Comune di Ferrara

mercoledì, 20 novembre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Inquinamento elettromagnetico, chiusa la procedura di valutazione ambientale di Terna

Inquinamento elettromagnetico, chiusa la procedura di valutazione ambientale di Terna

22-05-2019 / Punti di vista

Sono trascorsi alcuni anni da quando, nel 2010, il Comune di Ferrara ha siglato un accordo con la società elettrica Terna per realizzare una serie di interventi di riordino della rete elettrica nel territorio comunale, con l'eliminazione di tratti di linea e l'interramento di cavi dell'alta tensione per un'estensione totale di 23,8 km.

Tra gli interventi pianificati l'eliminazione di un cospicuo tratto dell'elettrodotto «Colunga-Este», che interessa peraltro la scuola di infanzia "La Mongolfiera" di Cassana, l'asilo "Jovine" di Barco e l'interramento di un tratto di alta tensione dall'uscita dalla centrale elettrica di via Marconi fino a via Gramicia, con la riduzione dell'impatto elettromagnetico sull'abitato di Barco e il conseguente disimpegno della zona del parco urbano riservata alle attività ludico-sportive.

Il percorso sin qui svolto, a livello ministeriale e regionale, ha visto finalmente la conclusione della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale di competenza dei Ministeri dell'Ambiente e dello Sviluppo Economico per tutte le opere previste nell'accordo citato e la realizzazione di un campo fotovoltaico di 1,4 MW presso la centrale di Focomorto; campo fotovoltaico che produce energia elettrica pulita da immettere in rete.

Per dare finalmente corpo agli impegni assunti da TERNA verso il Comune l'Architetto Andrea Ansaloni - responsabile per il Comune dei Piani urbani complessi, problematiche ambientali e vigilanza - parteciperà alla prima conferenza nazionale di elettrodotti alta tensione che si tiene oggi a Roma .

Il Sindaco ha cosi motivato la partecipazione " Dobbiamo fare pressione perché siano concretizzati gli impegni contenuti nell'Accordo di Programma che prevede oltre 20 chilometri di cavi elettrici in meno e spazio al fotovoltaico per ottimizzare la rete di distribuzione dell'energia elettrica riducendo gli effetti dell'inquinamento elettromagnetico e paesaggistico. Siamo ad un passo da un intervento che giova enormemente alla salute dei cittadini ed al quadro paesaggistico locale".

 

(Comunicazione a cura della Portavoce del Sindaco)