Comune di Ferrara

mercoledì, 05 agosto 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Emergenza Coronavirus, pronto il documento unitario Ausl - Azienda Ospedaliera. Fabbri convoca la CTSS: "Ringrazio i dirigenti. Il documento ora al vaglio dei sindaci"

Emergenza Coronavirus, pronto il documento unitario Ausl - Azienda Ospedaliera. Fabbri convoca la CTSS: "Ringrazio i dirigenti. Il documento ora al vaglio dei sindaci"

08-05-2020 / Punti di vista

EMERGENZA CORONAVIRUS, PRONTO IL DOCUMENTO UNITARIO AUSL-AZIENDA OSPEDALIERA

FABBRI CONVOCA LA CTSS: "RINGRAZIO I DIRIGENTI. IL DOCUMENTO ORA AL VAGLIO DEI SINDACI"

Nella giornata di oggi il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, in qualità di Presidente della Conferenza Territoriale Socio Sanitaria, ha convocato per il prossimo martedì 12 maggio 2020 alle ore 11,30 una nuova seduta della Ctss dedicata al tema Coronavirus e linee guida per la ripartenza. Durante la seduta verrà illustrato e discusso il Piano per l'Emergenza Covid della Provincia di Ferrara elaborato unitariamente dall'Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara e dall'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, così come espressamente richiesto dal Presidente Fabbri.

"Ringrazio i dirigenti di Ausl e Azienda ospedaliera per aver condiviso la necessità di elaborare un linea strategica condivisa che sarà utile per garantire al nostro territorio una ripartenza anche in ambito sanitario. Ho inviato il documento a tutti i sindaci per le osservazioni e le riflessioni che riguardano i singoli territori, in attesa di un confronto aperto sul documento in sede di Ctss", commenta Fabbri.

In sintesi il documento esplicita le linee programmatiche assistenziali non solo relative all'assistenza ospedaliera, ma più in generale per la pianificazione di tutto ciò che in ambito sanitario si fa sul territorio provinciale per l'emergenza Covid.

Insieme ad altri aspetti vengono affrontate le azioni rivolte ai quarantenati a domicilio, le azioni sviluppate nell'ambito delle strutture residenziali socio-sanitarie, le attività dei medici di medicina generale, i pediatri e i medici di continuità assistenziale e uno spazio specifico viene riservato ai protocolli per l'attivazione delle Unità speciali di Continuità Assistenziale (USCA).