Comune di Ferrara

martedì, 21 novembre 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Dal Comune nuovi supporti alle imprese del territorio che investono in sicurezza, innovazione e personale

SOSTEGNO ALL'IMPRENDITORIA - Elaborati tre bandi per contributi e defiscalizzazioni

Dal Comune nuovi supporti alle imprese del territorio che investono in sicurezza, innovazione e personale

20-10-2017 / Giorno per giorno

Duecentocinquantamila euro per il 2017 e altri duecentomila per i prossimi due anni. Sono i fondi messi a disposizione dal Comune di Ferrara per l'erogazione, con tre diversi bandi, di contributi a fondo perduto e defiscalizzazioni per le imprese del territorio che investono in sicurezza, innovazione e personale.
I dettagli e gli obiettivi dei bandi, che saranno formalmente approvati dalla Giunta comunale il prossimo martedì 24 ottobre, sono stati illustrati stamani in conferenza stampa dal sindaco Tiziano Tagliani e dagli assessori comunali Roberto Serra (Commercio), Caterina Ferri (Lavoro e Attività produttive) e Luca Vaccari (Contabilità e Bilancio), alla presenza dei rappresentanti delle associazioni di categoria coinvolte.
Il primo dei tre bandi, come spiegato dall'assessore Serra, prevede in particolare l'erogazione di un totale di 50mila euro di contributi alle imprese del settore commercio, somministrazione e artigianato per l'acquisto e l'installazione di impianti di sicurezza. Il secondo prevede, invece, lo stanziamento di 100mila euro per il 2017 e di altrettanti per il 2018 e per il 2019, per le imprese che investano in processi di digitalizzazione. Mentre il terzo, come spiegato dall'assessore Vaccari, prevede lo stanziamento di 100mila euro da erogare a rimborso del 50% della Tari pagata negli anni 2016 e '17 (per un massimo di 1.500 euro per anno) con priorità alle imprese che nel periodo 1/1/2016 - 30/9/2017 abbiano assunto, a tempo indeterminato o determinato di durata continuativa di almeno 6 mesi o con contratti di apprendistato, persone iscritte al collocamento obbligatorio in misura superiore agli obblighi di legge, o appartenenti alla fascia di età che non beneficia di altri aiuti pubblici (tra i 31 e i 49 anni).
"Con queste nuove risorse a fondo perduto - ha sottolineato l'assessora Ferri - intendiamo supportare l'imprenditoria locale, in un momento in cui qualche segnale di ripresa si vede, come emerso dall'ultimo Annuario statistico che evidenzia un calo, dal 2014 ad oggi, della disoccupazione all'interno del territorio del Comune di Ferrara".
"Con questi ultimi bandi - ha ricordato in conclusione il sindaco Tagliani - sale a 500mila euro il totale dei contributi che dal 2014 ad oggi il Comune ha destinato alle aziende del territorio a sostegno del rilancio dell'imprenditoria locale. In particolare, con l'approvazione dei tre bandi da parte della Giunta, prevista per martedì prossimo, si concluderà un percorso partito su sollecitazione del Consiglio comunale e sviluppato in accordo con le associazioni di categoria del territorio".

LE SCHEDE di sintesi dei tre bandi

Bando pubblico per l'assegnazione di contributi alle imprese del settore commercio, somministrazione e artigianato site nel territorio del Comune di Ferrara per l'acquisto e l'installazione di impianti di sicurezza
Il bando, che verrà sottoposto alla Giunta la prossima settimana, è rivolto alle piccole e micro imprese con sede legale e unità operativa nel territorio comunale di Ferrara il bando pubblico per l'assegnazione di contributi per l'acquisto e l'installazione di impianti di sicurezza.
Le risorse messe a disposizione dal Comune ammontano a 50mila euro.
L'avviso è mirato in particolare alle aziende dei settori commercio, somministrazione di alimenti e bevande e artigianato, con locali situati al piano terra che si affaccino con vetrine su area pubblica o gravata da pubblico passaggio.
I contributi saranno concessi a fondo perduto nella misura massima dell'80% delle spese ritenute ammissibili, fino ad un importo massimo di 2.500 euro e saranno ammesse a contributo le spese per l'acquisto e l'installazione di sistemi di video-allarme antirapina, sistemi di video-sorveglianza a circuito chiuso e sistemi antintrusione con allarme acustico; oltre che di altri strumenti e dispostivi come casseforti, sistemi antitaccheggio, serrande e saracinesche, vetrine antisfondamento, sistemi di pagamento elettronici e di rilevazione delle banconote false; dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna esterna.
L'ammissione al contributo avverrà sulla base dell'ordine cronologico di presentazione delle domande sino a esaurimento dei fondi disponibili, previa verifica della sussistenza di tutti gli elementi richiesti dal bando,con priorità per le imprese che abbiano subito furti o danni all'attività negli ultimi tre anni.

Bando pubblico per la concessione di contributi alle imprese  per la realizzazione di progetti imprenditoriali rientranti nel settore "impresa 4.0" site nel territorio comunale
Il bando, che verrà portato all'esame della Giunta comunale la prossima settimana, vuole  promuovere l''Impresa 4.0' ossia lo sviluppo di processi di digitalizzazione delle imprese, attraverso l'erogazione di incentivi a fondo perduto. Le risorse messe a disposizione dal Comune ammontano a 100mila euro.
Potranno beneficiare dei contributi le imprese, le reti di imprese e i consorzi, che siano costituite da  almeno 12 mesi dalla presentazione domanda, rientrino nella categoria di piccola e micro impresa e abbiano sede operativa ubicata nel Comune di Ferrara.
Sono ammissibili alle agevolazioni i progetti d'impresa:
- caratterizzati da un significativo contenuto tecnologico e innovativo mirati allo sviluppo di prodotti o servizi nel campo dell'economia digitale;
- relativi all'innovazione di processi e/o prodotti grazie all'introduzione della digitalizzazione;
- rivolti ad  automatizzare e informatizzare l'attività anche con acquisto di strumenti e attrezzature professionali tecnico-strumentali e tecnologiche.
Tra le spese ammissibili rientrano:- studi di fattibilità tecnici, economici, finanziari e di processo strettamente connessi all'introduzione di innovazione di prodotto / servizio / processo produttivo / organizzazione/ commercializzazione;
- servizi di consulenza e assistenza alla  realizzazione del progetto
- attrezzature,  impianti, macchinari  tecnologici,  funzionali alla realizzazione del progetto;
- componenti hardware e software funzionali al progetto;
- spese canone annuale di connettività
- brevetti ,marchi e licenze
- certificazioni di sistemi di gestione della qualità di prodotto e di processo mediante l'intervento di un Organismo Notificato, abilitato per Decreto dai Ministeri di competenza;
- progettazione, sviluppo, personalizzazione, collaudo di soluzioni architetturali informatiche e di impianti tecnologici produttivi, consulenze specialistiche tecnologiche funzionali al progetto di investimento, nonché relativi interventi correttivi e adeguativi.
Le agevolazioni sono concesse sulla base di procedura valutativa a graduatoria
Saranno concessi contributi a fondo perduto pari:
- al 50% (cinquanta percento) delle spese ammesse fino ad un massimo di 10.000 euro 
- al 85%, fino ad un massimo di 20.000 euro se la richiesta è presentata da imprese che hanno adottato modalità di aggregazione stabile (reti d'impresa con personalità giuridica)

Bando per la concessione di contributi alle imprese correlati alla TARI
Il prossimo martedì 24 ottobre verrà portata all'esame della Giunta una delibera riguardante la pubblicazione di un bando per l'assegnazione di contributi alle imprese correlati alla TARI. La delibera muove da una risoluzione al Bilancio consuntivo 2016, presentata dai Consiglieri PD relativa a lavoro e sviluppo.
Con questo bando vengono messi a disposizione delle imprese 100mila euro, che verranno erogati fino a esaurimento per un importo pari al 50% della TARI pagata negli anni 2016 e '17, con un massimo di € 1.500 per anno. Verranno premiate le imprese che nel periodo 1/1/2016 - 30/9/2017 abbiano attivato contratti di lavoro dipendente a tempo indeterminato, comprese le trasformazioni a tempo indeterminato di contratti atipici, o determinato di durata continuativa di almeno 6 mesi o contratti di apprendistato. In particolare sarà data priorità a chi ha assunto o stabilizzato persone iscritte al collocamento obbligatorio in misura superiore agli obblighi di legge, o appartenenti alla fascia di età che non beneficia di altri aiuti pubblici (tra i 31 e i 49 anni).

Immagini scaricabili:

bandi imprese_20ott2017.jpg