Comune di Ferrara

lunedì, 25 giugno 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > La mostra su Bononi: un'occasione per riscoprire la Ferrara del Seicento e alcuni dei suoi capolavori

FERRARA ARTE - Il bilancio della rassegna appena conclusa a Palazzo dei Diamanti

La mostra su Bononi: un'occasione per riscoprire la Ferrara del Seicento e alcuni dei suoi capolavori

10-01-2018 / Giorno per giorno

(Comunicato a cura della Fondazione Ferrara Arte e delle Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea del Comune di Ferrara)

Domenica 7 gennaio si è conclusa la mostra Bononi. L'ultimo sognatore dell'Officina ferrarese, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dalle Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea del Comune di Ferrara in collaborazione con i Musei di Arte Antica di Ferrara.
La rassegna, a cura di Giovanni Sassu, conservatore dei Musei di Arte Antica della città estense, e Francesca Cappelletti, docente di Storia dell'Arte Moderna dell'Università degli Studi di Ferrara, è stata la prima monografica dedicata a Carlo Bononi, maestro indiscusso della pittura del Seicento. Una lenta operazione di recupero critico ha progressivamente messo a fuoco la figura di un artista unico, che ha saputo interpretare in modo sublime e intimamente partecipato la tensione religiosa del suo tempo.
È stata dunque l'occasione per conoscere un protagonista dell'arte ferrarese ma anche un invito a rileggere, da punti di vista diversi, un periodo poco conosciuto della storia della città e a riscoprire la Ferrara seicentesca. Particolare rilievo è stato dato in mostra a uno dei capolavori dell'artista, la decorazione di Santa Maria in Vado, e a tutto il ricchissimo patrimonio locale, fatto di chiese, palazzi, monumenti e opere d'arte, che è stato inserito in un articolato percorso immaginato per coinvolgere e valorizzare la città.
È interessante sottolineare come, anche in occasione di una mostra di ricerca come questa, sia stata forte la risposta di istituzioni e associazioni culturali cittadine, sia per quanto riguarda l'organizzazione di approfondimenti culturali, sia per l'attivazione di iniziative di valorizzazione del patrimonio.
In questo senso, ai restauri realizzati da Ferrara Arte sulle opere esposte ai Diamanti, si deve aggiungere l'importante risanamento dell'Incoronazione della Vergine in Santa Maria in Vado, riportato all'originale splendore grazie al meticoloso restauro finanziato da CIAS (Centro Ricerche
Inquinamento Fisico Chimico Microbiologico Ambienti Alta Sterilità) e Università di Ferrara, grazie alla collaborazione con la Parrocchia dell'Annunciazione di Santa Maria in Vado, il Consorzio Futuro in Ricerca, il Comune di Ferrara e la Fondazione Ferrara Arte.
Tra le molteplici iniziative didattiche e culturali particolare successo hanno avuto gli incontri di approfondimento sul pittore e il percorso espositivo, a partire dalla presentazione a cura di Giovanni Sassu presso la Sala Estense (303 presenze).
Grazie alla collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Ferrara e la Pinacoteca Nazionale di Ferrara, è stato organizzato un ciclo di conferenze di esperti internazionali messi a confronto su nodi critici tangenti alla parabola artistica di Bononi, come la ricezione della lezione caravaggesca o la fortuna dell'Officina ferrarese e del Seicento in altri ambiti geo-culturali (500 presenze). Ulteriori stimoli sono stati forniti anche grazie alla collaborazione con l'Associazione Culturale Bal'danza, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara, la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara e l'Orchestra Città di Ferrara, in occasione dei tre concerti, organizzati in Pinacoteca, che hanno esplorato la musica al tempo di Bononi (420 presenze).
Nella notte di Halloween, complice l'apertura straordinaria della rassegna, è stata offerta al pubblico in mostra una visita musicale intitolata Dall'affetto al gesto... dal gesto alla musica proposta dall'Ensemble di Musica Antica del Conservatorio "G. Frescobaldi" di Ferrara.
Ricca anche l'agenda di conferenze tenute dai curatori e dallo staff di Ferrara Arte presso le sedi di varie istituzioni culturali sia a Ferrara che in altre città, come, tra le altre, Bologna, Modena, Reggio-Emilia, Cento e Ravenna, che hanno avuto un ottimo riscontro di pubblico (970 presenze).
Un importante momento di approfondimento e di studio è stato rappresentato dal convegno Nell'età di Bononi. La cultura figurativa a Ferrara tra gli Este e la Legazione (1590-1630) organizzato dall'Istituto Studi Rinascimentali, in collaborazione con la Fondazione Ferrara Arte, in occasione della XX Settimana di Alti Studi (Palazzo Bonacossi, 9-11 novembre), che ha fatto il punto della situazione sulla cultura figurativa a Ferrara, tra la Devoluzione e i primi trent'anni del Seicento.
Culmine delle attività collaterali organizzate in occasione della mostra è stata la manifestazione Verso il Seicento. Ferrara Monumenti aperti, in occasione della quale centinaia di studenti hanno raccontato i monumenti e i musei della città in una due giorni dedicata al Seicento. Questa prima edizione è stata patrocinata dal Comune di Ferrara, coordinata da Imago Mundi e dalla Fondazione Ferrara Arte con la collaborazione dell'Associazione Ferrara Off.
Anche se la rassegna stampa finale non è ancora disponibile, si può già dire che la mostra ha ottenuto un notevole apprezzamento da parte della stampa nazionale.
Tra le testate nazionali figurano quotidiani e riviste come, tra gli altri, La Repubblica, La Stampa, Alias-Il Manifesto, Il Resto del Carlino, Il Fatto Quotidiano, Il Venerdì di Repubblica, Espresso, Il Giornale dell'Arte, Avvenire, Famiglia Cristiana, Chi.
Inoltre, nella classifica pubblicata sul «Giornale dell'Arte», diversi critici hanno scelto la mostra di Bononi come la migliore dell'anno tra tutte quelle organizzate in Italia. Anche radio e televisioni hanno dedicato alla rassegna alcuni servizi nei telegiornali e approfondimenti specifici, ricordiamo in particolare Rai3, Rai Radio 2 e Rai Radio 3.
Per aver dato particolare risalto all'iniziativa desideriamo ringraziare i media locali: Il Resto del Carlino - Redazione di Ferrara, La Nuova Ferrara, Estense.com, Listone Mag, Ferrara Italia e Telestense Cultura che, in questa occasione, ha voluto essere al fianco della Fondazione Ferrara Arte nel ruolo di media partner.

Com'è andata
Risultato: 19.301 visitatori in 86 giorni di apertura con una media giornaliera di 224 biglietti staccati.
L'andamento economico della mostra è stato il seguente:
Bilancio provvisorio preconsuntivo:

1. Costo della mostra: € 524.993,57

2. Entrate nette di mostra: € 212.873,37

3. Sponsorizzazioni: € 215.000,00

4. Contributo regionali: € 45.000,00

5. Contributi Comune di Ferrara € 52.120,20

Il catalogo
La Fondazione Ferrara Arte conferma la propria vocazione all'editoria di qualità, uno dei fiori all'occhiello della propria attività per una delle pochissime istituzioni museali italiane che non affida a editori esterni questo aspetto essenziale nell'organizzazione di un'esposizione.
Anche in questa occasione, la mostra è stata accompagnata da un importante e ricco catalogo, che ha restituito un ritratto a tutto tondo di Carlo Bononi, presentando il pittore attraverso un'attenta disamina storico artistica dei dipinti, della tecnica pittorica, dei suoi committenti e degli scenari entro i quali si trovò ad operare.
Ottimo il successo della pubblicazione, la cui media di acquisto è stata pari a 1 copia ogni 17 visitatori per un totale di 1.100 copie vendute.

Social network e promozione
Continua l'impiego di strumenti multimediali per la promozione delle mostre di Palazzo dei Diamanti, in particolare di video, medium particolarmente adatto alla condivisione social, ormai essenziale per la comunicazione di un qualsiasi evento. Anche per Bononi è stata prodotta una campagna video di avvicinamento, che a partire da maggio e attraverso una serie di clip animate, ha cercato di dare il senso del racconto della mostra. Questi video sono stati utilizzati prevalentemente sui social network e sul sito di Palazzo dei Diamanti e da qui condivisi dagli utenti.
Anche grazie a uno strumento come i video, i profili Facebook, Twitter e Instagram di Palazzo dei Diamanti hanno continuato a crescere con costanza e a raggiungere un pubblico sempre più vasto, residente in tutta Italia con interessi legati agli ambiti dell'arte/turismo/cultura.
Dall'apertura della mostra i fan della pagina Facebook dei Diamanti (facebook.com/PalazzoDiamanti) sono aumentati, raggiungendo un totale di 43.920 fan di cui circa 91,2% provenienti da "fuori provincia".
Sempre in ambito social, è particolarmente significativo il fatto che le recensioni sulla mostra (oltre 2.000) siano state tutte positive. Ne riportiamo alcune di quelle lasciate sui canali Facebook, Google e TripAdvisor: «Palazzo Diamanti è sempre all'altezza!! Bononi mi è piaciuto, non lo conoscevo e la mostra mi ha permesso di avere una visione a tutto tondo dell'artista»
«Un meraviglioso Luogo che propone sempre Qualità e Organizzazione eccelsa in una Città che ama e sostiene sempre L'Arte vera»
«Eccezionale, strabiliante, magnifico... Una immersione nei colori puliti e nell'armonia dei movimenti nelle scene, un dialogo muto con le espressioni dei vari personaggi..., Come sempre tutte le vostre mostre sono ben curata nei minimi dettagli con una audioguida eccezionale. Una mostra meravigliosa dove ho avuto l'onore, grazie a voi, di scoprire un altro genio della pittura... Ah il catalogo è stupefacente... Grazie... arrivederci alla prossima primavera con la nuova mostra x arricchire l'anima»
«Mostra Carlo Bononi da non perdere! [...] Istruire divertendo, la cosa migliore!»
Tra le opere più fotografate e condivise sui social Sant'Agata curata da san Pietro e l'angelo di Giovanni Lanfranco proveniente dal Complesso Monumentale della Pilotta di Parma ed il San Sebastiano di Carlo Bononi proveniente dalla cattedrale di Reggio Emilia.

Altre informazioni e curiosità
a. La settimana migliore è stata quella dal 31 dicembre al 7 gennaio con 5.605 visitatori.

b. Il giorno migliore sabato 28 ottobre con 962 biglietti staccati.

c. Aperture serali straordinarie e facilitazioni: sono state diverse le aperture serali straordinarie: il 28 ottobre nell'ambito della manifestazione Ferrara Monumenti Aperti, quando è stato possibile visitare la rassegna con ingresso gratuito dalle 19.00 alle 22.00; il 31 ottobre in occasione di una serata speciale che ha permesso ai visitatori dalle 19.00 alle 22.30, di entrare in mostra con la formula del 2x1 e di godere anche dell'accompagnamento musicale Dall'affetto al gesto... dal gesto alla musica.
Infine il 31 dicembre la rassegna è rimasta aperta sino alle ore 23.30 per consentire al pubblico di trascorrere le ultime ore dell'anno, prima dell'inizio dello spettacolo pirotecnico "Incendio al Castello", tra le opere di uno dei grandi protagonisti del Seicento.

d. Si conferma il particolare riguardo della Fondazione Ferrara Arte nei confronti dei giovani: anche per questa mostra, gli studenti di tutte le Università d'Italia ogni lunedì hanno potuto godere del 2x1 sul biglietto di ingresso.

Alcuni dati ricavati dalle interviste al pubblico (n. 1.846 pari al 9,56% dei visitatori)
a. è molto significativo il dato del giudizio sulla mostra: tra gli intervistati solo lo 0,87% non l'ha apprezzata, mentre il restante 98,16% dei visitatori ha espresso un giudizio positivo, in particolar modo per quanto riguarda l'allestimento, l'audioguida compresa nel prezzo del biglietto ed estremamente chiara.

b. La provenienza del pubblico: la percentuale più rilevante è quella dell'Emilia-Romagna, con il 61,76% dei visitatori, seguita dal Veneto con il 13.00% e, più a distanza, da Lombardia, Toscana e Lazio (rispettivamente 6,66%, 2,71% e 2,98%).

c. Le prime in classifica: Ferrara e la sua provincia 28,98%; segue con una buona percentuale Bologna 17,66%; decisamente più distanziate compaiono Padova 3,30%, Rovigo 2,87%, Roma 2,65%, Venezia 2,49%; a seguire tutte le altre.

d. Come è venuto a conoscenza della mostra?
21,29% pubblicità su quotidiani e riviste
18,69% newsletter di Palazzo dei Diamanti
9,80% segnalazione di conoscenti
13,92% internet (non sito mostra)
8,23% manifesti, locandine
7,85% articoli e recensioni su quotidiani e riviste

e. Un pubblico fedele: il 69,93% delle persone intervistate viene abitualmente a vedere le mostre a Palazzo dei Diamanti, mentre il 15.17% ha dichiarato di essere venuto almeno una volta in passato. Il 13,92% è la percentuale dei visitatori venuti per la prima volta ai Diamanti in occasione di questa esposizione.

f. La mostra e il turismo: le proposte di Palazzo dei Diamanti si confermano uno stimolo importante per tutto il comparto del turismo locale: tra gli intervistati non locali, infatti, il 70,63% è venuto (o tornato) in città appositamente per la mostra. Tra questi il 18,69% dei visitatori ha deciso di pernottare in città per una o più notti. Tra le strutture ricettive, l'opzione preferita degli intervistati è quella degli alberghi (56,40%), seguiti dai bed & breakfast (20,93%), dalle case private (18,02%), camper (3,49%) e infine dagli agriturismi (0,58%).

g. La mostra e i musei: il 78,98% degli intervistati ha dichiarato di aver visitato i musei della città, il 15,60% di non averli visitati; mentre il 37,49% ha espresso l'intenzione di farlo.

Informazioni e Prenotazioni Mostre e Musei
In totale i biglietti venduti in prevendita, tra singoli e gruppi, sono stati 5.269 di cui 4.714 prevenduti telefonicamente tramite addetti alle prenotazioni. Ad usufruire di questo servizio sono state 4.628 persone organizzate in gruppi, di cui 2.363 adulti e 2.265 studenti.
La mostra è stata visitata con successo dagli istituti scolastici di tutti i gradi, dalle materne alle superiori della città e della provincia per un totale di 2.175 studenti, in sintesi 116 classi ferraresi.
Le prevendite dei singoli visitatori sono state in totale 641, di cui 555 acquistate direttamente on-line sul sito di Palazzo dei Diamanti e 86 telefonicamente tramite addetti alle prenotazioni.
Anche per questa esposizione è continuata la collaborazione con gli hotel e le strutture ricettive di
Ferrara e provincia che hanno avuto la possibilità di acquistare, sempre online, i biglietti per i propri clienti con tariffa scontata, e l'intesa promozionale per i pacchetti turistici con il consorzio Visit Ferrara.
Le visite guidate alla mostra prenotate tramite l'Ufficio Informazioni e prenotazioni di Palazzo dei Diamanti sono state n. 68 per un totale di 1.483 persone interessate, tra gruppi scolastici e di adulti.

 

>> DOCUMENTAZIONE SCARICABILE IN ALLEGATO: Relazione su 'La Fabbrica della Meraviglia' - Progetto didattico a cura della Fondazione Ferrara Arte in collaborazione con Eni in occasione della mostra 'Carlo Bononi. L’ultimo sognatore dell’Officina ferrarese'

Immagini scaricabili:

bononi_66.jpg bononi_8.jpg

Allegati scaricabili: