Comune di Ferrara

venerdì, 25 settembre 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Teatro Nucleo ospita due nuove residenze creative che si apriranno alla città durante il Festival Totem Scene Urbane

Teatro Nucleo ospita due nuove residenze creative che si apriranno alla città durante il Festival Totem Scene Urbane

17-08-2020 / A parer mio

(Comunicato a cura di Teatro Nucleo)

Ferrara a settembre sarà una fucina di produzione artistica in relazione con cittadini e comunità, con spazi e istanze, dal locale all'universale. Al Teatro Julio Cortàzar (via della Ricostruzione 40, Pontelagoscuro), Teatro Nucleo ospiterà e supporterà infatti la produzione dei progetti vincitori di due bandi parte del programma Artisti nei Territori che attraverseranno le strade della città estense durante il Festival Totem Scene Urbane, dal 18 al 20 settembre 2020.

Il primo bando, I Notturni della Città, dedicato espressamente alla città estense, ha richiesto progetti site specific legati alle personalità artistiche che l'hanno attraversata. Il secondo bando, Visioni d'insieme. Portare la poesia nelle strade, è invece dedicato alla produzione artistica per gli spazi aperti. Ferrara, casa di Teatro Nucleo, e gli spazi aperti, in cui l'arte viene pensata per spettatori non professionisti, rappresentano infatti due cardini di intervento fondanti della poetica e dell'agire di Teatro Nucleo, Compagnia teatrale, centro di produzione, formazione e ricerca che da 40 anni porta a sintesi nei suoi interventi senso di comunità e universalismo.

Numerose le proposte arrivate da tutta Italia, tra cui sono stati selezionati i due vincitori che produrranno a Pontelagoscuro i loro spettacoli e li presenteranno dal 18 al 20 settembre all'interno del Festival Totem Scene Urbane, organizzato e promosso da Teatro Nucleo con il sostegno del MiBACT, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Ferrara.

Si intitola Sotto i lampioni di Ferrara (smetteremo poi questa operazione commerciale di guardarci dentro e guardarci attorno), il progetto teatrale itinerante ispirato all'opera di Vasco Brondi con cui Marco Intraia ha vinto il bando per residenza artistica I Notturni delle città. Con la supervisione e il tutoraggio di Andrea Maurizi, direttore artistico e regista del Teatro delle Condizioni Avverse, il giovane attore torinese, con la collaborazione alla drammaturgia di Enrico Bollini, creerà una drammaturgia in divenire che, attraverso un viaggio in bicicletta, porterà a raccontare la città e i suoi abitanti incontrando la poesia cruda, scura e tagliente di Vasco Brondi, protagonista della scena indie rock cresciuto a Ferrara, per intrecciare la narrazione del "Lucio Battisti allucinato del Nord e degli anni Zero" con le impressioni dei cittadini a proposito di amore, lavoro e provincia, raccolte durante la residenza artistica. Urbanistica, architettura e particolari della città si fonderanno così con i pensieri di chi la vive, tramite una indagine esplorativa che prevede passeggiate, interviste e incontri a tema con i cittadini, in particolare con i più giovani.

Dalla città di Ferrara, dalla sua comunità, si passa quindi ad un afflato universale attraverso il collettivo Aidoiru, vincitore del bando per residenza di creazione artistica Visioni d'insieme. Portare la poesia nelle strade con Kakawa, progetto site specific ibrido tra performing arts e musica, che prende forma attraverso un racconto che non risiede in un luogo e non possiede un tempo preciso. È una drammaturgia piena di profezia, desiderio di mutamento e messa in discussione dell'identità. Una riflessione sulla perdita e sulla responsabilità dell'uomo nella tutela degli habitat, che si esprime attraverso una narrazione inedita e al tempo stesso tradizionale, che riporta ad alcune fiabe antiche, un racconto universale, che tutti possono vivere e ascoltare.

Dopo la produzione al Teatro Cortàzar, all'interno del programma di residenze Artisti nei Territori - Teatro Nucleo, infatti, dall'ottobre 2018 è tra le cinque Residenze per Artisti nei Territori selezionate in Emilia Romagna -  gli artisti con i nuovi spettacoli attraverseranno varie zone di Pontelagoscuro, collegandolo con il centro di Ferrara durante i tre giorni del Festival Totem Scene Urbane da venerdì 18 a domenica 20 settembre.

I temi al centro dei due lavori - le componenti luminose e quelle più complesse legate ai conflitti, all'odio, la rabbia e la paura che, come dice Zizek, abitano i "tempi interessanti" in cui viviamo per lo spettacolo di Marco Intraia; il mutamento, l'identità, la responsabilità per gli Aidoru - saranno discussi e affrontati il 18 e 19 settembre nei laboratori Micromondi, tenuti sempre al Teatro Cortazar dal critico Renzo Francabandera e dall'esperta di linguaggi Michela Mastroianni: percorsi creativi, aperti a tutti e che amplificano spazi di riflessione, come sempre nelle azioni di Teatro Nucleo.

Per informazioni su Teatro Nucleo: http://www.teatronucleo.org/
Per informazioni su Totem Scene Urbane: http://www.totemsceneurbane.it/

 

Immagini scaricabili:
il collettivo Aidoiru e 'Sotto i lampioni' di Ferrara di Marco Intraia

Immagini scaricabili:

Aidoru_Kakawa_Residenza Teatro Nucleo.jpg Marco Intraia_Sotto i lampioni di Ferrara_Residenza Teatro Nucleo.jpg