Comune di Ferrara

domenica, 31 maggio 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Emergenza Coronavirus. Gli assessori Balboni e Fornasini chiedono ad Hera una nuova dilazione del pagamento della bolletta rifiuti a ristoro delle imprese

Emergenza Coronavirus. Gli assessori Balboni e Fornasini chiedono ad Hera una nuova dilazione del pagamento della bolletta rifiuti a ristoro delle imprese

29-04-2020 / Punti di vista

EMERGENZA CORONAVIRUS. GLI ASSESSORI BALBONI E FORNASINI CHIEDONO AD HERA UNA NUOVA DILAZIONE DEL PAGAMENTO DELLA BOLLETTA RIFIUTI A RISTORO DELLE IMPRESE 

"Per dare la possibilità al nostro comparto produttivo di poter riprendere l'attività e a sostegno delle imprese maggiormente colpite dall'emergenza COVID-19, è indispensabile provvedere ad un'ulteriore dilazione del pagamento della bolletta rifiuti. Per questo l'Amministrazione di Ferrara ha invitato Hera Spa a studiare un piano di rateizzo che preveda, anche per importi di bollette inferiori a 4.500 euro, un numero di rate maggiori rispetto alle tre già proposte dall'azienda. E, a fronte di questo accresciuto impegno che stiamo chiedendo ad Hera, l'Amministrazione comunale sta da tempo lavorando per individuare fondi straordinari da utilizzare a ristoro delle nostre imprese".

Così si sono espressi gli assessori comunali al Bilancio Matteo Fornasini e all'Ambiente Alessandro Balboni informando sul contenuto della lettera inoltrata nel giorni scorsi al presidente Hera Spa, comunicazione che ha fatto seguito alle due precedenti inviate dall'Amministrazione comunale all'inizio di marzo per chiedere già da quel momento la concessione di dilazioni/rateizzazioni delle fatture.

"L'ulteriore richiesta - hanno poi aggiunto gli assessori - è scaturita dall'aggravarsi delle difficoltà economiche per particolari categorie di utenze sia domestiche che non domestiche, per le quali potrebbe non bastare la possibilità offerta da Hera di un rinvio della scadenza del pagamento di 30 giorni o in alternativa la rateizzazione del pagamento in tre rate, nei tre mesi successivi fino ad importi delle bollette superiori a 4.500 euro. Tale situazione potrebbe generare comunque difficoltà di liquidità per l'utenza determinando così il mancato pagamento".