Comune di Ferrara

mercoledì, 23 settembre 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nota dell’Amministrazione comunale su una prima ricognizione delle attività culturali, sportive e commerciali annullate o rinviate a causa dell’emergenza Coronavirus. Il sindaco Fabbri: “Grande attenzione al mondo associativo che organizza eventi"

Nota dell’Amministrazione comunale su una prima ricognizione delle attività culturali, sportive e commerciali annullate o rinviate a causa dell’emergenza Coronavirus. Il sindaco Fabbri: “Grande attenzione al mondo associativo che organizza eventi"

30-03-2020 / Punti di vista

 

Nota dell’Amministrazione comunale su una prima ricognizione delle attività culturali, sportive e commerciali annullate o rinviate a causa dell’emergenza Coronavirus.

Il sindaco Fabbri: “Grande attenzione al mondo associativo che organizza eventi per razionalizzare risorse e ripartire appena possibile nel modo migliore”

 

Il Comune di Ferrara ha inviato a metà marzo un questionario da compilare online alle associazioni ferraresi che producono e organizzano iniziative, appuntamenti, manifestazioni culturali, sportive e commerciali. L'iniziativa messa in campo dal Servizio Manifestazioni Culturali e Turismo ha coinvolto 115 soggetti del settore e i funzionari hanno fatto una prima elaborazione delle 90 risposte raccolte (circa l'80%), facendo emergere dati rappresentano l'attuale situazione del nostro territorio in questo settore.

"Fin dall'inizio dell'emergenza sanitaria che ha di fatto interrotto gran parte se non tutte le attività - ha spiegato il sindaco Alan Fabbri - abbiamo voluto fare questo monitoraggio per sondare il mondo dell'associazionismo e verificare la situazione attuale e le potenzialità, razionalizzando al meglio risorse economiche e umane. Questo ci permetterà di avere un quadro complessivo puntuale e una volta superata l'emergenza e mettere in campo iniziative rivolte a cittadini e turisti, distribuendo in modo utile i finanziamenti sulla base delle priorità e delle effettive azioni in calendario. Ci saranno infatti associazioni che riusciranno a portare avanti le proprie produzioni, altre invece che dovranno fermarsi e ridefinire tutti i programmi con tempi più lunghi".

Tutti i mercati e gli eventi programmati dal 24 di febbraio ad oggi, sono stati annullati, come quelli previsti per il mese di aprile. Molti sono stati posticipati a date che saranno prese in considerazione sia dalla Giunta, sia dagli uffici organizzativi comunali in quanto sarà necessario un ragionamento complessivo sulla collocazione in calendario per il 2020.
Diversi infatti sono gli eventi in programma per l'estate e l'autunno, che per mancanza di sicurezza e di tempi di programmazione e produzione, sono già stati annullati ad oggi.

Gli eventi annullati segnalati all'Amministrazione comunale ad oggi sono:
La furiosa (proposta di slittamento al 21/06); XIX Memorial Duran (proposta slittamento al 18/04); StraFerrara (proposta slittamento a fine settembre); Ferrara Film Festival; La caminada par San Zorz; Diari di viaggio; Week end della pace (proposta slittamento al 24-25 ottobre); Valli e nebbie; Cardini atelier aperti (proposta di slittamento al 22-24 maggio); Il cibo è chi lo fa; II trofeo Castello Estense; Una città a mattoncini; Feriae Ferrariae Matricolarum; Ferrara food Festival; Meeting atletica leggera; Pasqua in via Contrari; Raduno regionale delle forze anfibie Marina Esercito; Camminata della mimosa; Riaperture (proposta slittamento a giugno); Vulandra; Acido Acida (proposta slittamento a luglio); Rockafè/Sagra di S.Maurelio. (segnalazioni successive al 30-3-2020: Il Solito Festival)

A questo elenco vanno aggiunte ovviamente tutte le attività dei teatri, circoli, locali, le fiere e tutti gli eventi più piccoli organizzati direttamente dalle associazioni nelle proprie sedi.
A breve il Comune riceverà un questionario dalla Regione Emilia Romagna al fine di poter valutare anche la ricaduta economica a seguito di tutti questi annullamenti.

Questa prima ricognizione riferita alla mancata organizzazione di questi eventi, evidenzia il dato economico relativo ai contributi comunali richiesti e non utilizzati che ammontano a circa 75 mila euro. Considerato che il periodo di sospensione delle attività al momento non ha un termine definito, questa operazione di verifica andrà riproposta periodicamente.