Comune di Ferrara

martedì, 27 ottobre 2020.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Film di Antonioni aprirà la sezione "Venezia classici" a 13 anni dalla scomparsa

Film di Antonioni aprirà la sezione "Venezia classici" a 13 anni dalla scomparsa

30-07-2020 / A parer mio

di Maria Cristina Nascosi Sandri

La 77a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia ha scelto in quest'anno così problematico di far ospitare una delle sue sezioni più importanti, quella di Venezia Classici, all'interno del programma del festival Il Cinema Ritrovato, promosso dalla Cineteca di Bologna, che si svolgerà dal 25 al 31 agosto a Bologna.
Questa più che unica collaborazione tra i due festival è segno concreto della solidarietà esistente e della possibilità di superare le difficoltà del momento, individuando inedite modalità condivise per uscire dall'isolamento, anche culturale, provocato dalla pandemia.
La selezione di Venezia Classici 2020, arricchita di ulteriori titoli, verrà poi replicata a Venezia nei mesi successivi.
Venezia Classici è la sezione che a partire dal 2012 presenta alla Mostra, in anteprima mondiale, e con un sempre crescente successo, una selezione dei migliori restauri di film classici realizzati nel corso dell'ultimo anno da cineteche, istituzioni culturali e produzioni di tutto il mondo.
E' curata dal direttore della Mostra, Alberto Barbera, in collaborazione con Federico Gironi.
Notevole e significativa, come sempre, la scelta, quest'anno in particolare, del film di apertura.
Si tratta di "Cronaca di un amore" di Michelangelo Antonioni, magnifico bianco e nero del 1950 restaurato dalla Cineteca di Bologna.
L'evento coincide con i 70 anni del film, come è noto, primo splendido lungometraggio del Regista, girato tra la sua città natale, Ferrara e il capoluogo lombardo.
In esso già presenti la cifra stilistica e l'etica del suo essere cineasta di rango: nel tempo, la sua 'ars' cinematografica, cambierà la storia del cinema internazionale, lui maestro tra i maestri, mancato il 30 luglio di 13 anni fa.
E da ricordare pure la sempre viva ricerca musicale che Antonioni ha operato nei suoi film proprio ad iniziare da "Cronaca di un amore" che ‘vanta' una colonna sonora firmata da Giovanni Fusco - musicista d'avanguardia e padre della moderna musica da film, come l'aveva definito il critico e storico Ermanno Comuzio e come ebbe a dichiarare, anni fa lo stesso grandissimo Ennio Morricone, scomparso lo scorso 6 luglio.

Michelangelo Antonioni, regista, sceneggiatore, montatore, scrittore, pittore e critico cinematografico italiano, è nato a Ferrara il 29 settembre 1912 e morto a  Roma il 30 luglio 2007