Comune di Ferrara

giovedì, 13 dicembre 2018

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "Alberto Naselli, Ferrara e la cultura dell'attore nel secondo '500", convegno internazionale del Centro Teatro Universitario

"Alberto Naselli, Ferrara e la cultura dell'attore nel secondo '500", convegno internazionale del Centro Teatro Universitario

27-11-2018 / A parer mio

(Comunicazione a cura degli organizzatori)

Il prossimo 29 e 30 novembre 2018, presso il Dipartimento di Architettura a Palazzo Tassoni
in Via della Ghiara 36 a Ferrara, avrà luogo il Convegno Internazionale

"Alberto Naselli, Ferrara e la cultura dell'attore nel secondo '500"

Il Convegno, che si terrà a partire dalle ore 15,30 di giovedì 29 e per tutta la giornata di venerdì 30, è organizzato dal Centro Teatro Universitario in collaborazione con l'Associazione Cornucopia Performing Arts Labs, con il contributo del Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Ferrara e della Regione Emilia-Romagna nell'ambito del progetto "Ferrara, il Po e la Commedia dell'Arte". Il comitato scientifico del convegno è composto da Daniele Seragnoli, Maria del Valle Ojeda Calvo, Teresa Megale, Domenico Giuseppe Lipani e Fabio Mangolini.

Sin dalla metà del XVI secolo Ferrara fu un centro di transito, ma anche di irraggiamento delle attività degli attori professionisti. La presenza di numerose compagnie è attestata sia nelle occasioni pubbliche cittadine che nelle occorrenze di spettacolarità privata, commissionate dalla corte estense. La città fu inoltre un importante snodo viario e un ottimo approdo sul Po per gli attori che provenivano dall'area di Venezia e Padova o che a Venezia volevano dirigersi provenendo da Sud. Non a caso il personaggio del Dottore, quale specifico contributo ferrarese alla lingua dell'Arte, prenderà il nome di Gratian Furbson da Francolino, facendo riferimento alla località portuale da cui partivano le barche dirette a Venezia.
Ma Ferrara fu anche la città natale di Alberto Naselli (1543-1585), uno dei primi attori e capocomici, di molta fortuna e vasta notorietà, oltreché in Italia, in Francia e in Spagna. Proprio a Zan Ganassa - questo il suo nome in arte - è dedicato il convegno, al fine di mettere a fuoco il ruolo che il ferrarese ebbe nella formazione e nella diffusione europea della nuova cultura teatrale professionistica.

Al convegno parteciperanno importanti storici del teatro e studiosi della Commedia dell'Arte - Daniele Seragnoli, Siro Ferrone, Anna Maria Testaverde, Maria del Valle Ojeda, Bernardo García García, Teresa Megale, Francesca Simoncini, Patrizia Castelli, Simona Brunetti, Sergio Monaldini e Domenico Giuseppe Lipani. In conclusione della prima giornata è prevista una performance di Fabio Mangolini che presenterà alcuni monologhi con maschere della Commedia dell'Arte.

La partecipazione è gratuita. Sarà possibile farsi rilasciare dalla segreteria del convegno un attestato di frequenza, ai fini del riconoscimento dei crediti formativi per l'aggiornamento degli insegnanti.

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: