Comune di Ferrara

mercoledì, 08 luglio 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Caserma dismessa Pozzuolo del Friuli, Maggi "Uno dei buchi neri della città, va restituita alla fruizione della collettività"

Caserma dismessa Pozzuolo del Friuli, Maggi "Uno dei buchi neri della città, va restituita alla fruizione della collettività"

25-05-2020 / Punti di vista

"E' uno dei buchi neri della città: l'ex caserma Pozzuolo del Friuli va restituita alla fruizione della collettività, dopo una chiusura e l'inutilizzo che si protrae da troppo tempo". Queste le parole dell'assessore comunale ai Lavori Pubblici Andrea Maggi a margine della riunione in collegamento audio-video svoltasi questa mattina, lunedì 25 maggio, assieme al Direttore generale Sandro Mazzatorta e al Dirigente Capo settore Urbanistica Fabrizio Magnani, con i responsabili della Cassa Depositi e prestiti, dal 2013 proprietaria dell'intero comparto.

"La sua trasformazione deve diventare un intervento di rigenerazione urbana in attuazione della nuova disciplina urbanistica regionale - spiega l'assessore Maggi -. Stiamo parlando di 28.000 mq in una delle zone più pregiate della città, tra Palazzo Schifanoia, la zona universitaria e l'ex Ospedale Sant'Anna, oggi Cittadella della Salute. L'imminente processo di formazione del Piano Urbanistico Generale è un'opportunità per favorirne la riqualificazione. Si tratta di una area dove insistono vincoli archeologici e vincoli architettonici, con luoghi che presentano diverso interesse urbanistico. Per alcuni non sono consentiti interventi di ristrutturazione o suddivisione, per altri invece è possibile intervenire con un grado di libertà maggiore".

E' con queste basi e su questi presupposti che l'Amministrazione comunale sta valutando tutti gli scenari possibili - e oggi sono sono stati mossi i primi passi con l'ente proprietario - all'insegna della "massima collaborazione tra pubblico e privato - sottolinea Maggi - con l'obiettivo del più ampio inserimento di contenuti, funzioni e compatibilità con le caratteristiche e prerogative del centro storico, alla opportuna valutazione in relazione con gli altri contenitori, come il vicino complesso di San Rocco".