Comune di Ferrara

sabato, 22 febbraio 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nota del Sindaco di Ferrara a seguito dell'incontro con i sindacati sul tema 'Biblioteche comunali'

Nota del Sindaco di Ferrara a seguito dell'incontro con i sindacati sul tema 'Biblioteche comunali'

15-01-2020 / Punti di vista

"Entro un anno individueremo la giusta collocazione per la realizzazione di una biblioteca nella zona sud della città. Sarà un progetto innovativo perché l'obiettivo condiviso deve essere quello di realizzare una biblioteca di nuova concezione con nuovi servizi adeguati alle reali esigenze dei fruitori di tutte le età. Una volta individuato il luogo in coerenza con il nuovo Piano urbanistico generale l'opera sarà inserita nel Piano triennale delle opere pubbliche per realizzarla entro la fine del mandato. Una nuova biblioteca, moderna e concepita secondo parametri e visioni più ampie, sarà un passo avanti per Ferrara che su questo tema è rimasta indietro, come dimostrano anche i numeri degli utenti che, secondo i dati forniti dagli uffici superano di poco le 10.000 unità. Anche in questo caso ci troviamo ad affrontare un sistema che presenta notevoli mancanze a causa della trascuratezza che l'amministrazione PD ha riservato al settore. Oggi, i vecchi amministratori, attaccano senza rendersi conto che quello che indicano è il risultato del loro approccio sbagliato ad un tema che deve essere inserito in una evoluzione complessiva della città".

"Tutti sanno quanto sia pretestuoso e strumentale parlare della millantata biblioteca alle Corti di Medoro che il Pd millantava di voler realizzare, peraltro all'interno di una caserma, ma senza mettere a bilancio nemmeno un euro per l'arredo per i libri per il personale. La nuova biblioteca di Ferrara invece la realizzeremo noi, e guarderà al futuro. E' questa la differenza tra il Pd e la Lega alla guida della città: noi agiamo concretamente, non semplicemente per sbandierare principi, ma puntando concretamente a migliorare il futuro. Per esempio guardando ai Fondi Europei per la realizzazione di un progetto articolato o ad una eventuale collaborazione con l'Università che cercheremo di coinvolgere nella progettazione dell'idea".

"Per quanto riguarda il turn over del personale, come abbiamo avuto modo di chiarire durante l'incontro con i sindacati, abbiamo previsto l'assunzione di tre figure che andranno a sostituire i pensionamenti già previsti, mentre a breve si avvierà una procedura di mobilità interna per ricoprire le cariche e i posti da bibliotecario che verranno mano mano a mancare con i prossimi pensionamenti".

"Nessuno ha l'intenzione di sminuire l'importanza di questo settore ma la strumentalizzazione politica che ne fa il Pd agitando un inutile spauracchio sulla chiusura delle biblioteche non fa bene a nessuno, soprattutto non a chi vuole rendere la nostra città sempre migliore".