Comune di Ferrara

domenica, 22 settembre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nota del vicesindaco Lodi sull'operazione "Parchi sicuri"

Nota del vicesindaco Lodi sull'operazione "Parchi sicuri"

24-08-2019 / Punti di vista

"Con oggi (24 agosto 2019) prende il via l'Operazione Parchi Sicuri e il primo passo concreto è togliere le panchine allo spaccio per darle ai cittadini. I nostri parchi devono essere popolati da bambini e anziani e non da chi vende morte e usa gli spazi pubblici per i propri affari illeciti. A cosa serve togliere una panchina? Tanto per cominciare a non concedere comodità ai criminali e poi, soprattutto, a poter sanzionare e segnalare, senza ulteriori passaggi, il primo spacciatore che bivaccherà per terra".
Così l'assessore alla Sicurezza e vicesindaco di Ferrara, Nicola Lodi, presenta il primo passo dell'Operazione Parchi Sicuri, che nei prossimi mesi, vedrà realizzarsi una serie di atti concreti e innovativi per ‘dichiarare guerra' allo spaccio.
"A partire dalla zona Gad, dove l'emergenza è più acuta questa operazione si estenderà a macchia d'olio per tutta la città, fino a quando tutte le aree verdi di Ferrara, comprese quelle più periferiche e delle frazioni, torneranno ad essere luoghi sicuri a misura di bambini e famiglie", spiega Lodi.
Nei giorni scorsi, su indicazione del vicesindaco e assessore alla Sicurezza, i tecnici del Comune hanno perlustrato diverse aree del quartiere Gad e hanno individuato, le panchine e gli arredi abitualmente utilizzati come luoghi di ritrovo e scambio di droga e merci illegali e verranno ricollocate, dopo un passaggio di manutenzione, nei parchi della città più frequentati, nei quali l'arredo urbano è magari obsoleto o insufficiente.
"Ovviamente non si tratta di una azione risolutiva e nemmeno definitiva, ma è un primo messaggio, dopo anni di totale silenzio dell'amministrazione precedente, che lanciamo a chi delinque nei nostri parchi e pretende pure di stare comodo", spiega Lodi. "Concretamente si tratta di mettere le forze dell'ordine nelle condizioni di agire in modo più semplice ed efficace possibile, perché significa dare la possibilità alla polizia locale di effettuare controlli e sanzionare, semplicemente applicando i regolamenti vigenti per il verde urbano, i soliti noti che dovessero creare, in assenza delle panchine punti di bivacco", aggiunge il vicesindaco.
"A contrario di quanto hanno sempre fatto i nostri predecessori la nostra prima preoccupazione, anche in questo caso, è che il problema non ricada, ancora una volta, sulle spalle dei ferraresi".
Dunque, per fare in modo che questa prima azione concreta non vada a scapito dei cittadini, ma a favore di chi vive e utilizza le aree verdi per il benessere, il relax ed una sana socializzazione "abbiamo deciso di ripopolare di panchine le aree verdi fino ad oggi meno curate", spiega ancora Lodi.
"Chiediamo a tutti i ferraresi di essere con noi in questo importante passaggio e di segnalarci le aree della città in cui l'arredo del verde urbano è carente: è lì che porteremo le panchine tolte allo spaccio".
E conclude: "L'Operazione Parchi Sicuri che prende il via oggi si articolerà in diversi passaggi nei quali, ovviamente, coinvolgeremo in modo quanto mai operativo e progettuale la Polizia Locale, già a partire dalle prossime settimane. L'obiettivo finale, ed è un patto che facciamo con i ferraresi, è rendere sicure tutte le aree verdi della città e riportare le panchine in zona Gad quando tornerà ad essere davvero il Quartiere Giardino, sicuro, decoroso e vivibile che la nostra città merita di avere".