Comune di Ferrara

domenica, 15 dicembre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nota del vicesindaco e assessore alla Mobilità Nicola Lodi e dell'assessore al Bilancio, Commercio e Turismo Matteo Fornasini in merito alle dichiarazioni del consigliere Aldo Modonesi sul trasporto pubblico

Nota del vicesindaco e assessore alla Mobilità Nicola Lodi e dell'assessore al Bilancio, Commercio e Turismo Matteo Fornasini in merito alle dichiarazioni del consigliere Aldo Modonesi sul trasporto pubblico

28-08-2019 / Punti di vista

"Nessun aumento per gli studenti. Il consigliere comunale Modonesi - afferma il vice sindaco e assessore Nicola Lodi - la smetta di fare campagna elettorale sulla pelle di chi la mattina si alza e va al lavoro o scuola utilizzando i mezzi pubblici. La sua domanda mette in allarme chi ha già la certezza di non vedersi aumentare il costo del biglietto, lo ho più volte confermato e abbiamo le coperture per farlo. Invito Modonesi a strombazzare di meno e ad accettare una sonora sconfitta. Ho incontrato i comitati e gruppi di studenti e genitori nel mio ufficio già settimane fa, confermando la volontà di non creare disagi agli stessi".

"In qualità di componente della Giunta comunale con delega al Bilancio - aggiunge l'assessore Matteo Fornasini - rassicuro sul fatto che l'Amministrazione intende confermare l'estensione della tariffa zona urbana a tutto il comune di Ferrara, in modo che anche i cittadini residenti nelle frazioni paghino per gli abbonamenti del trasporto pubblico lo stesso importo dei residenti in città, ottenendo un risparmio importante. Trovo davvero grave che ancora una volta il consigliere Modonesi, invece di svolgere un ruolo di stimolo propositivo nell'interesse della città, alimenti l'ennesima polemica ‘social' contro la giunta, rischiando cosi di creare allarmismo ingiustificato a tutto svantaggio dei cittadini. Modonesi dovrebbe sapere bene che i consiglieri comunali hanno tutti gli strumenti istituzionali per chiedere chiarimenti rispetto alle intenzioni della Giunta. Ma bastava anche solo una telefonata al sottoscritto o una visita nel mio ufficio - la cui porta è sempre aperta - per evitare questa polemica inutile e diffondere allarmismo ingiustificato tramite un post sulla rete internet".