 -75 +75 Kg.

Cadetti B Femminile           -50 -55 -60 +60 Kg.

Junior Maschile             -65 -70 -75 -80 +80 Kg.

Junior Femminile                - 55 -60 -65 +65 Kg.

Senior Maschile             -65 -70 -75 -80 +80 Kg.

Senior Femminile                -55 -60 -65 +65 Kg.

Senior Maschile WKF   -65 -70 -75 -80 +80 Kg.

Senior FemminileWKF       -55 -60 -65 +65 Kg.

Veterani Maschile                Open

Veterani Femminile              Open

ShobuIppon (minimo cintura marron)

Solo Junior/Senior/Veterani, senza categorie di peso (Open)

ShobuNihon

ESORDIENTI Maschile     -45 -50 -55 +55 Kg.

ESORDIENTI Femmine    -42 -47 +47 Kg.

 

I partecipanti alla gara di ShobuNihon delle Classi Bambini-Ragazzi e Speranze verranno suddivisi in due gruppi di grado: a) fino a cintura verde; b) cinture blu-marron-nere. Nella Classe Esordienti invece, sempre in due gruppi: a) fino a cintura blu; b) cinture marron-nere.

Tutti i partecipanti alla gara di ShobuNihon dovranno essere muniti di proprie protezioni regolamentari, compresi corpetto protettivo e caschetto.

Controllo atleti di Kumite: tutti i partecipanti alle gare di Kumite Individuale dovranno essere presenti mezzora prima dall'inizio della propria gara per il controllo del peso (è ammessa, sia per i maschi che femmine, una tolleranza di 500 gr. dal limite della propria categoria) che avverrà "a campione".

Coach: in tutte le gare è ammesso un coach per ogni club nell'area di gara, che dovrà indossare obbligatoriamente la tuta sociale completa e scarpe ginniche.

 

KATA A SQUADRE

La gara di Kata a squadre è interstile. Le squadre di Kata (composte di tre atleti) gareggeranno, divise tra maschi e femmine, nelle seguenti categorie:

a)        ASSOLUTI  (formate con atleti dai 18 anni in poi, qualsiasi grado)

b)        CADETTI(formate con atleti dai 14 ai 17 anni, qualsiasi grado)

c)        RAGAZZI  (formate con atleti dai 10 ai 13 anni, qualsiasi grado)

d)        BAMBINI (formate con atleti fino 9 anni, qualsiasi grado, anche miste maschi/femmine)

 

KUMITE A SQUADRE (Sanbon e Ippon)

La squadra (senza categorie di peso) sarà composta da 3 atleti e 1 riserva, che potrà essere utilizzata per sostituire un atleta infortunato o su richiesta del coach. Comunque la eventuale sostituzione potrà avvenire soltanto nel turno successivo.

All'inizio del turno soltanto i tre membri della squadra, senza la riserva, si allineeranno nell'area di gara. Una squadra che non abbia 2 atleti all'inizio del primo turno di gara non sarà ammessa a gareggiare e sarà dichiarata perdente (kiken). Se, durante il turno, uno dei membri della squadra si infortuna e il medico di gara lo/la dichiara inabile a continuare, la squadra potrà proseguire l'incontro con 2 soli atleti.

La gara di Kumite a Squadre, maschile e femminile, è prevista nelle seguenti categorie:

a) ASSOLUTI  (formate con atleti dai 18 anni in poi) - Shobu Sanbon e ShobuIppon

b) CADETTI    (formate con atleti dai 14 ai 17 anni, ) - Solo Shobu Sanbon

 

PREMIAZIONI

Verranno premiati con medaglione e diploma i primi tre classificati di ogni categoria e gara, mentre a tutti i partecipanti indistintamente un gadget di partecipazione. Verranno altresì premiati con prestigiosi trofei i primi quattro Club classificati nel Kata (con classifiche distinte per ogni stile), nonché i primi quattro Club classificati nel Kumite (con classifiche distinte tra ShobuNihon, Shobu Sanbon e ShobuIppon). Inoltre al termine di tutte le gare la premiazione dei primi tre Club in assoluto (che terrà conto dei punteggi sia del kata che del kumite nelle varie specialità).

Ampio reportage della gara sulla rivista Samurai.

 

8° Meeting Europeo Ragazzi e 7° Campionato Europeo Giovanile karate tradizionale

Ferrara, domenica 7 maggio 2017

L'8a edizione del Meeting Europeo ragazzi di karate tradizionale è al traguardo di partenza e farà di Ferrara, per un giorno, la capitale europea del karate dedicata ai giovani, dove i piccoli campioni crescono: appuntamento al Palasport di Ferrara, domenica 7 maggio dalle 10.30

I NUMERI DELL'EDIZIONE 2017

Sarà un "triangolare" fra Italia, la nazione ospitante, Svizzera e Germania,

Sono attesi all'ombra del Castello Estense circa 800 bambini e 60 squadre (composte da 3 atleti ognuna) dai 10 ai 16 anni in totale fra la gara maschile e quella femminile di kata individuale e di kata a squadre con applicazione (da cintura verde a cintura nera), suddivisi in 8 tatami (tappeti di gara) che verranno predisposti al Palasport di piazzale Atleti Azzurri d'Italia domenica 7 maggio 2017 a partire dalle 10.

Con loro, i 65 ufficiali di gara (45 arbitri e 20 presidenti di giuria), 100 persone per il servizio d'ordine appartenenti alla società Fikta di Ferrara (Furinkazan karate club asd) e aspiranti maestri ed istruttori della Fikta. L'Assistenza medica sarà curata dal Presidente nazionale della Commissione Medica della Fikta Maurizio Ronconi e dalla sua equipe, con Fabrizia Turri e Margherita Bezzi e l'Assistenza Pubblica Estense.

 

COME E' NATO IL MEETING?

Da un'idea di Federica Achilli - maestro federale di karate tradizionale e giornalista - prende il via anche quest'anno il Meeting Europeo Ragazzi. L'edizione numero sette del meeting - il numero si ripete per la settima volta in 11 anni sempre a Ferrara - si svolge nella cornice della città estense domenica 7 maggio a partire dalle 10.

Dal 2005, infatti, la Fikta ha deciso di rendere la manifestazione a carattere biennale. Non si è ancora spento l'eco della 16° edizione del Trofeo Topolino Fikta-Walt Disney del 2006 (l'ultimo a parlare ferrarese) che si presenta puntuale, per gli appassionati e gli addetti ai lavori, questo importante appuntamento internazionale targato Fikta (Federazione Italiana Karate Tradizionale e discipline Affini) del M° Hiroshi Shirai che conta nelle sue file 18.000 iscritti, 390 società e 1.000 tecnici.

PERCHE' IL MEETING?

Perché è l'ideale anello di congiunzione con la più grande manifestazione ludico-sportiva che la Fikta dedica ai bambini e ai ragazzi, maschi e femmine, dai 6 ai 14 anni: parliamo del "Trofeo Topolino di Karate Tradizionale Fikta - Walt Disney" Company Italia e il Trofeo nazionale Kenshin Bobo. La Fikta è l'unica federazione al mondo di Karate tradizionale che organizza il Trofeo Topolino. La città di Ferrara ha ospitato ben 9 edizioni del Trofeo Topolino di cui 8 consecutive dal 1994 al 2002, anno in cui si è deciso di renderlo itinerante, oltre a quella del 2006.

IL SIGNIFICATO DEL LOGO

L'illustrazione è stata realizzata dalla grafica ferrarese Elisa Pesci e contiene il messaggio del karate tradizionale Fikta che è unione, pace e amicizia fra i popoli, attraverso la purezza dei tre bambini di diverse etnie, disegnati all'interno di un cerchio blu che si stringono la mano sorridendo e sventolando la bandiera italiana, la nazione ospitante, e quella dell'Unione Europea.

LA VESTE GRAFICA

La parola 'karate' e il nodo della cintura nera hanno fatto da contorno al logo. La posizione della cintura nel logo enfatizza il grande significato che ha la conquista dei gradi più alti nel processo di perfezionamento personale.

La gerarchia dei gradi di cintura nelle arti del budo è detta "kyudan" e si suddivide nel sistema degli allievi (kyu) e in quello delle cinture nere (dan). Nel budo si considera il "kyu" come un grado di scuola o di apprendimento e il "dan" come un grado di autoperfezionamento. Prima dell'arrivo in Giappone del maestro GichinFunakoshi non esistevano gradi nel karate, ma fu lui ad inserirli nel 1926, ispirato dal fondatore del Judo moderno, Jigoro Kano, che a sua volta si richiamò ad un uso proprio degli antichi sistemi marziali giapponesi.

LE CINTURE DEL KARATE - CHE COS' E' QUESTA ARTE MARZIALE

Bianca (9° kyu), gialla (8° e 7° kyu), arancio (6° e 5° kyu), verde (4°-3° kyu), blu (2° kyu), marrone (1°kyu) e nera (da 1° dan a 10° dan).

Tutti questi concetti li ritroviamo nell'espressione tecnica del kata (forma), una serie di movimenti o sequenze di tecniche preordinate che si svolgono secondo un ordine prestabilito: nei movimenti ci deve essere sincronia, ritmo e coordinazione dall'inizio alla fine. Il kata raffigura un combattimento con due o più avversari combinati insieme con una serie di tecniche di difesa e di attacco. In sintesi il kata è una logica successione di parate (uke), di contrattacchi di pugno (tsuki), calci (keri) o percosse (uchi) in una perfetta armonia in cui il tutto è parte dell'uno. Il Kata non è solamente un esercizio fisico, ma un sistema di allenamento particolare del budo Giapponese per la trasmissione di principi. Con il progredire della pratica aumenta anche la difficoltà e la complessità dei kata: da quelli inferiori (chiamati 'heian' e 'tekki') a quelli superiori (detti 'sentei').

FORMULA DI GARA

Formula di gara rinnovata, stessa sede e palasport - il Palasport di Piazzale Atleti Azzurri d'Italia - ma categorie allargate.Non solo bambini e ragazzi di entrambi i sessi appartenenti alle fasce A e B, dai 10 ai 14 anni e dal colore della cintura da verde a nera, ma anche ragazzi dai 15 ai 16 anni della fascia C categoria 'Cadetti': veri e propri agonisti, questi atleti rappresentano i campioni del domani, coloro che faranno parte - o lo sono già - della rosa della nazionale maggiore e con le carte in regola per staccare il futuro passaporto per le Olimpiadi del 2024.

Requisito indispensabile per partecipare al campionato europeo dei ragazzi è di appartenere alla fascia di età che va dal 2001 al 2007. I piccoli karateka gareggeranno solo nella specialità del kata - forma sia individuale che a squadre.

Quest'ultima prevede il relativo 'EngiBunkai', ovvero, l'applicazione di una serie preordinata di quattro tecniche stabilite dalla Commissione Tecnica federale e dal maestro Hiroshi Shirai stesso. I filmati con le tecniche del kata Bassai Dai EngiBunkai Ni e la relativa applicazione sono disponibili sul sito della Fikta all'indirizzo www.fikta.it.

FASCE DI ETÀ E CATEGORIE

Il Grado: essendo una gara dal profilo tecnico molto elevato possono partecipare al 7° Meeting Europeo Ragazzi, bambini e ragazzi di entrambi i sessi tesserati per l'anno in corso come cintura verde (3° kyu), cintura blu (2° kyu), cintura marrone (1° kyu) e cinture nere. Sono escluse le cinture bianche, gialle e arancio.

Della fascia A faranno parte i bambini e le bambine di 10 e 11 anni. Alla fascia B quelli di 12, 13 e 14 anni, mentre alla C ragazzi e ragazze di 15 e 16 anni, il vero Campionato Europeo dei Cadetti. Per quanto riguarda la gara a squadre la suddivisione in fasce è la stessa: ognuna di essa sarà composta da tre atleti, della stessa fascia, indipendentemente dal sesso e dalla cintura. Proprio per l'impegno tecnico le Società potranno iscrivere una sola squadra per ogni fascia. Lo stesso atleta NON può far parte di due o più squadre.

CHE COS'E' IL KATA (INDIVIDUALE)

Come per le altre discipline anche nel karate agonistico c'è una valutazione: forza, potenza, destrezza, padronanza della tecnica, partenza e arrivo sullo stesso punto (detto 'embusen'): mano a mano che il colore della cintura diventa scura (da gialla a nera) aumenta anche la difficoltà nell'eseguire le tecniche del kata. Velocità, esplosività e "Kime" (ovvero la "focalizzazione della massima potenza esplosiva del colpo" in un punto stabilito). Lo studio e la corretta comprensione di ogni singola tecnica, da parte dell'atleta o dell'allievo, dovranno trovare, quindi, il loro naturale coronamento nello sviluppo del Kime, sia nella pratica quotidiana del Kihon (che si traduce in "un insieme di tecniche fondamentali") sia nell'esecuzione dei Kata, conferendo ad ogni attacco e ad ogni parata la massima incisività, potenza e pulizia.

CHE COS'E' IL KATA A SQUADRE

Il kata (forma) si può svolgere sia individualmente che a squadre di tre atleti, maschi e femmine separati: velocità, sincronismo,forza, equilibrio e dinamica sono i principali criteri di valutazione di una corretta esecuzione delle tecniche portate dagli atleti. Il kata è una forma di esercizio fisico ideale, in quanto implica l'uso di spirito e corpo insieme e crea i riflessi immediati pur nella successione di singoli atti ognuno fine a se stesso, ma ciascuno che ne apre degli altri.

CHE COS'E' "L'ENGI BUNKAI" (L'APPLICAZIONE NEL KATA A SQUADRE)

Il fine autentico dell'arte marziale e nella fattispecie del karate è duplice: da un lato la salute e la forma fisica, dall'altro la difesa. Ma il karateka, così come viene dimostrato nel kata dove la prima tecnica è sempre una parata, non deve mai attaccare per primo. Ma come definire nel karate la difesa personale? La difesa personale deve essere vista innanzitutto come una opportunità per un accrescimento personale nell'ambito delle proprie capacità psicofisiche che si concretizzano in ultima analisi nella parola "prevenzione". Come in qualsiasi altra disciplina, anche nel karate, senza una perfetta padronanza degli esercizi di base, non è possibile progredire e raggiungere notevoli livelli di pratica. Le basi del karate, detto "Kihon", i primi esercizi insegnati all'allievo, portano a imparare il corretto uso del proprio corpo, sia esso in movimento o statico. Fra le principali forme di difesa personale che ruotano attorno al karate troviamo l'Enbu (dimostrazione reale di combattimento fra due avversari), il Bunkai (applicazione delle tecniche del kata) e il GoshinDo.

IL REGOLAMENTO DEL MEETING dove i"PICCOLI CAMPIONI CRESCONO"

Si rinnova il regolamento dell'8° Meeting Europeo Ragazzi che diventa, così, più tecnico: possono partecipare a questa edizione i bambini e le bambini, i ragazzi e le ragazze dai 10 ai 16 anni, ovvero, dal 2001 al 2007, dove vale l'annodi compimento dell'età per la designazione della categoria di appartenenza.

I partecipanti verranno suddivisi per GRADO: cintura Verde (4°-3° Kyu), cintura Blu (2° Kyu), cintura Marrone(1° Kyu) e cintura Nera (1° dan). I bambini e i ragazzi verranno suddivisi per fasce di età (sia per la gara individuale che per la gara a squadre):

Gli atleti eseguiranno un kata a eliminatoria a bandierine, con lo stesso regolamento tecnico riadattato che si applica nei medesimi campionati europei riservati agli agonisti dai 15 ai master, mentre la finale sarà a punteggio.

Nelle prove individuali, da cintura verde a cintura marrone, verrà utilizzato il sistema a bandierine fino a classificare 2 atleti con la prima prova di kata. Tutti i perdenti eseguiranno una seconda prova di kata, classificando altri 2 atleti. Finale kata a punteggio per i 4 atleti classificati per 1°-2°-3°-4° posto

KATA INDIVIDUALE: i ragazzi (italiani e stranieri insieme) verranno suddivisi in poules omogenee per sesso, fasce e gradi.

Classifiche: nelle prove individuali, da cintura bianca a cintura marrone, verrà utilizzato il sistema a bandierine fino a classificare 2 atleti con la prima prova di kata. Tutti i perdenti eseguiranno una seconda prova di kata, classificando altri 2 atleti. Finale kata a punteggio per i4 atleti classificati per 1°-2°-3°-4° posto.

Eliminatorie a bandierine Finale a punteggio

Gli atleti eseguiranno 2 prove a punteggio con i kata indicati. La somma dei punti determinerà la classifica finale (1° - 2°- 3° - 4°).La classifica sarà unica comprendendo gli atleti italiani e stranieri maschi e femmine separati

KATA A SQUADRE: le squadre verranno suddivise per fasce (A-B-C) separando le squadre italiane dalle squadre straniere.

ELIMINATORIE a punteggio - Kata da eseguire: Heian 5 Le squadre eseguiranno 2 prove, la somma dei punti classificherà le 4 squadre finaliste.

FINALI (4 squadre) a punteggio con kata Bassai-Dai più l'EngiBunkai Ni. Le classifiche saranno stilate sommando i punteggi dei kata e dell'EngiBunkai Ni.

La tessera del Meeting, con la firma del maestro Hiroshi Shirai, sarà l'unico documento valido per la partecipazione al Meeting; sulla tessera verranno riportati i gradi ed i risultati ottenuti. Verranno premiati i 4 finalisti per ogni categoria e fascia di età, sia per l'individuale che per le squadre.

 

PROGRAMMA

8° Meeting Europeo Ragazzi: domenica 10 maggio 2017

ORE 09.00 - 10.00 controllo documenti

ORE 10.30 saluto, intervento del personaggio di Ronald McDonald, Kenshin Bobo e inizio gare a squadre

ORE 12.30 - 13.00 presentazione e dimostrazioni alla presenza delle autorità civili e militari,giornalisti e fotografi Ronald Mc Donald, Kenshin Bobo

ORE 13.00 Prime premiazioni delle gare a squadre alla presenza delle maggiori autorità cittadine civili e militari con il simpatico intermezzo della mascotte della Fikta,il cane Kenshin Bobo

ORE 13.30 ripresa manifestazione con le gare individuali

 

SPONSOR E MEDIA PARTNER

Amministrazione Comunale di Ferrara, McDonald's Ferrara, Orsatti Group, Orsatti Congress,Pampapato Orsatti, Copma, Zuffellato Computers, Gedis Edicola Milano, Cassano Store (Martial Point, Asso di Coppe, Cassano Premiazioni),i quotidiani 'il Resto del Carlino', 'La Nuova Ferrara', 'Estense.com' e 'Telestense', le riviste sportive mensili 'Samurai' e 'Sportivo'.

Gli sponsor offriranno gadget per tutti i partecipanti e tante altre sorprese ancora.

Catering a cura di McDonald's Ferrara e Orsatti Group.

Il buffet della conferenza stampa nella Sala degli Arazzi in Residenza Municipale è gentilmente offerto da Orsatti Group e Orsatti Cortevecchia.

I PATROCINI

Presidenza del Consiglio dei Ministri, Comune di Ferrara, Associazione Stampa Ferrara, "laNuova Ferrara", "Telestense", "estense.com" con le riviste sportive mensili 'Samurai' e 'Sportivo'

 

Immagini scaricabili:

Karate - tre giorni a Ferrara maggio 2017- mossa del calcio di un bambino in un'immaginne di repertorio Karate - tre giorni a Ferrara maggio 2017- concentrazione al massimo per una cintura verde Karate - tre giorni a Ferrara maggio 2017- immagine di repertorio Karate - tre giorni a Ferrara maggio 2017- locandina mondiale e meeting 2017 foto Meeting europeo ragazzi Karate a Ferrara in maggio 2017 Lucia Di Foggia e Sara Faggioli campionesse al Meeting europeo ragazzi Karate maggio 2017