Comune di Ferrara

giovedì, 22 ottobre 2020.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Emergenza Coronavirus e sport, l'assessore Maggi: "Da lunedì sì all'attività sportiva, garantendo la sicurezza. Sul tema però servirebbe più chiarezza"

Emergenza Coronavirus e sport, l'assessore Maggi: "Da lunedì sì all'attività sportiva, garantendo la sicurezza. Sul tema però servirebbe più chiarezza"

02-05-2020 / Punti di vista

EMERGENZA CORONAVIRUS E SPORT, L'ASSESSORE MAGGI: "DA LUNEDI' SI' ALL'ATTIVITA' SPORTIVA, GARANTENDO LA SICUREZZA. SUL TEMA PERÒ' SERVIREBBE PIÙ' CHIAREZZA"

"Buone notizie: da lunedì finalmente si potrà riprendere l'attività sportiva. In questi giorni è stata fortissima l'attesa da parte di tutti gli sportivi ferraresi che non vedono l'ora di poter riprendere gli allenamenti. Purtroppo, però, ancora una volta va rilevata una mancanza di chiarezza nelle norme di riferimento che danno linee guida ma lasciano ancora troppi punti in sospeso sulle specificità delle singole discipline. In questo ipertrofismo normativo, regolamentare e interpretativo, provo quindi a fare un po' di chiarezza e dare operatività alle ultime previsioni di cui all'ordinanza regionale del 30 aprile. Questo nell'ottica di salvaguardare in primis la sicurezza sanitaria e, inoltre, di dare ossigeno a tutti quei centri sportivi e ricreativi che, anche in un momento difficile come questo, hanno lavorato con serietà e competenza".

Così l'assessore allo Sport, Andrea Maggi, annuncia la ripresa delle attività sportive così come definito dall'ordinanza regionale che ha specificato per l'Emilia Romagna le deroghe al decreto nazionale.

"E' bene fare il punto della situazione per evitare sbagli e per non incorrere in sanzioni - continua Maggi -. La prima distinzione da fare è tra atleti di interesse nazionale e atleti dilettanti. Per i dilettanti: da lunedì si potrà, in forma individuale, (con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti) svolgere attività motoria e sportiva all'aperto. Le discipline interessate, quindi, sono numerose e l'ordinanza elenca a titolo di esempio il ciclismo, la corsa, la caccia di selezione, la pesca sportiva, il tiro con l'arco, l'equitazione, ma l'elenco non è esaustivo. Si potranno praticare all'aperto tutti gli sport individuali, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale".

E prosegue: "Sarà di nuovo possibile fare jogging, andare in bicicletta e passeggiare liberamente e senza l'obbligo di rimanere in "prossimità dell'abitazione" (una definizione a mio parere equivoca e di incerta interpretazione), ma non si potrà andare fuori dall'ambito provinciale. E' chiaro che alcuni di questi sport, come il tiro con l'arco, l'equitazione e il golf possono essere praticati solo nei relativi impianti, i quali, di conseguenza da lunedì potranno riaprire. Le attività saranno consentite a porte chiuse, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento. Quali sono i criteri per determinare la distanza interpersonale? I parametri sono diversi: per l'attività motoria un metro, per quella sportiva due".

Rimangono inoltre fermi i protocolli di sicurezza che le varie Federazioni del CONI hanno adottato e che eventualmente andranno implementati nelle singole realtà.

E l'assessore specifica ancora: "Gli atleti professionisti e non professionisti anche di discipline sportive non individuali, riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e dalle rispettive Federazioni, potranno allenarsi in forma individuale nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento in strutture a porte chiuse", mentre non c'è "nulla di nuovo purtroppo per palestre, centri sportivi e piscine. Al momento non esiste ancora una data certa per la loro riapertura, anche se il Governo Conte ha parlato di una possibile riapertura il 18 maggio, insieme a bar, ristoranti, parrucchieri e centri estetici".

E Maggi conclude: "E' questa la speranza di tutti: il mondo dello sport di base sta soffocando, la mancanza di liquidità dovuta a questa prolungato stop rischia di far saltare un intero sistema che, non mi stancherò mai di ripetere, prima ancora della sua importanza sotto il profilo economico e occupazionale, è indispensabile per il benessere psicofisico dei cittadini".