Comune di Ferrara

venerdì, 15 febbraio 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Un convegno del Lions Club International fa il punto su "I Diritti Umani nel mondo Contemporaneo"

ASSESSORATO CULTURA, DIRITTI E PARI OPPORTUNITA' - In programma sabato 16 febbraio alle 9 al teatro comunale 'Claudio Abbado'. Formazione per gli studenti il 9 febbraio

Un convegno del Lions Club International fa il punto su "I Diritti Umani nel mondo Contemporaneo"

08-02-2019 / Giorno per giorno

Si è svolta venerdì 8 febbraio 2019, nella sala Arengo della residenza municipale di Ferrara, la conferenza stampa di presentazione del convegno "I Diritti Umani nel mondo Contemporaneo", iniziativa promossa dal Lions Club International Distretto 108 Tb con il patrocinio del Comune di Ferrara, in programma sabato 16 febbraio al teatro 'Claudio Abbado'.

In preparazione al Convegno, gli organizzatori in collaborazione con l'Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara, propongono sabato 9 febbraio 2019 (dalle 10.30 alle 12.30) nella sede dell'Istituto alberghiero "Orio Vergani" di Ferrara, un incontro di formazione e aggiornamento, rivolto a studenti e docenti e riconosciuto dal MlUR, sul tema L'educazione ai diritti umani.

All'incontro di presentazione con i giornalisti erano presenti il vicesindaco del Comune di Ferrara Massimo Maisto, il governatore del Lions Club International Distretto 108 Tb Bernardino Salvati, il presidente della II Circoscrizione Distretto Lions 108 Tb Giorgio Ferroni, la presidente e la componente del Comitato organizzatore del convegno Anna Maria Quarzi e Patrizia Bianchini.

"Abbiamo sempre cercato di caratterizzare Ferrara come città dei diritti - ha affermato l'assessore Maisto - un tema che si inserisce nella programmazione di Ferrara città di arte e cultura. La nostra città pensa, ragiona, e si confronta e i Lions ci offrono una occasione importante e di altissimo livello". 

(Comunicazione a cura degli organizzatori)

Sabato 16 febbraio 2019, alle 9 presso il teatro Comunale "Claudio Abbado" di Ferrara (Corso Martiri della Libertà, 5) si apre il Convegno d'Inverno del Lions Club International Distretto 108 Tb - Governatore Bernardino Salvati. Nell'ambito del Convegno si tiene l'incontro, a partire dalle 10:30, organizzato dal Centro Studi e Archivio Storico "Gian Pietro Gardini" diretto da Giuseppe Rando, sul tema I Diritti Umani nel Mondo Contemporaneo, con il contributo e il patrocinio del Comune di Ferrara e la collaborazione della Camera Penale Ferrarese "Avv. Franco Romani" e dell'Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara.

Vista l'importante rilevanza delle tematiche affrontate, sono state invitate a partecipare gli studenti delle scuole superiori di Ferrara. Sono previsti interventi di personalità di considerevole caratura: Guido Raimondi, Presidente della Corte Europea di Strasburgo, che parla de "La protezione dei diritti fondamentali della persona umana: il ruolo unico della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo"; Alessandra Annoni, Docente dell'Università di Ferrara, che affronta "I Diritti umani nelle situazioni di guerra"; Jan Kleijssen, Direttore del Dipartimento Società dell'informazione e lotta alla criminalità del Consiglio d'Europa, che disserterà di "Intelligenza artificiale in relazione ai Diritti Umani, allo Stato di Diritto e alla Democrazia con particolare attenzione al ruolo del Consiglio d'Europa in questo campo"; in conclusione, è previsto l'intervento di Kerry Kennedy, decima figlia di Bob Kennedy e Presidente Onorario della Fondazione "Robert F. Kennedy Foundation of Europe", con sede a Firenze.

Sabato 9 febbraio 2019 dalle 10.30 alle 12.30, la stessa Fondazione, in preparazione al Convegno, in collaborazione con l'Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara, organizza un incontro di formazione/aggiornamento, rivolto a studenti e docenti e riconosciuto dal MlUR, sul tema L'educazione ai diritti umani, presso l'Istituto alberghiero "Orio Vergani" di Ferrara.

---------------------------------------------------------

SCHEDE

- I relatori

Guido Raimondi - Nato a Napoli nel 1953, già consigliere della Corte di cassazione, è giudice della Corte europea dei diritti dell'uomo dal 5 maggio 2010. Nel mese di settembre 2012 è stato eletto Presidente di Sezione e Vice-Presidente della Corte per un mandato di tre anni decorrente dal 1° novembre 2012. Nel settembre 2015 è stato eletto Presidente della Corte per un mandato di tre anni decorrente dal 1° novembre 2015. E' magistrato dal 1977. Nella prima fase della sua carriera ha operato nelle corti inferiori, trattando casi civili e penali, fino al 1986, quando è stato chiamato a collaborare con il Servizio del Contenzioso diplomatico del Ministero degli affari esteri. Tra il 1989 e il 1997 è stato co-agente del Governo italiano presso la Corte europea dei diritti dell'uomo a Strasburgo. Tra il 1997 e il 2003 ha operato alla Procura generale della Corte di cassazione e poi alla stessa Corte di cassazione come consigliere. Nello stesso periodo è stato giudice ad hoc della Corte europea dei diritti dell'uomo. Nel maggio del 2003 è entrato nell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) a Ginevra, prima come vice-direttore e poi, dal febbraio 2008 fino alla elezione alla Corte di Strasburgo, come Direttore (Legal adviser) del servizio giuridico dell'organizzazione. E' autore di numerose pubblicazioni nel campo del diritto internazionale, in particolare su argomenti riguardanti i diritti umani.
Alessandra Annoni - Professoressa associata in diritto internazionale presso l'Università di Ferrara dal 2015, ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca in Diritto internazionale presso l'Università di Padova, è stata assegnista di ricerca nell'Università di Ferrara nel 2008 e ricercatrice nell'Università di Catanzaro dal 2008 al 2015. Nell'Università di Ferrara insegna Introduction to International and European Union Law, Diritto europeo dell'immigrazione, International Institutional Law e fa parte del gruppo di coordinamento della clinica legale; collabora all'organizzazione e alla didattica del corso Diritto internazionale penale militare e del corso di Diritti umani e diritto umanitario nei conflitti armati ed è membro del collegio dei docenti del Dottorato in Diritto dell'Unione europea e ordinamenti nazionali. E' membro del Senato Accademico e Delegata del Dipartimento all'orientamento, oltre che membro del Comitato di indirizzo del Corso di Laurea in Giurisprudenza dell'Università di Ferrara. E' stata visiting researcher presso l'Università Queen Mary di Londra nel 2016. Ha insegnato e tenuto relazioni a convegno in varie università italiane, nell'Università di Liegi (Belgio), alla Al-Quds University di Abu Dis, in Palestina, e presso il Centro Alti Studi per la Difesa. È autrice della monografia L'occupazione «ostile» nel diritto internazionale contemporaneo (2012) e di diverse altre pubblicazioni minori su temi di diritto internazionale penale e diritto internazionale umanitario.
Jan Kleijssen - Nasce nel 1958 a Almelo (The Netherlands). Studia International Law alla Utrecht State University laureandosi nel 1981e International Affairs alla Norman Paterson School of International Affairs dell' Università di Carleton ad Ottawa.Kleijssen è entrato nel Consiglio d'Europa nel 1983 come avvocato presso la Commissione europea dei diritti umani. È stato segretario della commissione per gli affari politici dell'Assemblea parlamentare dal 1990 al 1999, ha poi ricoperto la carica di direttore del gabinetto del segretario generale e in seguito direttore e consigliere speciale del presidente dell'Assemblea parlamentare.Jan Kleijssen è attualmente direttore della Società dell'informazione e Azione contro il crimine, Direzione Generale Diritti umani e Stato di diritto, del Consiglio d'Europa.La sua direzione svolge attività di standardizzazione, monitoraggio e cooperazione su una vasta gamma di questioni, tra cui:•Libertà di espressione•Protezione dei dati•Governance di Internet
•Cybercrime•Terrorismo•Diritto penale• Lotta alla corruzione e al riciclaggio di denaro sporco•Azione contro il traffico di droga e l'abuso di drogheKleijssen è stato nominato presidente della Commissione Disciplinare del Consiglio d'Europa a dicembre 2015.

Kerry Kennedy è presidente della Robert F. Kennedy Human Rights. Per più di trentacinque anni, si è dedicata al perseguimento di una giustizia equa, alla promozione e alla protezione dei diritti fondamentali e alla salvaguardia dello stato di diritto. Kerry fa parte dello United States Institute of Peace, and HealthEVillages. Fa parte di comitati consultivi su organizzazioni che si occupano di nativi americani, Irlanda del Nord, arresto della tortura, Myanmar. Ha ricevuto molti premi e riconoscimenti, tra cui la medaglia d'onore Eleanor Roosevelt, e gli onori dal presidente della Polonia Lech Walesa per aver aiutato il movimento Solidarnosc. Il suo impegno è riconosciuto dalla Southern Christian Leadership Conference, dall' American Jewish Congress of the Metropolitan Region, dal New York City Council e da Save the Children. Il New York Times, il Washington Post, il Los Angeles Times, il Chicago Tribune, il Miami Herald e altri importanti giornali, blog e tutti i maggiori network di notizie hanno pubblicato il suo lavoro o l'hanno invitata a condividere la sua esperienza.Kerry Kennedy si è laureata alla Brown University e alla Boston College Law School. Ha conseguito dottorati onorari in legge presso il Le Moyne College e la facoltà di giurisprudenza dell'Università di San Francisco e dottorati onorari di Humane Letters del Bay Path College, Albany College of Pharmacy e New Caledonia University.

-----------------------------------------------------

La Robert E Kennedy Human Rights con sede a Washington DC è un'organizzazione no profit creata nel 1968 dagli amici e familiari del Senatore Robert E Kennedy, per portarne avanti l'eredità morale e realizzare il suo sogno di un mondo più giusto. Grazie ai programmi e alle numerose attività di sensibilizzazione ed educazione ai diritti umani, il centro si rivolge alle future generazioni, agli studenti delle scuole e agli insegnanti. Nel 2004 il Robert E Kennedy Center, presieduto da Kerry Kennedy, figlia del Senatore Kennedy, promosse in Italia, riscontrando successo, il progetto educativo "Speak Truth To Power", un'iniziativa dedicata alla formazione sul tema dei diritti umani. L'anno seguente, grazie all'interesse da parte di istituzioni e società civile, è stata costituita l'Associazione Robert E Kennedy Foundation of Europe Onlus (Robert E Kennedy Human Rights Italia). Il progetto "Speak Truth To Power: Coraggio Senza Confini" si occupa della diffusione della conoscenza dei diritti umani. Speak Truth To Power è un'iniziativa globale di formazione che mette in primo piano le vite di difensori dei diritti umani che hanno sfidato la loro comunità, il loro Governo su temi come la schiavitù e l'attivismo per l'ambiente, la libertà religiosa e la partecipazione politica. Il programma è formato da un manuale educativo per la scuola primaria, un manuale educativo per le scuole secondarie di I e II grado, una mostra fotografica di 51 ritratti dei defenders scattati dal premio Pulitzer Eddie Adams e uno spettacolo teatrale di Ariel Dorfman, il tutto basato sul libro di interviste di Kerry Kennedy a 50 attivisti dei diritti umani provenienti da tutto il mondo. Il progetto si propone di ispirare singoli individui e collettività e fornire loro strumenti di partecipazione affinché si impegnino nella difesa dei diritti umani. Il progetto educativo è stato sviluppato nelle scuole superiori di diversi paesi del mondo, attraverso la distribuzione gratuita del manuale a studenti e insegnanti e alla presenza di formatori dell'organizzazione per l'intero anno scolastico. In Italia il progetto ha riscosso grande successo e, dal 2008, sono stati più di 500mila gli studenti formati e oltre 700 i docenti. Nell'ambito della sensibilizzazione su queste tematiche il Center, non appena arrivato a Firenze, ha avviato una collaborazione con il Caffè Letterario Le Murate e Controradio e l'ultimo martedì di ogni mese, viene organizzato un incontro sul tema dei diritti umani. Per finanziare le proprie attività il Robert E Kennedy Center for Justice and Human Rights organizza eventi di Fund Raising, quali cene e aste on-line con oggetti di valore gentilmente donati dai sostenitori. Il Center, che aveva già esportato il progetto Speak Truth to Power in Romania nel 2009 ha in programma l'organizzazione di eventi e progetti in altri paesi europei come la Svezia.

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: