Comune di Ferrara

domenica, 24 gennaio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Inaugurazione mostra virtuale "Autoritratti - Storie di oggetti" ideata da Fondo Plastico in collaborazione con Arca dei Talenti

Inaugurazione mostra virtuale "Autoritratti - Storie di oggetti" ideata da Fondo Plastico in collaborazione con Arca dei Talenti

04-05-2020 / A parer mio

«Gli oggetti non sono meri oggetti, ma sono portatori di informazioni storiche e biografiche: la storia del  design è la narrazione di una società che li esprime e di una cultura che li elabora» Andrea Branzi - Designer.

In occasione della Festa del Lavoratori del 1° maggio 2020 ore 18, inaugura sul web "Autoritratti - Storie di Oggetti", una mostra virtuale che vuole raccontare, attraverso i propri oggetti, gli  artigiani e i maestri d'arte dell'alto artigianato nazionale. Alla mostra virtuale partecipa anche la realtà artistica ferrarese Pachamama.

Nata da Fondo Plastico, realtà imprenditoriale che si occupa da diversi anni di promuovere e valorizzare l'Alto Artigianato, come idea nei primi giorni di emergenza da COVID-19, l'iniziativa  vuole essere un'azione concreta per dare voce ai tanti artigiani e Maestri d'Arte, in un periodo in
cui l'emergenza Coronavirus ha visto cancellare tantissime iniziative dedicate al mondo dell'Alto  Artigianato italiano e così come molti laboratori e "botteghe" artigiane sono state costrette a
 chiudere alcune delle quali ora, a distanza di più di un mese, stanno ancora aspettando di riaprire.
"Noi di Fondo Plastico" - afferma Federica Preto, curatrice della mostra - "abbiamo pensato che  dovevamo fare qualcosa per dare voce e visibilità ai tanti artigiani e Maestri d'Arte della nostra  penisola".

All'invito hanno risposto una cinquantina di realtà professionali tra Maestri d'arte, designer ed  artieri provenienti da tutto il territorio nazionale. Ad ognuno è stato chiesto di raccontare una  propria opera a livello emozionale: attraverso di essa il visitatore potrà immergersi e riconoscere la  sensibilità e la passione dell'artefice che l'ha realizzata. Ogni oggetto è custode di una storia che  deve essere scritta e raccontata, e rappresenta il suo vero valore immateriale. "Per chi ci conosce  sa che il racconto "- continua Federica Preto - "è sempre stato il filo conduttore delle nostre  iniziative. In questo particolare momento storico siamo tutti chiamati a riflettere e scrivere nuove  narrazioni per dare Valore al nostro lavoro." I racconti volutamente sono stati scritti in prima  persona, per avvicinare maggiormente chi li legge: essendo una mostra virtuale, in mancanza di  uno spazio fisico, si deve comunque cercare di creare una relazione di empatia con chi visiterà la  mostra e magari, creare quella curiosità che potrà portare a una conoscenza più approfondita  dell'autore. L'opera in questo modo diviene l'"autoritratto" di chi l'ha creata, elemento di  narrazione e conoscenza. L'oggetto artigianale racchiude in se una storia e questa deve venire  raccontata e valorizzata. L'Artigiano è custode di quel Saper fare autentico ed ambasciatore di una  cultura territoriale specifica che, attraverso l'oggetto (l'opera) viene espressa e, se raccontata, può  diventare cultura del proprio territorio.

I Maestri d'Arte, designer e artieri che selezionati ed esporranno alla mostra sono: Adriano  Pernigotti (VI), Alberto Alunni (PG), Alex Pellegrino (BR), Alfredo Gioventù (GE), Angela Simone (MI),  Arsine Nazarian (VE), Stefano Facchini (TV), AV Metal (NU), Barbara Uderzo (VI), Bhumi Ceramiche  (AV), Carolina Nigro (RM), Cautero Creazioni (UD), Ceramiche Gori (Castelfiorentino FI), Cristina  Busnelli (VI), Demis Martinelli (CR), Fabio Guerra (VI), Floriana Palmieri (SO), Gabriele Vazzoler (TV),  GioLelli (RM), Giuliana Collu (CA), Giuliano Negretto (VI), Impronte Gioielli (TN), Monica Martin (VE), La Bottega Verde Ramina (AP), Annapia Scogliani (Parigi), Elisa Betti (CO), Lidia Marti (CU), L'officinadi Luca (PG), Lou Arteceramica (VI), Manifatturerranti (RM), Marchea (TV), Maria Giovanna Zannini  (BL), Massimo Ballarin (VI), Massimo Doretto (VE), Matteo Seguso (VE), Maurizio Vazzoler (TV),  Nicola Tessari (VI), Pachamama (FE), Pietro Virzi (MI), Pol (VI), Roberta Risolo (LE), Rossana Rossetto  (VE), Sundari - Sabrina Bianco (TV), Sabrina Pandin (TV), Scricciolo di Marani Carlo (VR), Sergio  Innocente (BL), Sigolo Gioielli (MI), Terra & Tela (MI), TerzaForma (RO), Theo Design (TV).
La mostra resterà aperta fino al 31 maggio 2020 nel sito www.arcadeitalenti.com. Per tutta la  durata della mostra saranno organizzati incontri con gli artisti via web.
Durante l'esposizione virtuale il visitatore potrà votare l'opera preferita: l'autore dell'opera più  votata   riceverà in premio la possibilità di realizzare un video professionale sulla sua attività.
Inoltre, grazie a Beniculturalionline, media partner dell'iniziativa, ogni partecipante avrà la sua  scheda all'interno del loro sito, dove potrà raccontare il proprio laboratorio e il proprio luogo,  diventando così attrattore per il territorio specifico.

La mostra è ideata da Fondo Plastico, in collaborazione con Arca dei Talenti. Partner dell'iniziativa sono Beniculturalionline, Oasis srl e Fenster Laboratori di Thiene (VI). La realizzazione della parte  multimediale è a cura di Fabbrica Lumière (Asolo - TV).

Informazioni mostra:
"Autoritratti - Storie di oggetti" 1>31 maggio 2020
Dove: www.arcadeitalenti.com
Contatti: info@arcadeitalenti.com
Ingresso libero (orario continuato)
Ufficio stampa
Fondo Plastico | Alto Artigianato Tradizionale & Contemporaneo (Asolo - TV)
T. 338 4285914 M. info@fondoplastico.com
www.fondoplastico.com

- Descrizione dell'opera in concorso 
Collezione " le formelle " sono una serie di disegni incisi a mano quando l'argilla è ancora morbida... poi si cuociono... si smaltano a pennello e si ricuociono a 1200°C! L'idea è quella di rappresentare alcuni " valori " sui quali stiamo lavorando noi stessi... trasmettiamo ai nostri figli e vogliamo condividere anche con voi ... Una specie di promemoria per non dimenticare mai che veniamo al mondo per essere Felici ! ...

Questo disegno si chiama "piglia i pesci che ci riesci "
Si tratta di un gattino naufrago che pesca con l'unica cosa che gli è rimasta..." I baffi " ... e sorride perché il bello di questo mondo è esserci ! ... questo disegno rappresenta l'ottimismo...

"Piglia i pesci che ci riesci" Questo è il nostro motto... !
Nasce in un caloroso pomeriggio d'estate al fiume San Terno "Moraduccio" con i miei nipoti quando erano piccoli e io ero giovanissima ... ci andavamo spesso, assieme al mio fedele cagnolino Roccia, in un vecchio furgone-camper Volkswagen degli anni 70...che chiamavamo "Furbone" Quel giorno le bestiacce facevano tuffi a più non posso ,cercando di prendere i pesci con le mani...! In questa storia nessun animale è stato maltrattato già che non sono mai riusciti a prenderne uno...! In compenso ,a fine giornata, andando sotto nell' acqua, hanno trovato sul letto del fiume incastrati tra le rocce un bel Pó di soldini di carta che qualche sfortunato aveva perso.. A fine giornata li abbiamo spesi tutti in piadine e gelati al bar..
Questo quadretto, rappresenta la speranza e l'ottimismo spensierato della giovinezza mai persa ...
Quindi amico/a che leggi ... " piglia i pesci che ci riesci !!! "

Dedicata ai miei nipoti ... Maicol e Matteo ......zia Bige

-Luogo del cuore Serravalle:
Le rive del fiume Po albergano la meraviglia della natura nascosta ,quella parte invisibile che solo chi guarda con il cuore può notare, l'albero dove nidifica il picchio rosso, i suoni degli animali notturni nelle tiepide notti d'estate, il profumo indescrivibile reso intenso e unico dall' umididità della palude, le barche dei pescatori, mio nonno Cesarino, il fiume che scorre veloce come il tempo, la Villa abbandonata dei conti Giglioli e delle anime dei fantasmi che la abitano, gli inaspettati incontri ravvicinati con i barbagianni, gli sguardi della gente del paese, lavoratori instancabili nella terra del riso. Il vecchio acquedotto abbandonato nella golena che guarda tutto dall'alto testimone inerme della vita che scorre . La vecchia fornace che profuma ancora del sudore di chi lavorava per creare mattoni che poi furono usate per costruire il mio mondo .
La pianura con i suoi immensi e infiniti tramonti e la magnificenza del dio sole quando stanco si addormenta nella linea sottile dell'orizzonte. La campagna e mio padre contadino, il paesino dove mia madre fece la parrucchiera per 40 anni. Serravalle il mio luogo del cuore dove sono tornata con Sergio che viene dall'Uruguay. Serravalle il luogo dove crescono i miei figli ...

- Descrizione laboratorio Pachamama
Una piccola realtà di che nell'antica arte della ceramica ha scoperto uno spirito nuovo e fresco. Le nostre creazioni sono oggetti funzionali e decorativi straripanti di figure buffe, animaletti di ogni foggia, che mostrano una natura animata dalla dolcezza di una fantasia dimenticata. Una trama di creazioni uniche anima tutte le fasi di lavorazione: dal progettare la terra semirefrattaria al decorarla a smalti o ingobbi, fino al cuocerla nei forni ad altissima temperatura (1200°C). Siamo legati saldamente alla materia e alla sua manipolazione, amiamo trasformare il nostro mondo interiore in creazioni giocose e incantate...

(Comunicazione a cura degli organizzatori)

Immagini scaricabili: