Comune di Ferrara

sabato, 20 ottobre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Il riconoscimento FIAB “ComuniCiclabili” a Ferrara, prima città a misura di bicicletta

ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI/MOBILITA' - Premiato l'impegno delle politiche a favore della mobilità ciclistica e delle iniziative bike-friendly

Il riconoscimento FIAB “ComuniCiclabili” a Ferrara, prima città a misura di bicicletta

20-09-2017 / Giorno per giorno

Ferrara 'Città delle biciclette' incassa il riconoscimento “ComuniCiclabili” piazzandosi prima nella classifica promossa da FIAB/Federazione Italiana Amici della Bicicletta che attesta il grado di ciclabilità di una località e del suo territorio. Avviata da quest'anno per incentivare i Comuni italiani ad adottare politiche a favore della mobilità ciclistica, premiare l’impegno di chi ha già messo in campo iniziative bike-friendly o valorizzare le località più accoglienti per chi si muove in bicicletta, l'iniziativa ha visto l'adesione di sessanta Comuni italiani, di cui quindici premiati. Fra questi appunto Ferrara, che unica ha ottenuto il massimo (5 punti) assegnato sulla base di diversi parametri, rappresentati da altrettanti “bike-smile” apposti sulla bandiera gialla consegnata alla città. 

Dopo la premiazione ufficiale nei giorni scorsi al CosmoBike Show di Verona, il riconoscimento è stato illustrato in mattinata (mercoledì 20 settembre ) nella residenza municipale nel corso di una conferenza stampa. All'incontro con i giornalisti erano presenti l'assessore ai Lavori Pubblici/Mobilità Aldo Modonesi, l'amministratore Unico di AMI srl Giuseppe Ruzziconi, il presidente "Amici della Bicicletta FIAB Ferrara" Stefano Diegoli, il dirigente comunale Servizio Infrastrutture-Mobilità Enrico Pocaterra e la U.O. comunale Mobilità Monica Zanarini.

"Un risultato che come Amministrazione comunale davvero ci onora  - ha affermato l'assessore ai Lavori Pubblici/Mobilità Aldo Modonesi - e che è la conferma di un percorso messo in campo negli ultimi dieci anni, teso all'ampliamento della mobilità ciclabile, settore nel quale abbiamo voluto investire sia da punto di vista delle infrastrutture sia dei servizi, portando da 87 a 180 km la rete ciclabile della città. Un premio  che è poi stimolo a proseguire continuando a mettere in campo la stessa capacità progettuale che ci ha consentito finora di intercettare finanziamenti e opportunità.

Ringrazio nell'occasione - ha poi aggiunto - tutti coloro che si occupano di mobilità ciclabile e sostenibile in città, con i quali questi anni è nato un confronto e un dialogo continuo, fra cui Ami e Fiab di Ferrara. Anche insieme a loro nei prossimi giorni saremo attivi nella fase conclusiva della redazione del Pums, il nuovo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile che sarà centrale a Ferrara nei prossimi dieci anni. Al proposito la città - ha ricordato l'assessore - si sta intanto dotando di nuovi tratti ciclabili, molti dei quali grazie anche a finanziamenti regionali o statali. Fra questi ricordiamo la nuova ciclabile che collegherà il vecchio al nuovo paese di Malborghetto (costo di 500mila euro dei quali 250mila del PNSS), la ciclabile di via Bologna che collegherà la città con via Sammartina e la ciclabile fra S. Martino e l'incrocio di via Frascona (un finanziamento regionale di 500mila euro). Inoltre - ha ricordato - siamo risultati tredicesimi su 110 Comuni nel bando del Ministero dell'Ambiente che finanzierà con un milione di euro il collegamento Ferrara - ospedale di Cona e altri interventi di mobilità sostenibile. Prosegue poi attivamente l'impegno dell'Amministrazione per dotare anche la zona centrale e la città di nuovi percorsi sostenibili: in via Bologna, via Pomposa, via Caldirolo e via Copparo, dove in particolare nei prossimi anni è previsto un percorso ciclabile, da realizzare in diversi lotti, per collegare la città a Boara."

"Siamo stati gli unici a rientrare nei molti parametri richiesti da “ComuniCiclabili”. - ha ribadito il presidente di Fiab Ferrara Stefano Diegoli, ricordando anche che Ferrara ha ricevuto i complimenti della presidente del Fiab Nazionale. - Da questo traguardo parte anche per noi un nuovo impegno sia a proseguire la collaborazione con il Comune di Ferrara, sia a continuare a segnalare criticità e necessità di intervento con lo scopo principale di puntare alla massima riduzione delle auto in centro storico".

"L'uso della bicicletta è una caratteristica fondamentale di Ferrara - ha ricordato Giuseppe Ruzziconi di AMI - e coinvolge il 28% della popolazione. La percentuale, importante, emerge da una ricerca di Ami del 2013 su 900 persone intervistate e conferma due dati: il primo che la diffusione dell'uso della bicicletta a Ferrara è migliorata rispetto al 2005 di due punti percentuali, il secondo che non siamo tanto lontani da Bolzano, che vanta un primato del 29%".

 

Info dal sito comuniciclabili.it

 

FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta, è la più grande associazione ciclo-ambientalista italiana, conta oltre 160 associazioni aderenti su tutto il territorio nazionale grazie all'impegno dei quasi 20.000 soci attivisti. Nella sua storia trentennale FIAB ha saputo elevare il tema della mobilità in bicicletta, per turismo e per la mobilità quotidiana, da argomento di nicchia a tema oggi centrale nel dibattito nazionale, ottenendo nel tempo anche successi concreti grazie alla propria azione presso le istituzioni nazionali e locali (leggi, trasporto bici sui treni, riconoscimento INAIL dell'infortunio in itinere anche per chi va al lavoro in bicicletta ecc.). Per saperne di più visita il sito FIAB.

Immagini scaricabili:

comuni ciclabili fiab