Comune di Ferrara

venerdì, 21 luglio 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Bilancio Ambientale 2014-16: il Comune raccoglie e analizza tre anni di dati e azioni

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE - Presentato il documento ai giornalisti dall'ass. Caterina Ferri. Ora passaggio in Commissione e Consiglio comunale

Bilancio Ambientale 2014-16: il Comune raccoglie e analizza tre anni di dati e azioni

29-06-2017 / Giorno per giorno

Il Bilancio Ambientale del Comune di Ferrara relativo agli anni 2014, 2015 e 2016 è stato illustrato giovedì 29 giugno 2017 nella sala dell'Arengo dall'assessora all'Ambiente Caterina Ferri e da Valentina Caroli del Centro Idea. Il documento, che è già stato vagliato dalla Giunta, verrà esaminato in Commissione consiliare e concluderà il proprio iter procedurale in una delle prossime sedute del Consiglio comunale.

>> DOCUMENTAZIONE SCARICABILE IN FONDO ALLA PAGINA

LA SCHEDA (a cura dell'Assessorato all'Ambiente del Comune di Ferrara)

BILANCIO AMBIENTALE CONSUNTIVO 2014/2016 DEL COMUNE DI FERRARA

Con il Bilancio Ambientale consuntivo 2014/2016, il Comune di Ferrara conferma l'impegno nel portare avanti la contabilità ambientale adottata per la prima volta nel 2001.

Il Bilancio Ambientale rappresenta per l'Amministrazione comunale uno strumento di monitoraggio e governance utile ad accrescere la consapevolezza dei cittadini sul contesto ambientale in cui vivono e fornisce informazioni e dati chiari per chi, in base ad essi, deve prendere decisioni per l'intera collettività.

Il Bilancio Ambientale è articolato in aree tematiche: verde pubblico e biodiversità, aria e mobilità, suolo, acqua, rifiuti, energia e clima, campi elettromagnetici e rumore. Dall'analisi e la rendicontazione degli indicatori svolta per ogni area, emerge che il verde pubblico è in costante aumento con un dato complessivo di oltre 800 ettari nel 2016 e rappresenta sempre più un'occasione di dialogo con cittadini per promuovere pratiche locali di cittadinanza attiva. Inoltre, esistono e vengono valorizzate porzioni di territorio ad alto valore naturalistico ed educativo, come il Bosco di Porporana, che rappresentano veri e propri serbatoi di biodiversità. Per quanto riguarda la qualità dell'aria, per la prima volta si riscontra una tendenza alla diminuzione nel lungo periodo delle polveri sottili (concentrazione media pari a 28 µg/m³ nel 2016 con un limite fissato a 40 µg/m³) e, questione rilevante, questa diminuzione è indipendente dalle condizioni meteorologiche. Permane tuttavia la criticità relativa agli sforamenti del limite giornaliero del PM10 (nel 2016, 29 sforamenti nella stazione di Villa Fulvia e 36 nella stazione di Corso Isonzo a fronte di un limite pari 35), sforamenti concentrati nel periodo invernale, a causa prevalentemente del contributo degli impianti di riscaldamento domestico che si aggiunge alle altre fonti di inquinamento, tra cui il traffico. Proprio il sistema della mobilità è oggetto di particolare attenzione da parte dell'Amministrazione comunale che, tra le altre misure, incentiva gli spostamenti ciclopedonali incrementando la rete ciclabile (169 km totali nel 2016) e favorisce lo sviluppo di progetti di pedibus per la scuola. Nell'ultimo triennio, si è ridotto il consumo di suolo con un espansione urbana inferiore ad 1 ettaro nel 2016, a favore di interventi di riqualificazione in alcune aree della città, in parte già avviati (12 ettari dal 2014 al 2016) e in parte previsti dagli strumenti urbanistici. A questo si affianca un inteso lavoro di bonifica che ha riportato alle proprie funzionalità una porzione considerevole di suolo (quasi 300 ettari nell'ultimo triennio), sebbene i siti contaminati rappresentino purtroppo ancora uno dei principali problemi affrontati dall'Amministrazione. In tema di acqua e rifiuti, la città conferma un consumo domestico di acqua potabile sotto la media nazionale (147 l/abitante giorno contro i 172 a livello italiano), mentre le perdite della rete idrica siano al centro dell'attenzione pubblica poiché, a seguito del sisma, hanno raggiunto una consistenza (38,9% nel 2016) tale da richiedere un intervento infrastrutturale deciso. La raccolta differenziata è aumentata costantemente negli anni passando dal 37% del 2006 al 55,9% del 2016. La produzione di rifiuti invece rimane alta (707 kg/abitante anno nel 2016), ma l'obiettivo della riduzione così come l'aumento della raccolta differenziata riceverà un notevole impulso già nel 2017, grazie all'introduzione della tariffazione puntuale dei rifiuti in tutto il territorio comunale e alla promozione dell'economia circolare come base per lo sviluppo. Il Piano di Azione per l'Energia Sostenibile PAES Terre Estensi è il principale strumento di policy per la mitigazione dei cambiamenti climatici che impegna il territorio ad obiettivi ambiziosi di riduzione delle emissioni di CO2 (-25,5% al 2020 rispetto al 2007, di cui il 14% già raggiunto nel 2014), in particolare la produzione di energia da fotovoltaico è particolarmente rilevante (80.000 MWh nel 2015) e insieme alle altre fonti rinnovabili elettriche copre l'intero fabbisogno domestico ferrarese, nonostante i consumi si mantengano piuttosto elevati (1.248 kWh/ab nel 2015). Per quanto riguarda gli agenti fisici elettromagnetismo e rumore, l'Amministrazione comunale negli ultimi anni ne ha definito gli aspetti pianificatori, approvando la Classificazione acustica e la Mappatura acustica strategica del territorio, ed ha intensificato l'opera di controllo e monitoraggio delle fonti (21 controlli su campi elettromagnetici nell'ultimo triennio rispetto a 6 controlli nel triennio precedente).

Il Bilancio Ambientale affronta anche la questione dell'impatto ambientale delle attività dell'Amministrazione intesa come qualsiasi altra organizzazione attiva sul territorio. A questo scopo, il Comune si è dotato di un sistema di gestione ambientale che ha portato negli anni a ridurre i consumi di acqua (-60% dal 2009 al 2016), carta (-57% dal 2006 al 2016), combustibili (-200 TEP nel triennio 2014/2016) ed energia elettrica (-1,1 MWh nel triennio 2013/2015), oltre ad una drastica diminuzione del parco auto (-36% dal 2005 al 2016), a fronte dell'introduzione di mezzi di spostamento a basso impatto ambientale (biciclette e veicoli elettrici).

L'auspicio e l'intenzione è che questo documento sia alla una base di un dialogo costruttivo tra l'Amministrazione e i cittadini sui temi ambientali per una gestione condivisa del nostro territorio.

A cura del Centro IDEA

Bilancio Ambientale http://servizi.comune.fe.it/4160/bilancio-ambientale

Dati ambientali http://servizi.comune.fe.it/7219/dati-ambientali

 

[Premessa tratta dal Bilancio Ambientale 2014-16]

Il Comune di Ferrara considera da sempre il tema della responsabilità in campo ambientale, la trasparenza e la valutazione dell'efficacia dell'azione amministrativa, valori fondamentali nella definizione delle politiche e nella comunicazione con i cittadini. Grazie al lavoro del nostro Centro di Educazione alla Sostenibilità, il Centro IDEA, sosteniamo iniziative rivolte ad accrescere la consapevolezza dei cittadini sul contesto ambientale in cui vivono. Promuoviamo la partecipazione dei singoli e della comunità nella costruzione della strategia di tutela dell'ambiente e nelle azioni per migliorarlo, tenendo conto delle loro esigenze e del contributo che possono offrire. Il Bilancio Ambientale è uno strumento utile e adatto a questo scopo e contemporaneamente rende le informazioni e i dati chiari e disponibili per chi, in base ad essi, deve prendere decisioni per l'intera collettività. Con il Bilancio Ambientale si costruisce una "storia" a partire dai dati e dalle evidenze scientifiche, si comunicano le linee di tendenza dei principali indicatori e si aumenta la consapevolezza e conoscenza del territorio nel lettore. Questo documento rappresenta un'ottima base per instaurare un dialogo costruttivo tra l'Amministrazione e i cittadini per una governance e una gestione condivisa del nostro territorio. Il Bilancio Ambientale consuntivo 2014/2016 conferma l'impegno del Comune nel portare avanti la contabilità ambientale adottata per la prima volta nel 2001 e dimostra la volontà di integrare questo documento nei sistemi di gestione adottati dall'Ente.

(Il Sindaco Tiziano Tagliani e l'Assessora all'Ambiente Caterina Ferri)

 

>> Guida alla lettura (documento completo scaricabile in fondo alla pagina)

Il documento si compone delle seguenti sezioni:

1. Politiche correnti [Politica integrata Qualità Ambiente e Eventi Sostenibili e obiettivi della pianificazionestrategica del Comune]

2. Rendiconto ambientale degli esercizi 2014/2015/2016 [suddiviso in aree tematiche]

3. Gestione ambientale interna [dati relativi ai consumi diretti dell'Ente desunti dal sistema di gestione ambientaleinterno]

4. Focus [approfondimento annuale su un argomento specifico]

5. Sintesi [Andamento degli indicatori]

6. Allegato [Schede Indicatore] In ogni sezione, sono presenti una o più voci "Per chi vuole approfondire" che riportano eventuali riferimenti adocumenti, pagine web, contatti utili, ecc.

Per agevolare la lettura, la sezione 2. Rendiconto ambientale degli esercizi 2014/2015/2016 è suddivisa in aree tematiche:1. VERDE PUBBLICO E BIODIVERSITÀ 2. ARIA E MOBILITÀ 3. SUOLO 4. ACQUA 5. RIFIUTI 6. ENERGIA E CLIMA 7. CAMPI ELETTROMAGNETICI 8. RUMORE.

Ogni area è a sua volta articolata nelle seguenti voci:

- Obiettivi operativi
- Descrizione [descrizione della matrice ambientale interessata dall'area, competenze e attività dell'Ente]
- Azioni intraprese nell'esercizio [elenco delle azioni ambientalmente rilevanti realizzate dall'Amministrazione e dalle partecipate nel periodo oggetto della rendicontazione]
- Indicatori [elenco degli indicatori afferenti all'area e rappresentazione grafica della serie storica]
- Commento [eventuale e che può comprendere, a titolo esemplificativo, definizioni, target di legge, valori medi delle città italiane, valori obiettivo dell'Unione Europea, note ed avvertenze rilevanti per comprendere il trend osservato]

Infine, in allegato al documento, sono disponibili le "Schede Indicatore", corredate di definizioni e serie storiche.

 

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: