Comune di Ferrara

venerdì, 21 settembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Investimenti infrastrutturali e innovazione, l'impegno di Hera per Ferrara

LAVORI PUBBLICI - Gruppo Hera e Amministrazione Comunale hanno presentato i futuri progetti nei settori Idrico e Teleriscaldamento

Investimenti infrastrutturali e innovazione, l'impegno di Hera per Ferrara

10-07-2018 / Giorno per giorno

Martedì 10 luglio nella residenza municipale si è svolta una conferenza stampa per illustrare gli interventi nei settori Idrico e Teleriscaldamento di Hera per l'anno 2018. All'incontro con i giornalisti erano presenti il sindaco Tiziano Tagliani, l'assessore comunale ai Lavori Pubblici Aldo Modonesi, Franco Fogacci (direttore Acqua Hera SpA) e Fausto Ferraresi (direttoreTeleriscaldamento Hera SpA).

(Comunicazione a cura di Hera)
I principali investimenti al 2021 nel ferrarese prevedono 56 milioni nel settore idrico e 25 milioni nel gas e nel teleriscaldamento. Una scelta che conferma una sempre maggiore attenzione alla qualità dei servizi erogati, all'adeguamento delle infrastrutture e alla sostenibilità ambientale
Il Gruppo Hera e l'Amministrazione Comunale hanno presentato il bilancio delle attività che la multiutility ha realizzato negli ultimi mesi per potenziare e ottimizzare le reti infrastrutturali ferraresi, con particolare riferimento a quelle idriche, gas e del teleriscaldamento.
Attività che, nell'arco del Piano Industriale 2017 - 2021, nel territorio ferrarese, prevedono investimenti di circa 56 milioni di euro nel settore idrico e di 25 per gas e teleriscaldamento, incluso quanto già investito nel corso del 2017 e del primo semestre 2018.
Investimenti e interventi nelle infrastrutture idriche per aumentare efficienza e diminuire gli impatti ambientali
Il servizio idrico, da sempre, beneficia dei maggiori interventi. Un primato che si riflette anche nell'entità di investimento pro capite disposto dal Gruppo: nel Comune di Ferrara, negli ultimi quattro anni, la quota annua è stata di oltre 65 euro per abitante, contro una media nazionale inferiore ai 30.
Questo ha consentito di garantire al territorio ferrarese il pieno rispetto delle più stringenti normative sulla gestione della depurazione e la piena disponibilità di risorsa idrica potabile entro i migliori parametri, anche rispetto alle acque in bottiglia.
Complessivamente, Hera nell'ultimo quadriennio 2017 ha investito per la gestione del servizio idrico nel solo Comune di Ferrara quasi 18 milioni di euro e ha pianificato interventi per altri 27 milioni da qui al 2021.
Tra gli interventi più importanti in programma si segnala la completa ristrutturazione del depuratore cittadino di Gramicia, del valore di 5,4 milioni di euro. L'opera consisterà nella realizzazione di due nuovi digestori capaci di accumulare il biogas prodotto durante il processo di depurazione. Ciò consentirà benefici in termini di minore impatto ambientale e di risparmio energetico sul medio-lungo termine.
Verrà realizzata anche una nuova rete fognaria al servizio della frazione di Montalbano, per un costo complessivo di 2,6 milioni di euro. Il progetto consiste nella posa di circa 10 chilometri di nuove infrastrutture, grazie alle quali sarà possibile incrementare l'efficienza del sistema e indirizzare i reflui al depuratore di Gallo, nel comune di Poggio Renatico.
Anche gli acquedotti del territorio hanno beneficiato di numerosi interventi di manutenzione e riqualificazione, e altrettanti ne sono previsti per i prossimi anni: a titolo di esempio si ricordano le riqualificazioni di via Brasavola e via Croce Bianca e gli interventi di straordinaria manutenzione di via Pace, a Pontelagoscuro e di via Volta.
Gli interventi di Via Brasavola, via Pace e via Volta sono già stati eseguiti, via Croce Bianca sarà conclusa entro l'anno. L'intervento di via Brasavola ha interessato le reti di fognatura e acquedotto, quelli di via Pace e via Volta solo la rete di fognatura. L'intervento di via Croce Bianca previsto nel 2018 interesserà sia le reti acquedotto che fognarie.

Teleriscaldamento: sempre più innovativo e green grazie allo sviluppo della geotermia
Gli investimenti previsti per l'espansione della rete del teleriscaldamento ammontano a 6 milioni di euro entro il 2021. Lo sviluppo della rete nel territorio negli ultimi mesi ha intrapreso un percorso di progressiva trasformazione. Questo anche grazie all'aggiudicazione in partnership della concessione dello sfruttamento dei pozzi geotermici esistenti di Ferrara. Questa rappresenta una novità assoluta e una dimostrazione di forte impegno del Gruppo nel favorire l'impiego di questa preziosa risorsa al servizio della città, con benefici tangibili sulla qualità dell'aria.
Il mix energetico che alimenterà la rete di teleriscaldamento, anche grazie all'aumento di calore previsto dalla gestione ottimizzata della centrale geotermica, sarà del 92% di energia a bassissimo impatto ambientale, facendo del sistema di Ferrara una delle best practice a livello internazionale e consentendo di risparmiare oltre 13 mila tonnellate l'anno di combustibili fossili.
In relazione all'ottimizzazione della centrale geotermica Hera sta pensando di promuovere iniziative con ulteriore impiego della geotermia, al di fuori del servizio di teleriscaldamento, servendo attività produttive che impiegano energia a bassa temperatura (come la coltivazione in serra, o l'itticoltura) e che potranno essere un volano economico con positive ricadute commerciali, ed occupazionali per il territorio.
Tra le numerose iniziative in programma per lo sviluppo del teleriscaldamento rientrano la convenzione siglata nelle scorse settimane da Hera con il Comune di Ferrara, della durata di 12 anni, che contiene importanti novità per incentivare le famiglie a collegarsi alla rete di teleriscaldamento e il protocollo d'intesa tra Hera, la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Ferrara finalizzato alla promozione di progetti in materia di efficienza energetica, uso razionale dell'energia, sviluppo delle fonti rinnovabili e assimilate, nonché il miglioramento della qualità dell'aria e la valorizzazione delle risorse energetiche presenti sul territorio.
Entro l'anno si prevede l'avvio dei lavori di collegamento del quartiere Barco, nel quale sono presenti immobili di tipo residenziale, terziario e scolastico. Lo sviluppo della rete procederà anche in direzione sud, lungo l'asse di via Bologna e fino al comparto "Corti di Medoro", nell'area dell'ex palazzo Specchi. Infine è iniziato un intervento di collegamento al teleriscaldamento di utenze comunali e dell'Università di Ferrara in zona Via Scienze: tale iniziativa nasce su richiesta dell'UNIFE in concomitanza con la ristrutturazione degli edifici (e relativi impianti). Si prevede di poter servire gli edifici entro la prossima stagione termica.
Distribuzione Gas: investimenti sulle infrastrutture e sulle persone...
Gli investimenti previsti sulla rete gas, nel comprensorio Ferrarese, ammontano a circa 16 milioni di euro entro il 2021. Questi numeri rappresentano lo sforzo di Inrete, la società del Gruppo dedicata alla distribuzione gas, per migliorare ulteriormente i livelli di sicurezza e innovazione delle infrastrutture gestite, in attesa dell'avvio delle gare per l'aggiudicazione del servizio.
Gli interventi saranno realizzati sulle infrastrutture a rete, sugli impianti di regolazione del gas e sugli apparati di misura (contatori). In particolare è prevista l'installazione di 40.000 misuratori elettronici del gas di nuova generazione.
Il servizio erogato da Inrete, in termini di qualità, continuità e sicurezza si attesta da anni su livelli di eccellenza, anche grazie all'introduzione sempre più spinta di elementi innovativi e tecnologicamente avanzati, all'interno dei propri strumenti di organizzazione ed esecuzione delle attività.
L'azienda, conscia del fatto che alla tecnologia, occorre associare la professionalità e la preparazione delle persone, ha sviluppato con l' istituto tecnico "Copernico - Carpeggiani" un progetto di formazione e affiancamento in ambito Alternanza Scuola Lavoro. Questo progetto, se l'iter di verifica e approvazione sarà positivo, vedrà la luce all'inizio del prossimo anno scolastico. Sono previste iniziative formative all'interno dell'istituto, periodi di affiancamento e formazione presso la sede del Gruppo Hera di Ferrara.
Al fine di rendere più proficuo ed efficace questo percorso, è in fase di progettazione, presso la sede di Via Diana, che ospita anche la Direzione Innovazione del Gruppo Hera, un punto dedicato, costituito da locali che saranno attrezzati per le iniziative formative in aula e da "corner operativi" specifici, nei quali sarà possibile eseguire sperimentalmente le attività che normalmente si realizzano in campo, anche attraverso l'ausilio di strumentazioni e tecnologie realizzati con la "realtà aumentata tridimensionale".

Franco Fogacci, Direttore Acqua del Gruppo Hera ha dichiarato: "Per il Gruppo Hera quello ferrarese è da sempre un territorio chiave, al quale dedicare particolare attenzione e progettualità. Una propensione che si riflette nelle scelte strategiche del Gruppo e ha una conseguenza diretta anche negli investimenti nel settore idrico, tant'è che, rispetto a un piano quinquennale che vale 450 milioni di euro di interventi sull'intero territorio servito, ben 56 sono destinati al territorio di Ferrara."
"Nel teleriscaldamento Ferrara rappresenta un unicum a livello nazionale - ha ribadito Fausto Ferraresi, Direttore Teleriscaldamento del Gruppo Hera - sia per l'alimentazione da risorsa geotermica sia per la sua storia. Il rinnovato impegno del Gruppo, allargato adesso anche alla gestione diretta della fonte geotermica, ha l'obiettivo di ampliare ancora l'uso di questo sistema in città, che porta nelle case e nelle attività dei ferraresi energia a emissioni sostanzialmente marginali."

 

 

Immagini scaricabili: