Comune di Ferrara

venerdì, 16 novembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Sul bonus relativo ai conferimenti alle isole ecologiche nel 2017

Nota dell'Assessorato alla Contabilità e Bilancio

Sul bonus relativo ai conferimenti alle isole ecologiche nel 2017

23-08-2018 / Punti di vista

Nota dell'Assessorato alla Contabilità e Bilancio

In questi giorni è stata inviata a numerosi contribuenti ferraresi una comunicazione dell'Amministrazione comunale che invita a recarsi agli sportelli BPER (banca che agisce da Tesoriere per conto del Comune), per incassare in contanti il bonus maturato nel 2017 con i conferimenti alle isole ecologiche (bonus previsto all'art. 14, del Regolamento TARI vigente per l'anno 2017).

Diversamente dagli anni precedenti - nei quali il bonus veniva riconosciuto in sede di conguaglio - non si è potuto procedere alla compensazione con quanto dovuto per il 2018, in quanto si è passati da tassa sui rifiuti (TARI) a tariffa (TCP) e, come è avvenuto tra il 2012 e il 2013 con il passaggio da TARES (tariffa) a TARI (tributo), non è possibile incorporare in una fattura un importo relativo a un tributo.
Gli importi da riconoscere ai contribuenti - al netto delle compensazioni già effettuate con posizioni debitorie - variano da un massimo di € 170 a pochi centesimi, per un ammontare complessivo di circa € 134.000.
Queste somme - appositamente stanziate - devono essere messe a disposizione dei contribuenti che ne hanno diritto, in quanto l'Amministrazione, mentre può rinunciare a richiedere il pagamento di somme troppo piccole (la soglia attuale è di € 20,00), non può esimersi dal pagare importi anche irrisori

Per dare qualche ordine di grandezza: le comunicazioni relative a importi inferiori a € 1,00 sono 960 e valgono complessivamente € 812; la maggior parte delle comunicazioni (8.523) riguarda importi da 1 a 10 Euro, per un valore complessivo di € 31.891; gli importi oltre € 10 valgono complessivamente € 101.600 e riguardano 3.384 contribuenti, 450 dei quali hanno diritto a rimborsi superiori a € 50.
Recarsi agli sportelli del Tesoriere per incassare somme modestissime potrà comportare un disagio per i cittadini interessati, ma da una lato non si poteva non mettere a disposizione del contribuente un credito seppur minimo, dall'altro non è stato possibile individuare forme diverse di rimborso.
Come ultima informazione: il termine di prescrizione per questi crediti è di dieci anni. Ovviamente questa circostanza non si ripeterà il prossimo anno e nei successivi, in quanto, mantenendo lo stesso regime di tariffa, il bonus verrà riconosciuto in fattura in sede di conguaglio.

 

Nota dell'Assessorato alla Contabilità e Bilancio