Comune di Ferrara

domenica, 21 aprile 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Sull'assegnazione di risorse statali per la riqualificazione urbana e la sicurezza

Sull'assegnazione di risorse statali per la riqualificazione urbana e la sicurezza

19-12-2017 / Punti di vista

di Tiziano Tagliani

" In questi giorni abbiamo firmato la convenzione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri che ha visto il nostro Comune assegnatario di 18 milioni di euro per la realizzazione del Nuovo quartiere nell'area della Darsena di S.Paolo, ex Mof e MEIS.
Con il Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie del 2016 il Governo ha voluto sollecitare le città capoluogo di provincia e le città metropolitane alla presentazione di progetti di riqualificazione e rigenerazione urbana, pronti per essere attuati, ai fini di una completa finanziabilità, messa prontamente in campo negli anni 2016 e 2017.
Con questo strumento, straordinario, che si auspica possa diventare ordinario, è stato possibile affrontare il tema di fornire nuovi servizi a parti di città, anche centrali, che necessitano di interventi pubblici come chiave per la loro riqualificazione. In questi ultimi anni la realizzazione della città pubblica (gli spazi e i luoghi disponibili per tutti i cittadini) ha vissuto una forte contrazione, dovuta alla scarsità di risorse pubbliche in campo (necessarie alla cura e al mantenimento dell'esistente), e alla contemporanea contrazione della partecipazione dei capitali privati, ampiamente programmata negli anni in cui la crisi del mercato edilizio era solo un lontano miraggio. Oggi le città necessitano di risorse pubbliche dedicate alla rigenerazione urbana, e il Governo ha dato risposte precise con bandi specifici, capaci di colmare l'assenza da troppi anni di politiche di questo tipo.
La nostra città ha colto la possibilità di riqualificare un'area centrale, che lega il centro storico al fiume, attraversando spazi urbani in disuso, dal Meis alla darsena di S.Paolo. Il progetto del nuovo quartiere è stato approvato in Consiglio Comunale nel 2011, ed è quindi pronto per essere attuato. I 18 milioni saranno investiti per realizzare spazi pubblici di qualità, dall'area della darsena, ai cunei verdi di collegamento col Sottomura, fino alla continuazione del parco delle Mura sull'area dell'ex Mof. Spazi pubblici (aree verdi, piazze, collegamenti ciclo-pedonali), il rifacimento di via Darsena, parcheggi, reti infrastrutturali di sottoservizi (acqua, luce, fognature), che possano rendere l'area attrattiva anche per l'investimento di privati per realizzare edifici compatibili col progetto del piano.
In questi ultimi anni sull'area si sono realizzati importanti interventi pubblici: l'apertura del Meis con il futuro completamento che vedrà l'ingresso principale del museo nazionale aprirsi proprio verso le Mura; il restauro della palazzina anni '30 dell'ex Mercato Ortofrutticolo, che da gennaio sarà sede dell'Urban Center del Comune di Ferrara e dell'Ordine degli Architetti; le importanti attività del Consorzio Wunderkammer e delle associazioni insediate in Darsena, che portano alla frequentazione dell'area da parte di numerosissimi cittadini. L'area era pronta per la sua trasformazione non solo dal punto di vista tecnico, ma anche nel desiderio delle persone che vivono la nostra città. E' il momento di riavvicinarsi al fiume, di ampliare la possibilità di vivere il centro storico oltre le piazze centrali, in un contesto più libero e aperto. La convenzione sottoscritta prevede un cronoprogramma per la realizzazione degli interventi che termina entro il 2020. Non manca molto.

Tiziano Tagliani, sindaco di Ferrara 

 

(Testo diffuso dalla Portavoce del Sindaco)