Comune di Ferrara

mercoledì, 22 novembre 2017

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nascono con il Progetto 'Giardino creativo' percorsi di riqualificazione del territorio e nuove opportunità di lavoro per i giovani

ASSESSORATO CULTURA TURISMO E GIOVANI - Iniziativa co-finanziata da ANCI e Comune di Ferrara. Interesserà il Quartiere Giardino

Nascono con il Progetto 'Giardino creativo' percorsi di riqualificazione del territorio e nuove opportunità di lavoro per i giovani

07-11-2017 / Giorno per giorno

Si è svolta in mattinata, martedì 7 novembre nella sede del Consorzio Factory Grisù (via Mario Poledrelli 21- Ferrara), la conferenza stampa di presentazione del progetto "Giardino Creativo" del Comune di Ferrara, co-finanziato da Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e Comune di Ferrara. L'iniziativa è organizzata da assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara con partner Consorzio Factory Grisù, Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Consorzio Wunderkammer, Associazione Musicisti di Ferrara, Associazione ARCI di Ferrara, Associazione Ferrara Off.

Per illustrare l'iniziativa erano presenti il vicesindaco e assessore alla Cultura/Turismo/Giovani Massimo Maisto e i rappresentanti di enti e associazioni partner del progetto: Massimo Marchetto (Consorzio Factory Grisù), Roberto Formignani (AMF - Scuola di Musica Moderna), Roberta Ziosi (Teatro Comunale), Giulio Costa (Teatro FerraraOFF), Hamdi Gaaloul (Web Radio Giardino), Manfredi Patitucci (Basso Profilo).

LE SCHEDE (a cura degli organizzatori) - >> DOCUMENTAZIONE SCARICABILE IN FONDO ALLA PAGINA (schede dettagliate progetti)

Il progetto "Giardino Creativo", finanziato da ANCI e Comune di Ferrara, interviene in un contesto territoriale, il Quartiere Giardino, della città di Ferrara: un ampio brano urbano all'interno della cinta muraria, un quartiere residenziale progettato nei primi decenni del ‘900 secondo i canoni della città-giardino ma divenuto, per una serie di vicende storiche e mutamenti sociali, sempre più periferico. Il Quartiere Giardino è inoltre caratterizzato dalla presenza di molti edifici pubblici che hanno perso la loro originaria destinazione d'uso e che si trovano a diversi stadi di degrado: una ex caserma dei vigili del fuoco, gli ex magazzini fluviali situati nella Darsena del fiume Po, l'ex Mercato Ortofrutticolo, con la Palazzina degli uffici dei primi anni del ‘900. Tutti questi contenitori sono di proprietà o in gestione da parte del Comune di Ferrara; per alcuni di loro è necessario un intervento di messa a norma e restauro, per altri è previsto un percorso di riqualificazione e di nuova destinazione d'uso.

Le opportunità offerte dall'area prescelta consistono nella possibilità di disegnare una nuova vocazione del quartiere, superando sia la destinazione residenziale di pregio del passato sia l'assenza di trama urbana, sociale ed identitaria del presente: vocazione incentrata su una configurazione dell'area come hub della giovane creatività della città di Ferrara, luogo di avviamento, incubazione ed insediamento di giovani imprese e professioni creative. In tale contesto, l'ex caserma dei vigili del fuoco rappresenta il luogo fisico prioritario individuato per il progetto di rigenerazione urbana. Il progetto si propone di superare le criticità e le problematiche di tale spazio fisico - necessità di messa a norma, recupero e restauro, dimensioni e individuazione di una vocazione e ruolo specifici - connotandolo come "presidio" di quartiere, luogo dal quale irradiare percorsi di riqualificazione economica, sociale, culturale. Per questi percorsi, lo spazio individuato risulta essere in stretta correlazione con gli altri edifici e luoghi del territorio sopra richiamati: ex magazzini fluviali con area della Darsena del fiume Po, ex Mercato Ortofrutticolo.
"Giardino Creativo" intende lavorare sulla scala del quartiere a partire dallo spazio dell'ex caserma dei vigili del fuoco, individuata come spazio fisico specifico per il progetto di rigenerazione urbana.
Le finalità generali del progetto sono di ordine economico, sociale e culturale.
Finalità economiche: creazione di un hub della giovane creatività a Ferrara, offrire concrete opportunità lavorative a giovani e adolescenti, investendo nel settore delle industrie e professioni creative, sviluppando l'attitudine alla condivisione - in un'ottica e processualità di sharing economy - attraverso la creazione di gruppi di progetto eterogenei per competenze e fascia d'età, attivando esperienze di lavoro condiviso (co-working), la realizzazione di incubatori ed acceleratori, la creazione di start-up imprenditoriali con impatto sul tessuto economico della città - a forte vocazione culturale e turistica.
Finalità sociali: riqualificazione e ridefinizione dell'identità del Quartiere Giardino, tramite un processo partecipativo e condiviso di rigenerazione del luogo fisico individuato e del contesto urbano nel quale è inserito, che veda gli adolescenti, i giovani, le famiglie, la comunità educante, i vari attori culturali, le categorie produttive ed economiche protagonisti attivi nella riappropriazione fisica e simbolica degli spazi.
Finalità culturali: realizzazione di iniziative ed eventi culturali nel luogo fisico individuato (in particolare nella corte interna) e nel relativo contesto urbano (in particolare nell'area della Darsena del fiume Po) con giovani creativi, per fare conoscere ed interagire gli abitanti con lo spazio oggetto del percorso di rigenerazione e le pertinenze territoriali, in modo da consentire un processo di recupero e fruizione del quartiere, rafforzandone l'identità e la vocazione di hub della creatività giovanile.
Gli obiettivi specifici che si vogliono raggiungere sono: creazione di nuove opportunità di lavoro per i giovani del territorio nell'ambito delle imprese e professioni creative; stimolare la nascita ed il consolidamento di start-up ed esperienze di co-working in ambito creativo; costruire metodologie di progettualità condivisa e partecipata nel campo della rigenerazione urbana; riqualificare, attraverso il riuso di uno spazio fisico dismesso, il Quartiere Giardino, ridefinendone la sua identità urbana, economica, sociale e culturale.

>> DOCUMENTAZIONE SCARICABILE IN FONDO ALLA PAGINA (schede dettagliate progetti)

Immagini scaricabili:

factory grisou

Allegati scaricabili: