Comune di Ferrara

venerdì, 15 febbraio 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Con EmiLib a disposizione dei lettori ferraresi una biblioteca digitale con oltre 31mila e-book e 7mila testate giornalistiche

SERVIZI BIBLIOTECARI - Anche Ferrara nella rete emiliana per il prestito digitale

Con EmiLib a disposizione dei lettori ferraresi una biblioteca digitale con oltre 31mila e-book e 7mila testate giornalistiche

24-01-2019 / Giorno per giorno

Per i lettori ferraresi si spalancano le porte di un patrimonio digitale ricco di oltre 31mila e-book e più di 7mila testate giornalistiche, tra periodici e quotidiani. Dal 23 gennaio 2019 il polo bibliotecario ferrarese è infatti entrato nella rete emiliana delle biblioteche digitali EmiLib, nata nel 2016 e a cui già aderiscono Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna. Un'operazione che ha consentito un cospicuo ampliamento di quel complesso di risorse digitali, tra e-book, audiolibri, contenuti audio e giornali, già messo a disposizione negli ultimi anni dalle biblioteche ferraresi ai loro iscritti.  

I dettagli del progetto sono stati illustrati stamani in conferenza stampa dall'assessore alla Cultura del Comune di Ferrara Massimo Maisto, dal dirigente del Servizio Biblioteche e Archivi del Comune di Ferrara Angelo Andreotti, dal direttore dell'Istituto beni artistici culturali naturali (Ibacn) della Regione Emilia Romagna Claudio Leombroni, da Michele Corsello della Biblioteca civica di Parma e da Arianna Chendi della Biblioteca comunale Ariostea di Ferrara.

"Le biblioteche ferraresi - ha ricordato l'assessore Maisto - hanno iniziato quasi quattro anni fa a offrire ai loro utenti un servizio di prestito elettronico, con costi in continua crescita. Ora, grazie alla sottoscrizione dell'accordo che ci ha permesso di entrare nella rete EmiLib abbiamo la possibilità di ampliare enormemente l'offerta per gli utenti, tenendo sotto controllo i costi e avendo l'opportunità di scambiare idee con i nostri partner su come affrontare un mercato in costante crescita". Per il Comune di Ferrara, come precisato ancora da Maisto, l'operazione ha avuto un costo di 24mila euro, ovvero poco più di quello relativo al precedente sistema di prestito elettronico che comprendeva però un numero altamente inferiore di risorse a disposizione.

"In Italia - ha sottolineato Claudio Leombroni - il mercato del libro elettronico si è diffuso solo da pochi anni e anche per questo, si tratta di servizi che hanno costi ancora elevati. E' quindi fondamentale incentivare la cooperazione fra soggetti territoriali per ridurre le spese complessive. La Regione, attraverso L'Ibacn, contribuisce a sostenere questi costi sia finanziando la rete bibliotecaria Emilib, oltre alla omologa rete romagnola, sia acquistando direttamente e-book che poi mette a disposizione delle due reti".

"Oggi - ha spiegato ancora Michele Corsello, referente Emilib - su 31mila e-book disponibili circa 20mila sono di proprietà locale, grazie anche agli acquisti effettuati dalla Regione. Inoltre i giornali a disposizione degli utenti di Emilib possono essere scaricati e restano di proprietà del lettore".

Per poter accedere al prestito Emilib occorre essere iscritti a una delle biblioteche del sistema e chiedere le credenziali (username e password) alla propria biblioteca.

 Link per l'accesso a Emilib: https://emilib.medialibrary.it

 

LA SCHEDA (a cura dei promotori del progetto)

Arriva a Ferrara EmiLib
Le biblioteche ferraresi potenziano i servizi di lettura digitali: con EmiLib più ebook e più giornali

Emilia Digital Library è la nuova biblioteca digitale che offre a tutti i lettori del Polo bibliotecario ferrarese la possibilità di accedere ad un enorme patrimonio librario: oltre 31mila e-book e più di 7000 periodici e quotidiani in 80 lingue di cui 137 in italiano. Un aumento considerevole dell'offerta sia dei titoli messi a disposizione che delle testate dei quotidiani che si arricchiranno di giornali come La Repubblica, Il sole 24 ore, La stampa oltre alle testate locali La Nuova Ferrara e Il Resto del Carlino.
Già dal giugno 2015 le biblioteche ferraresi hanno messo a disposizione dei loro iscritti un servizio di prestito digitale di ebook totalmente gratuito.
Dall'estate del 2017 l'offerta è stata estesa all'Edicola digitale che offre in rete l'accesso a quotidiani e settimanali nazionali e internazionali - in numero superiore a 2000, pubblicati da 92 paesi e in 48 lingue - nella stessa versione del formato a stampa, e dunque dalla prima all'ultima pagina con testi e immagini.
Dal 23 gennaio 2019 un ulteriore passo avanti consentirà di fornire ai lettori un servizio più completo e appetibile. Il polo bibliotecario ferrarese è infatti entrato nella rete emiliana delle biblioteche digitali EmiLib, nata nel 2016 a cui aderiscono le provincie di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna.
I sei Comuni hanno definito un progetto condiviso e sottoscritto un accordo attraverso cui sono state individuate strategie congiunte volte a garantire un'ottimizzazione delle risorse sia finanziarie - la spesa è stata ripartita in quota capitaria e ciascun Comune ha contribuito in relazione al numero di abitanti del proprio territorio - sia per quanto riguarda i contenuti digitali da acquistare.
Oltre ai contenuti commerciali, con il portale EmiLib sarà facilitato l'accesso ai numerosissimi contenuti digitali free, tra cui oltre 60.000 tracce musicali, 165 audiolibri e più di 560.000 risorse disponibili tra cui app, banche dati, immagini, spartiti musicali e video giochi.
I cittadini stranieri avranno, inoltre, la possibilità di poter leggere e-book e periodici in lingua originale e le persone con difficoltà di lettura potranno agevolmente leggere con strumenti come "text to speech" (sintetizzatore vocale).
Le modalità di prestito digitale non subiranno nessuna significativa modifica. Per accedere sarà sufficiente essere iscritto ad una delle biblioteche del PoloUfe.
L'Amministrazione Comunale di Ferrara ha promosso e sostenuto finanziariamente questo progetto incentivando l'introduzione del libro elettronico nell'ambito delle biblioteche del Polo Bibliotecario Ferrarese che, com'è noto, gestisce in cooperazione i servizi bibliotecari dell'intero territorio raggruppando oltre sessanta biblioteche tra pubbliche e private.
E' un messaggio positivo e un forte ulteriore impulso al rinnovamento della comunicazione culturale applicata al libro e alla lettura, quello che propongono le biblioteche ferraresi con questa importante innovazione.

 

Immagini scaricabili:

Ariostea_24gen2019